Chiudi

Graffiti “Wo ist Susi?”.

  • Questo topic ha 5 risposte, 4 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 5 anni, 5 mesi fa da Anonimo.
Stai visualizzando 6 post - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Post
  • #22898
    Anonimo
    Inattivo

    Salve, sono un nuovo iscritto.
    Non sapendo a chi altro chiedere ho pensato di rivolgermi a voi!

    Vi è mai capitato di imbattervi, durante una scampagnata o similia, nella scritta “Wo ist Susi?” (in tedesco “Dove è Susi?”)
    A me è capitato diverse volte, e mi sono sempre interrogato sul senso di questa storia. Mio nipote diciottenne mi ha raccontato di aver scritto lui spesso frasi simili (Dove sta Sofia?)nei dintorni della autostrade, ed anche che la pratica sarebbe abb diffusa in tutta europa.
    Le origini sarebbero da ricercarsi un un fatto di cronaca realmente avvenuto in America, che ha ispirato le leggenda/Creepypasta “Who put Bella in the Elm Tree?” Pensate sia vero? O c’è dell’altro come nel caso dei grafiiti “EMOSCAMBIO?” Grazie per la risposta.

    #64365
    Anonimo
    Inattivo

    Non credo ci sia di più come per la storia dell’ Emoscambio.

    La tesi più acclarata è quella che in europa il fenomeno si sia diffuso come dici tu prendendo spunto da ciò che avvenne in America a seguito di un omicidio irrisolto.

    Personalmente penso che chi ha iniziato in America con l’idea del graffito a seguito dell’omicidio abbia fatto una cosa artisticamente “geniale”, se non fosse che sono assolutamente contro qualsiasi opera di vandalismo, comprese le scritte sulle panchine. Se appiccicava foglietti anziché imbrattare monumenti o pareti anche di semplici cascine rurali, avrebbe ottenuto i miei rispetti.

    #64383
    Anonimo
    Inattivo

    Ciao, scritte del genere sono frequenti nelle zone montane di Ischia, sempre in casolari.

    Mi sono iscritto apposta perchè un mio collega, appunto ischitano, mi ha mostrato questi video

    https://www.youtube.com/watch?v=zgvcs7HWIcc&t=1s e cene sono altri

    Tu queste scritte dove le hai trovate?

    #64366
    Anonimo
    Inattivo

    Ma non riesco a vedere il nesso fra graffiti e paranormale….

    Inviato dal mio SM-A300FU utilizzando Tapatalk

    #67639
    Anonimo
    Inattivo

    Sono tutti casolari sparsi su una montagna nel mezzo del nulla, a chilometri di distanza, alcuni hanno impronte di mani di bambini (come nel video), altri solo quelle scritte.

    Inoltre, nel video di theslabs, ambientato sempre a Ischia, si fa riferimento sempre ad una Susi in alcuni murales satanici vergati in una struttura abbandonata un secolo fa
    (https://youtu.be/dj5iuqB3uec?t=6m20s)

    Non so se è paranormale, ma di certo credo sia un mistero… e gli esperti del campo siete voi!

    #67658
    Anonimo
    Inattivo

    Mi sfugge perché i riferimenti a Susi debbano essere un mistero. E’ una leggenda metropolitana che conoscono in molti, probabilmente non tutti, ma altrettanto probabilmente sarà molta conosciuta tra i writers di tutto il mondo. Quindi non vedo nulla di strano se ci sono scritte di Susi in giro per tutta europa, di imbecilli che imbrattano i muri ci sono in ogni paese e la probabilità di leggere un “Susi” dunque è molto alta (non me ne vogliano i writer che abbelliscono con opere d’arte muri messi a loro disposizione o grigi quartieri, ma il resto è solo orribile rappresentazione di idiozia). E personalmente, se dovessi imbrattare un casale abbandonato, o ci scriverei scemate come “w la ….” oppure farei qualcosa di più fico e di atmosfera. Ad ogni modo, non riesco a vedere nulla di paranormale in mani sul muro. L’immagine della mano insanguinata su un vetro fa parte della scenografia horror da quanto è nato il cinema, non è un elemento così difficile da pescare.

Stai visualizzando 6 post - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.