Chiudi

Intuizione….

  • Questo topic ha 9 risposte, 4 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 9 anni fa da Anonimo.
Stai visualizzando 10 post - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Autore
    Post
  • #21554
    Anonimo
    Inattivo

    Patanjali,nel sutra Yoga 33,dice<>.

    Da principio,finchè l’intuizione non è sviluppata,la mente è soggetta inconsapevolmente a idee provenienti dalla conoscenza intuitiva.
    Può avvenire che l’intuizione si presenti come un vivido lampo nella coscienza mentale ma,quando essa è completamente sviluppata,diventa l’anticipazione dell’onniscenza che è una delle caratteristiche dell’Anima;e questo perchè l’Anima,nella sua purezza e per le sue alte facoltà,registra tutto quello che accade (nulla a che vedere con inconscio,subconscio ecc. );qualsiasi raggio che l’attraversi le porta un messaggio.

    Quando l’uomo riesce a venire in contatto con l’Anima,a cogliere un frammento di questa onniscenza e assimilarla,giunge ad una scoperta,ad una concezione di un nuovo aspetto della Verità,giunge alla Conoscenza Superiore.

    Il monito delfico<>è la chiave per penetrare il mistero del Sè…

    A questo proposito,un antico scritto di Occultismo dice:<
    Trova Me,conosci Me,e allora potrai usare le forme che non veleranno più il Sè,ma permetteranno alla Natura di quel Sè di penetrare attraverso i veli della vita,rivelando tutta la radiosità Divina,il Suo Potere il Suo Magnetismo.>>

    La ricerca della Divinità non è un fatto esterno,ma un processo interiore di elevazione verso il mondo dello Spirito.

    Chiaramente questo concetto è rivolto a chi è alla ricerca,a chi è sul Sentiero;non è un dogma,ne un credo, ne una speculazione filosofica di qualche oscura e incomprensibile teoria.
    Al contrario,al momento opportuno e nella giusta dose,tutto diventa comprensibile,poichè non vi è nulla di segreto o nascosto in quanto risiede i noi.

    #55853
    Anonimo
    Inattivo

    alceste ma in questa ricerca che valore ha il silenzio e la meditazione ?

    Questa conoscenza di ciò che va oltre i sensi presuppone silenzio, meditazione e solitudine come principio base ?

    #56220
    Anonimo
    Inattivo

    @lechateau

    Il Monachesimo dei Padri Anacoreti conteneva già le basi necessarie…

    Il silenzio si riferisce al silenzio della mente…Cosa molto difficile da ottenere !

    Fintanto che la mente è padrona di noi stessi non riusciremo mai a sentire la voce interiore.La mente deve essere al servizio dell’Anima e non viceversa,ma per far questo,è necessario averne il controllo completo !
    Non per nulla nello Yoga la mente è definita “la scimmia”,poichè non è mai ferma e stabile.

    La meditazione è il”scendere in noi stessi”per stabilire un contatto,inizialmente momentaneo,con la nostra Natura Divina o Anima.

    Secondo me la solitudine non è necessaria,perchè per nostra natura siamo portati alla socializzazione,e quindi sarebbe una forzatura contronatura.

    #56223
    Anonimo
    Inattivo

    ma se mi fermo a meditare devo cercare di scendere dentro me stesso o cercare di salire ed uscire da me stesso ?

    Io se medito o prego parlando con Dio, cercando il suo contatto, istintivamente cerco di andare oltre me

    #56227
    Anonimo
    Inattivo

    @lechateau

    Prima di salire è necessario scendere…

    Tu scrivi ,pensi e agisci da Mistico ,nella Ricerca di Dio …Ed è la Via più bella ,la più diretta,la più naturale per Incontrarlo.

    #56228
    Anonimo
    Inattivo

    a questo punto non posso che chiederti , cosa accade quando si prega ? Parlo di preghiera in genere, non solo cattolica.e parlo di preghiera forte, sentita, col cuore….

    Io sono convinto che molti fedeli inconsapevolmente durante forti preghiere non si rendono conto che stanno “viaggiando”

    #56229
    Anonimo
    Inattivo

    @lechateau

    Lasciando da parte la Teologia,nella preghiera corpo,mente e Anima diventano” un’unità “che si avvicina alla sorgente del Tutto per rigenerarsi della Sua Luce.E’ un ritorno al Padre.

    Penso anche che se i fedeli Cattolici si rendessero conto della grande potenza del rito della Messa e della Manifestazione che in essa avviene,a livello occulto,sarebbero in grado di combattere il male e persino debellarlo.
    Purtroppo non è così…Per molti è solo un dovere e seguono svogliati un rito pronunciando parole per loro prive di significato;quanta energia rimane inutilizzata in questo modo…

    #56232
    Anonimo
    Inattivo
    alceste wrote:
    @lechateau

    Lasciando da parte la Teologia,nella preghiera corpo,mente e Anima diventano” un’unità “che si avvicina alla sorgente del Tutto per rigenerarsi della Sua Luce.E’ un ritorno al Padre.

    Penso anche che se i fedeli Cattolici si rendessero conto della grande potenza del rito della Messa e della Manifestazione che in essa avviene,a livello occulto,sarebbero in grado di combattere il male e persino debellarlo.
    Purtroppo non è così…Per molti è solo un dovere e seguono svogliati un rito pronunciando parole per loro prive di significato;quanta energia rimane inutilizzata in questo modo…

    :) hai ragione, ma tu lo dici da “iniziato”, da persona a cui è caduto il velo. Il 99,99% delle persone non si rende conto di cosa accade durante una preghiera collettiva o durante la messa.
    Ma pensa alle parole del Maestro come vengono interpretate semplicisticamente quando invece sono veri e propri discorsi di Antica Sapienza, di Sapienza che va oltre la Religione singola. O pensa alle lettere di San Paolo :)

    Pensa al matrimonio di canaan in cui l’acqua diventa vino, e pensa al matrimonio “esoterico” . Sono combinazioni casuali ?

    #55854
    Anonimo
    Inattivo

    Si io penso che la cosa che hanno in comune e che siano una l’opposto dell’altra anche perche’ la prima proibisce di fare quell’altra e sicuramente su una cosa sono d’accordo che a fare cosi’ invece di ascendere prima si discende ma si discende proprio di brutto quasi fino al centro della terra ma il problema e’ che poi a cose fatte quando ti trovi laggiu’ in quel luogo basso io non credo che si possa risalire. anche se ovviamente e’ solo la mia opinione, via scusate ragazzi prometto che non vi disturbo piu’ su questa discussione ed anzi colgo l’occasione per salutarvi entrambi lechateau e alceste,e’ sempre un piacere leggere quello che scrivete amici miei. :)

    #55855
    Anonimo
    Inattivo

    Alceste, sono esterefatto, estremamente colpito, tu mi fai fremere, battere il cuore se vogliamo essere banali, deve essere una lettura interessante che farò in settimana, il modo poi come hai unito le due citazioni con questo penetrante uso di doppi spazi, vivi complimenti.
    Devo dire infine di essere pienamente d’accordo per quanto per me l’Anima come la si intende in genere non esista

Stai visualizzando 10 post - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.