IL FORUM

DISCUTIAMO DI PARANORMALE DAL 2001

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: I maestri invisibili, secondo Igor Sibaldi

I maestri invisibili, secondo Igor Sibaldi 10 Mesi 2 Settimane fa #1

  • Guglielmo da Baskerville
  • Avatar di Guglielmo da Baskerville
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2238
  • Ringraziamenti ricevuti 600
  • Karma: 32
Ciao a tutti,

mi sono più volte imbattuto in alcune conferenze (su Youtube) di Igor Sibaldi, personaggio interessante ed anche simpatico.
Ho letto il suo libro "Maestri invisibili", ma non ho mai partecipato ai suoi seminari.
Una cosa che trovo interessante, anche se inizialmente può spiazzare e deludere chi cerca i famosi "spiriti guida" è che Sibaldi dice che gli spiriti sono in qualche modo "noi stessi" o noi siamo anche gli spiriti guida. A questo punto, ricordo che la prima volta che l'ho sentito parlare in questi termini, mi sono detto: "Eccolo lì, lo sta ammettendo anche lui. Non esistono maestri invisibili o spiriti guida, ma è tutta un'immaginazione dello sperimentatore. E' la sua mente che in qualche modo crea questi personaggi e da' loro voce e contenuti, messaggi, sia pure di significato profondo... Del resto noi abbiamo in noi stessi una saggezza che non sempre esploriamo."

Ma non è proprio questo che intende Sibaldi. Con un giro di parole (ed uno schema per aiutare a capire) egli afferma che il nostro Io è immerso in una dimensione in cui il nostro Io è noi stessi, ma anche qualcosa che non è noi stessi. In pratica la nostra essenza non è soltanto nostra, ma è anche qualcosa d'altro con cui possiamo venire in contatto.
Questo concetto, in apparenza un po' strampalato, si può comprendere meglio se si legge Jung, dal quale in effetti Sibaldi ha attinto in quanto, per sua stessa ammissione, ha avuto un grande amore per gli scritti di Jung, in parte rovinato dal fatto che Jung non volle mai affrontare (se non post-mortem, in un libro affidato ai suoi cari) la questione degli spiriti guida, forse perché temeva d'essere deriso dai colleghi.
Comunque Jung sostenne concetti come inconscio collettivo, archetipi e così via. In questi concetti emerge non solo la psiche dell'individuo, ma anche quella comune a tutto il genere umano, andando anche indietro nell'antichità ed in tutti gli angoli del pianeta.
Con questa idea in mente, appare meno strampalato il pensiero di Sibaldi per cui noi siamo noi stessi, ma anche qualcosa che non siamo noi stessi ma è altro. Gli spiriti guida potrebbero prendere le sembianze plasmate dalla nostra fantasia (un indiano d'America, un aborigeno australiano, e così via) ma i messaggi che portano potrebbero non essere "inventati" da noi, ma sono dentro di noi in quanto li abbiamo ricevuti in eredità dagli antichi. Quindi sarebbero nostri, ma non sarebbero del tutto nostri al tempo stesso. Un po' come dire che il nostro DNA è nostro in quanto individui, ma è antico quanto la storia della vita su questo pianeta. Quindi non è nostro perché nato da noi. Le informazioni che trasporta non le abbiamo inventate noi.
Se questo valesse anche per la sfera spirituale e quella della saggezza, allora gli spiriti guida potrebbero essere veri in questo senso.

Il messaggio comincia a sfuggirmi di mano, tuttavia, quando Sibaldi riporta i dialoghi avvenuti con tali entità. Completi di battute di "spirito" :fantasma: , prese in giro e così via. I messaggi tramandati dall'antichità sono messaggi e basta, sono contenuti. Non sono dotati di volontà e capacità di pensare in maniera autonoma.
Quindi a che cosa dobbiamo attribuire questi dialoghi? Ad un dialogo di Sibaldi con se stesso, basato su contenuti veicolati dagli antichi?
Una scissione della sua stessa mente, che si mette ora nei panni di se stesso ed ora in quelli dei maestri invisibili?

Fatemi sapere se siete andati ad un suo seminario o conferenza, se avete letto i suoi libri e che cosa ne pensate.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

I maestri invisibili, secondo Igor Sibaldi 10 Mesi 2 Settimane fa #2

  • Anathema
  • Avatar di Anathema
  • Offline
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 703
  • Ringraziamenti ricevuti 171
  • Karma: 4
Tempo fa ho visto anche io alcune delle sue conferenze... Ma non mi aveva convinto fino in fondo.
Detto questo, per la stima nel caro amico Guglielmo ne ho messe un paio in coda... Appena ho qualche minuto libero lo ascolterò di nuovo, chissà che non cambi idea.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.