Chiudi

Sentirsi osservati….

  • Questo topic ha 14 risposte, 7 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 3 anni, 2 mesi fa da Anonimo.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 15 totali)
  • Autore
    Post
  • #24187
    Anonimo
    Inattivo

    Buonasera, qualche ora fa, dopo cena mi lavo i capelli…
    Sono a casa da sola e la cosa non mi dà problemi, se non che mentre mi stavo facendo lo shampoo, ad un certo punto mi sento osservata. Per un minuto o forse meno, avevo paura che mi accadesse come la donna di Psycho sotto la doccia.
    Ho iniziato a dubitare di aver chiuso la porta a chiave, quando sapevo benissimo di averla chiusa.
    Poi ho pensato che qualcuno si sarebbe intrufolato in casa dalla finestra o in altri modi che non comprendessero il passare dalla porta d’entrata.
    Poi sono passata all’ipotesi dello spirito che osservava ogni mia mossa con chissà quali misteriose intenzioni.
    Insomma, la mente fa davvero brutti scherzi.
    Voi vi siete mai fatti film mentali?

    #77244
    Anonimo
    Inattivo

    Penso che se si volesse cercare il “motivo” per cui è scaturita la falsa percezione (la reputo tale), se ne esiste un motivo, bisognerebbe ragionare solo sul primo momento in cui la sensazione si è mostrata. Dopo quel momento, tutte le altre hanno una probabilità troppo alta di esser scaturite senza alcun tipo di impulso, ma esser semplicemente seguite a ruota come eco del primo evento.

    #77249
    Anonimo
    Inattivo

    Mi rendo conto di rispondere ad un post di tre settimane fa, ma siccome queste sensazioni d’essere osservati mi affascinano, do’ il mio contributo.
    A me è capitato soltanto una volta, e qui farò felice KitCarson con i suoi riferimenti al mio famoso saio. Ero ragazzo, intorno ai vent’anni, e stavo pregando, di notte, e solo nella mia stanza. Non è che fosse una cosa inusuale per me, anzi lo facevo quasi ogni sera prima di dormire, senza sensazioni strane. Eppure una sera ho percepito chiaramente una presenza accanto a me. La presenza era qualcosa di positivo, emanava energia positiva e personale, come se si trattasse dello Spirito divino o qualcosa del genere. Non so perché proprio quella volta percepii questa presenza. La preghiera non aveva contenuti particolarmente diversi o più intensi del solito, quindi non ero riuscito a spiegarmi il perché di solito non la percepivo e quella sera invece sì.
    Non mi è mai più successo, anche se ho pregato anche in seguito. Qui dovrei aprire un altro discorso sulla fede che però non compete a questa discussione.
    Comunque no, a parte questo episodio, non ho mai avuto percezioni così intense d’essere osservato.

    #77245
    Anonimo
    Inattivo

    Visto che siamo in argomento… A me è successa una cosa simile proprio questa estate. Ero sul letto che guardavo un film e ad un certo momento ho cominciato, appunto, non solo a sentirmi osservata ma proprio come se ci fosse “qualcuno” insieme a me. Contemporaneamente ho sentito dei soffi gelidi sulle gambe, cosa strana perché, come dicevo, era estate e faceva caldo e comunque la finestra la tenevo chiusa per attenuare i rumori (dal lato dove affaccia questa stanza d’estate di pomeriggio c’è un certo via vai di moto, scouter ecc.). Immediatamente sopra al letto ci sono delle mensole. Su quella sopra di me avevo lasciato appoggiata una busta. Questa busta l’avevo aperta dal lato corto ma senza staccare del tutto il lembo e in quel momento parte della busta e la parte strappata sporgevano dalla mensola (che io potevo vedere dal basso). Ebbene giurerei di aver visto il lembo di carta muoversi come se, appunto, i soffi d’aria ci fossero stati realmente. Chiaro che ho attribuito tutto ad una percezione mia soggettiva, quindi nulla di “reale” e oggettivo, però la sensazione non è stata affatto piacevole come per Valle, anzi assolutamente il contrario… Se dovessi descrivere cosa ho “sentito”, direi: ostilità : drinktwo :

    #77468
    Anonimo
    Inattivo

    Be’ potremmo anche ipotizzare di avere dei momenti di “quasi schizofrenia” in cui una parte di noi stessi si separa, o meglio la percepiamo come separata, e diviene un’entità a se stante. I sentimenti di bontà, ostilità e così via, potrebbero benissimo essere i nostri, ma proiettati su questa “entità” esterna che però non esiste.

    #77469
    Anonimo
    Inattivo

    Se dovessi mettermi nei panni di Anathema, e volessi giudicare le sensazioni di Dany che del coriaceo Valle, i fatti da loro esposti non sono documentabili e quindi…

    La sensazione di essere osservati è una caratteristica che include tutti quanti, indistintamente. la “fonte” a mio avviso andrebbe ricercata a valle… Ovvero, queste sensazioni avvengono perlopiù in circostanze di rilassamento, o di blanda concentrazione, vedi la doccia di Dany e le preghiere di frate Valle, nelle quali l’inconscio non si è ancora calato, al solito, come dominatore del sogno e della notte, non avendo ceduto totalmente il podio di “direttore d’orchestra” alla coscienza.

    Del tutto diversamente va considerata l’instaurazione di un processo permanente di “presenze”, sia benefiche che malefiche, che provocano fenomeni anche permanenti sulla persona. Cito le spesso riscontrate possibilità di “avvertire” vicino a sè la presenza di “esseri” o “forze” misteriose, che provocano fenomeni di vario tipo sia diretto sulla persona che nell’ambiente vicino alla persona stessa.
    Mi fermo qui, porterei il discorso fuori dell’iniziale contesto, senza contare che farei storcere il naso ad alcuni…
    Un saluto

    #77246
    Anonimo
    Inattivo

    Perfetto, Valle, ora ho quasi chiara l’immagine di te col saio che preghi tipo santo e “proietti la bontà” :aa: e di me, che sto guardando un film, che invece “proietterei ostilità” 😈
    Caspita, e io che pensavo di aver solo sognato!… :marameo:

    #77472
    Anonimo
    Inattivo

    Non lo so, signori, la mia è un’idea di quel che potrebbe essere, ma non ne sono sicuro…

    #77247
    Anonimo
    Inattivo

    A me è capitato spesso di sentirmi osservata e ogni volta voltandomi d’istinto, nella giusta direzione, ho sempre incrociato lo sguardo di qualcuno che mi osservava.In due occasioni però io ero da sola ma la sensazione di essere osservata è stata forte e in effetti qualcosa di strano è accaduto .La prima volta era il 1998,mia madre era mancata da pochi mesi.Era circa l’una di notte e io ero sdraiata sul divano e stavo guardando un film,ero sola in casa ed ero triste ma non pensavo a mia madre.Ad un certo punto mi sono sentita osservare,sdraiata com’ero,davo le spalle alla porta che dava sull’ingresso ed era da lì che mi sentivo osservata.La luce era spenta,il volume della tv era basso e io non avevo sentito rumori,non capivo come giustificare la sensazione ma avevo paura di girarmi e guardare.Sono rimasta immobile per qualche secondo,mi stavo quasi calmando quando mi sono sentita toccare sulla tempia e una mia ciocca di capelli che sfiorava il mio viso è stata sposta delicatamente.Con la coda dell’occhio ho proprio visto la ciocca spostarsi verso l’alto.Nel momento in cui mi sono sentita sfiorare ho smesso di avere paura,il tocco mi ha dato la sensazione di un abbraccio carico d’amore.La seconda volta è stata meno gradevole ma in quel caso ho avuto l’ennesima conferma che quando mi sento osservata è perché qualcuno o qualcosa mi sta osservando.

    #77473
    Anonimo
    Inattivo
    valle wrote:
    Non lo so, signori, la mia è un’idea di quel che potrebbe essere, ma non ne sono sicuro…

    Be’ ma figurati, Valle, è stata una vera “carineria” da parte tua (e di chi ti ha sciolto un like); poi magari hai ragione… sempre che la sovrastima di noi stessi, unitamente alla svalutazione altrui mediante ipotesi di giudizio facili, gratuite e superficiali facciano parte della “bontà”… :birra:

    #77474
    Anonimo
    Inattivo

    Ciao Dany, non prenderla sul personale. Non penso che l’ipotesi di Valle fosse una critica alla tua personalità. Conoscendo il campo in cui Valle lavora, sono certa si riferisse alla psicologia delle persone in generale. Noi tutti abbiamo un lato buono e uno cattivo celati nell’inconscio e in certe occasioni questi possono manifestarsi in modi talvolta sorprendenti.

    #77475
    Anonimo
    Inattivo

    Si Dany, sono più che convinto anch’io che l’amico Valle non indirizzava a te e nel modo che intendi, la sua opinione. Quasi sicuramente per farsi perdonare scenderà giù dal tuo camino con un sacco (stavo scrivendo saio…) pieno di regali, damigiane di Zibibbo,Bonarda e Pinot inclusi… :)
    Ciao

    #77248
    Anonimo
    Inattivo

    Nyma ha chiarito perfettamente ciò che ho scritto. Quindi non c’è bisogno che aggiunga altro.

    Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk

    #77477
    Anonimo
    Inattivo

    Penso che sia scontata la mia idea sul sentirsi osservati e addirittura toccati, soprattutto in momenti di presunto rilassamento tanto da non doverla riscrivere. Però mi ha intrigato molto l’idea di Valle come una schizofrenia transitoria. Perché no.

    #77470
    Anonimo
    Inattivo
    valle wrote:
    ma proiettati su questa “entità” esterna che però non esiste.

    Forse non esiste…..forse… :confused: :alieno: :teschio: :cappellostr :fantasma:

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 15 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.