Chiudi

Uomo con cappello e occhi rossi visto da mio figlio piccolo.

  • Questo topic ha 21 risposte, 7 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 2 anni, 7 mesi fa da Anonimo.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 22 totali)
  • Autore
    Post
  • #24255
    Anonimo
    Inattivo

    Buon giorno ragazzi, sono una nuova iscritta e dopo aver letto un pò delle vostre esperienze ho deciso di raccontarvi la mia, sperando che voi esperti mi possiate chiarire qualche dubbio. Ho 2 bimbi, uno di 5 anni e l’altro di 1. Il mio primo è sempre stato un bimbo tranquillo, mangiava, dormiva, non ha mai fatto danni per casa… insomma il classico bimbo che vorremmo avere un pò tutti. Però, fin da quando l’ho portato a casa dall’ospedale ci sono stati alcuni episodi che mi hanno lasciata un pò perplessa pur avendo dato una (mia) spiegazione razionale. Fin da piccolino (parliamo di pochi mesi) rimaneva per diverso tempo a fissare il soffitto e, se cercavo di attirare la sua attenzione, lui non mi calcolava proprio, continuava a fissare il soffitto e a sorridere. Ricordo che, quando lo cambiavo, in bagno sul fasciatoio, lui guardava un angolo del soffitto e rideva ed interagiva proprio come se qualcuno lo giocasse. Avete presente quando si fanno le smorfie e con un dito si tocca il mento del bimbo per farlo ridere? Ecco lui, da come si comportava, sembrava proprio che ci fosse qualcuno che lo giocasse in questo senso. Io lo chiamavo, ci parlavo, ma lui non mi dava retta, fino a che non finivo di cambiarlo e lo riportavo in salotto. Naturalmente, essendo così piccolo, ho pensato che magari veniva attratto dal gioco di luci/ombre, che crea il lampadario o la luce del sole che entra dalla finestra. Comunque, il tempo passa e il bimbo compie 2 anni. Ormai camminava e parlottava, infatti lo sentivo giocare per conto suo coi suoi giocattoli ma come se giocasse sempre con qualcuno ed anche quando lo cambiavo (sempre sul solito fasciatoio in bagno) lui guardava il solito angolo e rideva e si nascondeva la faccia con le manine come fanno i bimbi quando vogliono fare i timidoni. Al chè, io ho iniziato a parlare di questi strani comportamenti con i miei e se chiedevamo a lui cosa vedesse, lui si innervosiva, cercava di cambiare discorso ed il più delle volte andava via. Sembrava proprio che gli desse fastidio parlare di questa cosa. Comunque, un giorno (o sera, ora non ricordo), arriva il solito momento del cambio sul fasciatoio e lui come al solito inizia a ridere e giocare guardando il solito angolo del soffitto.. ad un certo punto, cambia espressione e lo vedo proprio impaurito. Si copre gli occhi con le manine e mi dice “Mamma, brutto, brutto, caccialo”. Io gli chiedo “Ma chi è che ti fa paura, dillo a mamma che lo picchio” e lui “Il signore col cappello e gli occhi rossi, caccialo mamma”, così io, prendo in braccio il piccolo, mi giro per guardare nello stesso punto dove guardava lui ed esclamo “Vattene via e non dare più fastidio al mio bimbo”. Kevin (si chiama così mio figlio) mi abbraccia, si rilassa e mi dice “È andato via, non c’è più”. Sembrerà strano ma da quel giorno ha smesso di guardare il soffitto, giocare, diciamo da solo, e non mi ha mai più detto di vedere qualcuno. Ora son passati 3 anni e non è più seccesso niente. Io non so cosa sia potuto accadere, ho spiegato il tutto sempre pensando al famoso gioco di luci/ombre che si può creare sul soffitto, però vedere le espressioni (di gioco prima e di terrore poi) sul volto del mio piccolo mi ha parecchio turbata.

    #77771
    Anonimo
    Inattivo

    Ciao, ci sono teorie secondo cui i bambini molto piccoli vedono gli angeli. Ho letto anche altrove di bambini che guardavano qualcosa di invisibile agli adulti ridendo. Da qui qualcuno ha ipotizzato che i più piccoli per qualche motivo fossero più propensi a vedere esseri di altre dimensioni. Ora, se vogliamo credere al fatto che i bambini vedano gli angeli, si può pensare che possano vedere anche creature un po’ più spaventose e poco amichevoli.
    D’altra parte c’è anche chi dice che i bimbi abbiano molta fantasia e quando sono davvero molto piccoli non riescono ancora a comprendere bene dove iniziano e finiscono i confini tra fantasia e realtà, da qui il vedere e interagire anche con amici immaginari.
    Il fatto che lui non abbia più visto nulla dopo che hai cacciato via con le parole quella presenza, mi fa pensare proprio a una vivida fantasia. Sei riuscita a trasmettere sicurezza a tuo figlio e quindi il suo spavento si è placato facendo sparire anche il motivo della sua paura.
    Cara Erika, vorrei in ogni caso assicurarti e dirti che per me non hai nulla di cui preoccuparti… infatti, ripeto, non è la prima volta che leggo di questi particolari comportamenti nei piccini che possono lasciare sorpresi gli adulti :aa:
    Detto questo lascio la parola ad altri.

    #77776
    Anonimo
    Inattivo

    Cara Nyma, mi trovo pienamente d’accordo con te. Forse, visto che Kevin è sempre stato molto attaccato a me, pronunciando quelle parole lui si sia sentito protetto e torno a credere, come giustamente hai osservato tu, che il piccolo giocasse molto di fantasia concrentrandosi proprio su quelle ombre che si creano grazie al lampadario acceso o al sole che filtra dalla finesta… o almeno spero che sia così. Lui, in ogni caso, era veramente convinto di ciò che stava vedendo…

    #77777
    Anonimo
    Inattivo

    Forse ci vorrebbe un pediatra o chi si intende per professione di comportamenti di bambini così piccoli per poter avere un’ipotesi di cosa potesse accadere agli occhi del tuo bambino, o sapere quanto di frequente sono riportati casi come questi e quanto hanno in comune i casi tra loro.

    Quello che mi sento di dire io dalla mia posizione è che innanzitutto, qualunque cosa stesse accadendo, se non è capitato più nulla devi comunque stare tranquilla. :cheers:

    Entrando nello specifico inizialmente leggendoti pensavo anche io che potesse vedere qualche ombra, o qualche macchia sul soffitto o chissà cosa che attirasse la sua attenzione e lo divertisse o lo spaventasse, e le reazioni emotive dei bambini così piccoli sono così volubili che non mi sorprenderebbe se passasse immediatamente dalla sorpresa al terrore per il medesimo soggetto. Però dal momento che ha detto occhi rossi e cappello, direi che vedeva (o era convinto di vedere) qualcosa di più. Quello che mi chiedo io è quanto è possibile che, se ci fosse stata veramente un’entità del genere, sarebbe bastato un tuo “vattene via!” magari detto più per far contento il bimbo che per una convinzione interiore a debellare l’entità. O hai particolari poteri esorcistici o forse al tuo bambino è bastato sapere psicologicamente di essere al sicuro per debellare lui una sua fantasia. Magari aveva visto l’uomo col cappello da qualche parte e quell’immagine aveva impressionato in modo distorto la sua immaginazione, o magari nel suo esplorare l’ambiente circostante ha visto qualcosa che ha recepito per pareidolia all’inquietante volto di un uomo col cappello che ha poi proiettato sul soffitto.

    Poi chissà, magari non sei tu ad avere i poteri ma il sentirsi difeso ha fatto scaturire nel bambino quell’energia spirituale che magari solo i bimbi hanno che ha potuto cacciare l’entità. Di ipotesi se ne possano fare anche di diverse. La perplessità resta, ma pensando a ciò che penso sia stato più probabile (chissà in una mente così attiva come quella esplorativa di un bambino molto piccolo quali associazioni si creano) e al fatto che non è più capitato niente, dormirei sonni tranquilli.

    #77779
    Anonimo
    Inattivo

    Ciao Emiliano e grazie della tua risposta. Effettivamente anche io so che non basta un semplice “vattene via” per scacciare un’ipotetica entità. Quello che mi ha lasciato perplessa è stato vedere proprio l’espressione di mio figlio cambiare tutto d’un colpo. Da chè rideva e sembrava farsi quasi coccolare, tutto ad un tratto ha proprio chiuso gli occhi, si è protetto con le manine e si divincolava, piangendo e chiedendomi di “mandar via” quel “signore”. Credo anche io che sia stato qualche gioco di luci/ombre, però sai, ancora oggi quando ne parlo un brivido mi percorre la schiena. In più voglio aggiungere che ha smesso di comportarsi in modo diciamo “strano”, non tanto subito dopo che io ho fatto “la mia parte” quanto dopo che i miei continuavano a chiedergli cosa vedesse. Si rifiutava ogni volta di parlarne e anzi si arrabbiava e scappava via. Comunque, giusto come hai detto tu, non è più successo nulla, (anche se pure il mio piccolino, alcune volte, si ferma a guardare il soffitto, specie in bagno, e ad indicare col dito) ma torno a ripetere che forse è solo la loro immaginazione che chissà cosa caspita gli fa vedere. In ogni caso sono abbastanza tranquilla e leggere i vostri commenti, che siete più esperti di me in materia, mi tranquillizza ancora di più.

    #77781
    Anonimo
    Inattivo

    Anche ipotizzando che vedesse davvero un’entità, vorrebbe dire che per tutto il tempo nonostante il suo piuttosto inquietante aspetto lo percepiva positivamente, ma poi tutto d’un colpo è cambiato. Ma il
    bimbo sdraiato sul fasciatoio difficilmente può aver fatto qualcosa che giustificherebbe un simile cambiamento di umore del soggetto, tantomeno tu, a meno che fossimo in un film con l’intento di inquietare. Mi suona strano ecco. A meno che non è sempre la stessa entità che vedeva, questo lo sai?

    #77780
    Anonimo
    Inattivo

    Scusa Emiliano, come mai è stato cambiato il titolo del messaggio? Adesso non ricevo più le notifiche via email. È una semplice curiosità, così, magari, inizio a capire meglio come funziona il sito… grazie

    #77782
    Anonimo
    Inattivo

    Allora, all’inizio, quando lo senivo parlare da solo mentre giocava ed io gli chiedevo con chi parlasse, lui mi diceva con un signore coi baffi. Quella volta lì nel bagno invece mi disse che c’era sto signore col cappello e gli occhi rossi. Ti ripeto, non ho mai preso molto sul serio questa cosa, perchè ho sempre pensato che il mio bimbo avesse una fervida immaginazione e che tutto ciò si riflettesse nei giochi che faceva. Sono stati i miei a farmi, diciamo, un pò insospettire, perchè sai le credenze popolari, mio marito che mi diceva “vede mio nonno” (il signore coi baffi), a volte lo prendevano pure in giro (sempre scherzosamente), e quindi mi sono messa ad osservare con un pò più di malizia, sempre però credendo che non fosse nulla di che.

    #77783
    Anonimo
    Inattivo
    ParanormalStudio Emiliano wrote:
    Anche ipotizzando che vedesse davvero un’entità, vorrebbe dire che per tutto il tempo nonostante il suo piuttosto inquietante aspetto lo percepiva positivamente, ma poi tutto d’un colpo è cambiato.

    Potrebbe anche aver visto due entità diverse, prima una amichevole e poi una più inquietante che si è “inserita” nella visione facendo sparire la prima.

    #77784
    Anonimo
    Inattivo

    Io proprio non ci vorrei credere, però ripercorrendo oggi quei ricordi e vedendo anche il piccolino che ha un atteggiamento strano, inizio a chiedermi se forse veramente ci possa essere qualcosa. Il mio piccolino di 1 anno è molto più “ribelle” del primo che era molto pacato e tranquillo. È da circa 4 mesi che puntualmente si sveglia all’una e mezza di notte in preda a forti pianti quasi isterici e smette solo se me lo prendo in braccio e lo faccio dormire con me. Saranno i denti? Sarà una brutta abitudine che ha preso? Non lo so! Non l’ho capito. So solo che a qualsiasi ora si addormenti, che siano le 10, le 11, mezzanotte o l’una, all’una e mezza puntuale come un orologio svizzero si sveglia piangendo ed urlando come un pazzo. Ieri ho provato a farlo addormentare e a tenerlo in braccio fino alle 2, poi l’ho messo nella culla… bene alle 3 si è svegliato urlando e piangendo e dimenandosi come al solito fino a che non lo ripreso e non me lo sono messa vicino. Tutto questo di giorno non accade, si fa i suoi riposini pomeridiani in tutta tranquillità. Bho! Non riesco veramente a capire cosa lo disturbi così tanto.

    #77772
    Anonimo
    Inattivo

    Ciao Fadda,
    devo dire che la tua storia, inizialmente mi aveva molto impressionato…
    Solo che il finale mi ha indotto a ridurre tutto ad una questione più psicologica che paranormale.
    Come giustamente ha sottolineato Emiliano prima di me, sarebbe un caso straordinario quello di una presenza cacciata da uno strillo di una mamma.
    E’ più probabile che quelle tue parole abbiano rassicurato il tuo bambino piuttosto che spaventato qualche entità.

    Detto questo ora, dopo anni, se tuo figlio si sveglia di notte, ripetutamente, piangendo in questo modo… Mi viene solo una domanda: lo hai fatto visitare da un pediatra? Così magari escludiamo qualche “dolore” reale (denti, coliche ecc)… Perchè un semplice pianto non mi sembra collegato con gli episodi degli anni precedenti.

    #77773
    Anonimo
    Inattivo

    Nei primi anni di vita seppure non l’ho provato personalmente ma ho amici molto vicini che subiscono la tortura, è piu che normale questo continuo dormiveglia notturno (sia per il bimbo che purtroppo per loro). Che sia per una poppata, una carezza o proprio per nulla. Anche il fatto che si sveglia puntuale può benissimo essere una regolazione interna come molti di noi anche senza sveglia ci svegliamo puntualmente a una data ora.

    Quello che voglio dire è che è vero che nessuno, nemmeno il bimbo stesso, ora puo dirci il perché piange quindi resta tutto possibile, ma tieni presente che oltre all’enutà esistono molteplici spiegazioni meno preoccupanti di quanto accade e forse è sbagliato che tu riversi su di lui tanta preoccupazione dovuta all’esperienza precedente. Tra tutte, ognuna con la propria probabilità, il mio consiglio è di non andare a pescare quella meno serena sia per te che per lui

    #77787
    Anonimo
    Inattivo
    Anathema wrote:
    Detto questo ora, dopo anni, se tuo figlio si sveglia di notte, ripetutamente, piangendo in questo modo… Mi viene solo una domanda: lo hai fatto visitare da un pediatra? Così magari escludiamo qualche “dolore” reale (denti, coliche ecc)… Perchè un semplice pianto non mi sembra collegato con gli episodi degli anni precedenti.

    No, non è il mio primo figlio che si sveglia piangendo ma il secondo. E comunque credo che abbia ragione Emiliano. Mi sto forse un pò suggestionando e sicuramente il piccolino avrà preso questa “bella” abitudine di dormire in braccio a me. Credo che sia meglio lasciare le cose così come stanno e non cercare a tutti i costi di andare a spulciare eventi che non esistono, anche perchè, sono convinta, che più ignori e meglio è… non vi pare? Cioè, voglio dire che, anche se, malaguratamente ci fosse veramente qualcosa, credo che sia meglio far finta di niente ed ignorare. Ma comunque, torno a ripetere che mi avete tranquillizzata con i vostri pareri più che logici e mi avete riportata a pensare più razionalmente. Vi ringrazio veramente di cuore.

    #77789
    Anonimo
    Inattivo

    Non credo, ma magari più avanti saprà raccontarti qualcosa. Non credo perché restano ben pochi ricordi, c’è ben poca consapevolezza, di quei primi periodi. Però chissà mai

    #77790
    Anonimo
    Inattivo
    ParanormalStudio Emiliano wrote:
    Non credo, ma magari più avanti saprà raccontarti qualcosa. Non credo perché restano ben pochi ricordi, c’è ben poca consapevolezza, di quei primi periodi. Però chissà mai

    Scusa Emiliano, non ho ben capito cosa vuoi dire.

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 22 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.