Chiudi

Outlast.

  • Questo topic ha 0 risposte, 1 partecipante ed è stato aggiornato l'ultima volta 8 anni, 8 mesi fa da Anonimo.
Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
  • Autore
    Post
  • #21739
    Anonimo
    Inattivo

    Per chi non lo conosce, consiglio vivamente di provarlo o almeno cercare qualche gameplay per farsi un idea, la grafica è stupenda.

    “La storia è ambientata ai giorni nostri, in un ospedale psichiatrico degli Stati Uniti d’America; il protagonista è Miles Upshur, un giornalista freelance il quale, dopo aver ricevuto una soffiata via e-mail da un misterioso informatore sul manicomio di Mount Massive, gestito dalla Murkoff Corporation, decide di indagare sui fatti che accadono in questo luogo e portare alla luce la verità.”

    “Outlast rientra nel genere degli indie horror e, come la maggior parte di questi, la visuale di gioco s’ispira a quella degli sparatutto in prima persona (sebbene non sia possibile utilizzare nessun arma). Il titolo presenta caratteristiche tradizionali della sua categoria d’appartenenza (l’impossibilità di sconfiggere i propri nemici, essere disarmati, costretti a nascondersi o scappare), arricchito da elementi stealth e facoltà peculiari del protagonista, capace di compiere azioni semi-acrobatiche (schivare o saltare vari ostacoli, correre con grande velocità, arrampicarsi, compiere balzi enormi) e farsi strada in cunicoli oscuri per sopravvivere. Il fattore più interessante del gioco è la possibilità di utilizzare una videocamera dotata di infrarossi, l’unico oggetto su cui si può fare affidamento per proseguire nel corso dell’avventura.

    La trama e lo svolgimento degli eventi vengono scanditi dal continuo ritrovamento di documenti top-secret, i quali racchiudono informazioni sul Progetto Walrider, sulla struttura e sul personale medico, oltre che dati biografici di alcuni Varianti, e dagli appunti che il protagonista scrive nel suo diario. Molte zone della struttura saranno completamente al buio e sarà necessario usare gli infrarossi della telecamera per vedere anche a pochi metri; vitale sarà l’uso di quest’ultima, nonostante le batterie si consumino velocemente nella modalità notte e per questo bisognerà sempre cercarne di nuove.”

    [attachment=459]wallpaperoutlast.jpg[/attachment]

Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.