Chiudi

Storie di Fantasmi!!.

  • Questo topic ha 13 risposte, 6 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 11 anni fa da Anonimo.
Stai visualizzando 14 post - dal 1 a 14 (di 14 totali)
  • Autore
    Post
  • #19186
    Anonimo
    Inattivo

    Come tutti voi, penso, io adoro le storie ed i racconti di paura! Mi piace raccontare e ascoltare queste storie che mettono sempre un pò di ansia addosso e che ci danno sempre quella sensazioni di essere osservati!! é stupendo!!

    Cmq io ne conosco alcuni, leggende, storie, racconti popolari che ogni tanto racconto anche x la 3° o la 4° volta ad amici a cui piace sentirle!
    A me piacciono soprattutto quei racconti popolari legati a vecchi periodi tipo 1850-1900 in cui la gente credeva a tutto!
    In questo topic posterò anch’io qualcosa!!

    Postate qui tutto ciò che sapete voi… xò x favore non inventate storie : nonsifa : xkè raccontare una storia falsa è diverso da raccontarne una vera (o che cmq si pensa che lo sia)… Magari apriremo un topic x le storie inventate che sono cmq belle!!

    Me dai!! Fiato alle tastiere…

    #28951
    Anonimo
    Inattivo

    Interessante come topic, francamente però non ho storie da raccontare di questo tipo, credo però sia molto interessante sentirle…Perché non cominci te, visto che sembra un argomento che ti appassiona così tanto? Penso che tutti siano curiosi di conoscere più storie possibili su un forum di questo tipo 😉

    #28952
    Anonimo
    Inattivo

    Monacello
    Il così detto Monacello è una figura simile ad un folletto che ha fatto le sue prime apparizioni nei racconti verso il 1930 o roba simile… Un uomo, non riuscendo a dormire la notte decide di prendere la sua canna da pesca e tutto il necessario x andare a pescare. Posizionatosi nel suo punto preferito del porto inizia con il suo hobby quando comincia vedere dall’altro lato della banchina un bambino vestito strano, con un buffo cappello rosso che lo salutava. Una volta avvicinatosi il pescatore capì che non si trattava di un bambino, ma di un folletto. Il pescatore cominciò ad intimorirsi xkè il folletto appariva e compariva in zone diverse del porto come se corresse alla velocità della luce. Preso dall’agitazione il pescatore raccolse tutto e fuggì via. Tornato a casa racconta tutto alla moglie che inveisce pesantemente contro di lui. Dalle mie parti si pensa che se si toglie il cappello a questo tipo di “creatura” si viene premiati con il denaro a costo di non farne parola. Il pescatore si precipitò al porto x ritrovare il folletto che apparve subuto! Il pescatore dopo 3 tentativi riuscì a togliere il cappello al folletto che da circa 2 settimane portava monete d’oro a casa del pescatore, finchè la moglie, x vantarsi sei tanti soldi con le amiche, spifferò tutto, mettendo fine così alla propria ricchezza e alla storia!!

    #28953
    Anonimo
    Inattivo

    La Malombra
    La malombra (ombra malefica) è una figura che tutti conoscono a Molfetta (sarebbe la mia città) a prescindere dall’età! Si tratta di una figura simile ad un fantasma che infesta molti luoghi della mia città o così dicono. La storia raccontata da un familiare della vittima è ambientata nel paese vecchio…che all’epoca della storia era appunto il paese.
    Una donna si svegliava ogni mattina piena di lividi e raschi su tutto il corpo dopo aver fatto sempre lo stesso sogno!
    Una vecchia donna vestita a lutto con il velo nero sulla faccia su posizionava su di lei, seduta sul petto e la strozzava provando una affannosa respirazione. A questo seguivano le xcosse molto violente. Nonostante i figli provassere a stare con lei la notte, la donna si alzava alla mattina successiva con vistosi ematomi che si accumulavano, ma questo accadeva solo in casa sua. Infatti dopo la benedizione del prete tutto venne placato!

    Xò questa non è la sola storia che interessa la malombra…magari + in là le posto!

    #28954
    Anonimo
    Inattivo

    U Lpomn! Storia #1
    In Italiano “Uomo Lupo” e quindi “Lupo Mannaro” appare a Molfetta quando era ancora una fortezza (quello che è adesso il paese vecchio, quindi sn passati davvero tanti anni). Si tratta di un uomo mezzo uomo e mezzo lupo (come dice la leggenda) che nelle notti di luna piena compie la sua metamorfosi e sparge il terrore.
    Una sera, mentre una famiglia era intenta a dare l’ultimo saluto al cadavere di un defunto tenuto in bara (prima il morto si piaceva in casa) un lupo mannaro distrusse la porta di ingresso e divorò il cadavere come fosse nulla mettendo in pericolo le vite dei famigliari del defunto. Di questa storia non si conosce altro, solo che, grazie a delle rudimentali croci fatte con aste ed attrezzi, il lupo mannaro fu scacciato dalla casa

    U Lpomn! Storia #2
    In questa storia gli anni sono passati e siamo già nel 1900. Un uomo che faceva il metronotte (o non so come si chiamasse all’epoca) stava completando il suo giro di perlustrazione nella città! Al contrario di oggi l’uomo girava in bici e doveva firmare nei luoghi assegnatogli x verificare l’effettivo controllo della zona.
    Mentre camminava con la sua bici l’uomo inizia a sentire in lontananza l’abbaiare dei cani… Mano a mano che questi si avvicinavano, l’uomo potè capire che il branco era formato da un numero spropositato di cani allora decide di infilarsi dentro un portone ed attedere il passaggio (prima non c’erano i portoni ma solo le arcate senza cancello)…
    Al momento del passaggio degli animali il guardiano potè notare che al centro del branco (di almeno una 30ina di cani) c’era un uomo, mezzo lupo che li guidava e che ululava quando i cani stavano zitti…

    La spigazione che poi è stata anche studiata è questa: quello che crediamo essere il lupo mannaro non è altro che un uomo con una forma di asma molto rara che con la luna piena diviene talmente insopportabile da costringere l’uomo a respiri lunghi e rumorosì che danno l’impressione di ululato… L’uomo in cerca di aiuto pareva aggressivo visti movimenti che faceva e quindi veniva temuto dalla gente che subito pensava alla licantropia. Bastava una folta peluria x completare il tutto e quindi la gente non aveva dubbi! o così credeva!

    #28955
    Anonimo
    Inattivo

    Bè?? Nessuno scrive nulla??

    #29027
    Anonimo
    Inattivo

    Questo mi pare il topic adatto per raccontare quella che a me pare più una leggenda, anche se si dice sia un avvenimento realmente accaduto nel paesino in cui abito.

    In pratica quello che mi è stato raccontato è questo:

    “Anni fa, (si parla di quando ancora non esistevano mezzi di comunicazione elettronica) c’erano due fidanzati che molto spesso erano costretti a vivere lontani per il lavoro di lui. Lui, infatti, era un rappresentante e viaggiava molto. Stava lontano da casa anche per mesi senza ricevere notizie della sua compagna e della sua famiglia.
    Quando fece ritorno nel paese dopo un certo periodo di tempo, incontrò per strada la sua fidanzata, vestita con un abito bianco. Insieme andarono a fare un giro e poi decisero di entrare in un bar. Lì presero un caffè e fu così che lei si macchiò accidentalmente il vestito.
    Poi arrivò il momento di tornare a casa e si salutarono. Una volta giunto a casa, l’uomo si dimostrò molto felice di ritrovare tutti e raccontò che aveva già incontrato la sua ragazza. A quel punto rimasero tutti un po’ interdetti e gli dissero che era impossibile che l’avesse vista perché era morta da tempo.
    Il ragazzo si rifiutò di crederlo, visto che l’aveva incontrata poco prima e disse che ci avrebbe creduto solo dopo aver visto la sua tomba, al costo di far riesumare la salma. Così fu…Quando aprirono la bara al suo interno videro la donna, che indossava il vestito bianco con cui era stata sepolta, ma che inaspettatamente presentava una macchia di caffè: quella macchia che si era procurata al bar il giorno in cui era tornato lui.”

    Per restare in argomento, di recente ho trovato un’altra “leggenda” simile in rete, con la sola differenza che lui non era un rappresentante, ma era stato lontano da casa per la guerra. Quando tornò al paese incontrò la sua amata e passarono la giornata assieme, finché non giunse la sera e lei ebbe freddo. Decisero fare rientro nelle rispettive abitazioni, ma lui prima di salutarla si tolse il cappotto e glielo mise sulle spalle.
    In breve venne fuori la storia che lei era morta e lui andò al cimitero per constatare di persona e così sopra la tomba di lei ritrovò il suo cappotto.

    Non so se siano storielle raccontate così per impressionare la gente. La prima dovrei farmela raccontare più nei dettagli. Comunque mi farebbe piacere sentire qualche opinione. C’è gente che crede nei conti in sospeso di alcune anime, ma io la vedo più come una storia inventata da qualcuno che ha parecchia fantasia.

    #49983
    Anonimo
    Inattivo

    Reputo storie…affascinanti molto sentimentali….storie che ci danno un messaggio..cioè che quando un nostro caro viene a mancare…è pur sempre con noi…io traggo questo da cio’ traggo che comunque il nostro pensiero porta a noi il riavvicnarci ad una persona defunta e quindi è vicino a noi…
    Soffermiamoci su questo piu’ che sul fatto del fantasma ..non credete?
    Storia simile l’autostoppista rragazza..famosa…

    #49984
    Anonimo
    Inattivo

    Sì anch’io credo siano storie molto affascinanti. Quella dell’autostoppista fantasma non la conoscevo, ma sono corsa subito ad informarmene.
    Devo dire che c’è una cosa che non mi torna su quella storia. La borsetta da dove è saltata fuori? Voglio dire, se la ragazza era morta in un incidente stradale e il corpo era stato recuperato assieme agli effetti personali, bastava andare a verificare se la borsa era realmente sparita e il mistero era svelato… Ma la storia non scende in questi particolari.
    PS: Ops… forse sto andando out topic ci vorrebbe una sezione dedicata solo a questa storia. Mi fermo qui. ;)

    #49986
    Anonimo
    Inattivo

    a me sono state raccontate storie da una signora per cui lavoravo… questa donna dice di vedere spiriti che però nn gli parlano ma dalle facce riesce a capire ciò che le vogliono dire, vi racconto qualche episodio…
    *appena sposata è stata invitata cn il marito a casa di parenti in alt’italia, tutto apposto fino a quando nn sn andati a letto.. mentre il marito era in bagno, lei era seduta sul letto quando ad un certo punto si è ritrovata davanti ai piedi del letto una donna alquanto arrabbiata, continuava ad andare avanti e indietro davanti al letto indicandogli le valigie e facendogli capire che nn voleva lei li. lei si è spaventata da morire tanto che si sono rivestiti e se ne sn andati subito. poi ha chiesto informazioni ai parenti su chi potesse essere la donna e gli hanno detto che prima di loro ci viveva una coppia, la moglie era morta e lui aveva venduto lasciando tutti i mobili in casa. secondo questa signora la donna nn voleva altre presenze femminili in casa cm fossero una minaccia per il suop matrimonio.
    *mentre era in macchina di sera tarda, stava percorrendo cn suo marito e i suoi fratelli un tratto di strada nn molto abitata, quando vicino ad una rotonda ha visto un bambino seduto sul bordo cn le gambe accovacciate al petto cn affianco una bicicletta a terra, il primo pensiero è stato “cosa ci fa quel bambino in mezzo alla strada a quest’ora?”lo stesso se lo sn chiesto i due passeggieri accanto a lei che hanno visto la stessa cosa, tanto che hanno girato cn la macchina per andare a controllare! il problema era che sl loro tre avevano visto. mi ha spiegato che se tocca una perdsona mentre vede un fantasma in automatico la vedono entrambi e così è stato quella sera. è poi venuta sapere che anni prima un bambino in bicicletta era stato investito proprio in quel punto…
    ora nn so sia vero ma quante cose mi ha raccontato penso di si! so sl che ho avuto i brividi per due giorni!!!!!

    #50002
    Anonimo
    Inattivo

    molte persone, me compresa hanno avuto esperienze con i fantasmi :wowo!!: , quindi mi viene da pensare che dopo la morte non finisce tutto.. ti posso raccontare l’esperienza dei miei nonni, mio nonno ne ha vissute diverse, ma ti racconto quella in cui ha assistito anche mia nonna: loro abitavano in posto isolato, tipo casetta in mezzo al bosco, per arrivarci bisognava fare una strada non cementata, nella casa più vicina alla loro viveva una ragazza con la famiglia, aveva una relazione con un uomo sposato che voleva lasciare la moglie per lei, ma nel frattempo lei aveva conosciuto un ragazzo e voleva lasciare l’uomo sposato.. lui non ha accettato la cosa e dopo un lungo stalking l’ha aspettata al rientro da lavoro nella stradina, gli ha sbarrato la strada con la macchina e gli ha sparato, poi si è suicidato lui.. due anni dopo i miei nonni rientravano a casa, nel punto dove è avvenuto il delitto tutti e due hanno sentito la voce di qst ragazza che diceva:” signora Angela[mia nonna] mi può portare un caffè, ho voglia di caffè”, i miei nonni si sn guardati e si sn chiesti se avevano sentito la voce.. adesso nella casa che era dei miei nonni ci abita mia sorella e ogni volta che passo di là mi fa uno strano effetto anche se non ho mai visto e sentito niente

    #50007
    Anonimo
    Inattivo

    mamma mia!!!!! ho i brividi! cmvai il caffè?? andavo da loro per il caffè?o c’è un significato preciso secondo te?

    #50020
    Anonimo
    Inattivo

    non mi sono data una spiegazione, comunque sicuramente il caffè con i miei nonni lo prendeva, anche perchè erano gli unici abitanti della contrada e la ragazza abitava a 200 mt dalla casa dei miei nonni, non se c’entra qualcosa con ciò che hanno udito, ma quando è morta l’ha vestita e sistemata mia nonna

    #50003
    Anonimo
    Inattivo

    Immagino….terr.84..sicurmente esperienze e voci o racconti che lasciano semrpe qualcosa.

Stai visualizzando 14 post - dal 1 a 14 (di 14 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.