Chiudi

Gli animali percepiscono gli spiriti?.

  • Questo topic ha 30 risposte, 7 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 6 anni, 7 mesi fa da Anonimo.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 31 totali)
  • Autore
    Post
  • #22640
    Anonimo
    Inattivo

    Mi chiedo spesso se sia possibile che gli animali percepiscano eventuali entità che noi non percepiamo.
    In alcuni film horror si vede chiaramente che gli animali mostrano disagio e nervosismo verso le entità, un po’ come in presenza di un temporale o altri fenomeni che non si spiegano.

    Vi è mai successo che il vostro animale domestico assumesse comportamenti strani apparentemente immotivati?

    #62196
    Anonimo
    Inattivo

    Ricordo che quando ero adolescente ( = incosciente) partecipai ad una seduta spiritica a casa di una ragazza del gruppo che frequentavo all’epoca. Ancor prima di iniziare i suoi due gatti cominciarono a lamentarsi, quasi ad “ululare” al punto che furono spostati in un altra zona della casa. A quanto pare non si erano mai comportati in quel modo…
    E’ anche vero che il motivo potrebbe essere stato qualsiasi altro tra quelli poco intuibili, ma non per questo improbabili: ad esempio, gli animali avrebbero potuto percepire che c’era una certa tensione ed apprensione nell’aria, a causa dell’atmosfera che si crea quando ci si appresta a fare qualcosa che, a quell’età, ha anche molto il sapore del proibito.

    #62214
    Anonimo
    Inattivo

    E poi come andò?

    #62197
    Anonimo
    Inattivo

    io credo che cani e gatti percepiscono la presenza di entità in casa

    #62215
    Anonimo
    Inattivo
    Ghost Whisperer_88 wrote:
    E poi come andò?

    Se non ricordo male ci spostammo a casa di qualcun altro.
    Non so davvero come spiegare le “manifestazioni” a cui ho assistito in quei giorni, in cui avevamo preso ad organizzare “serate” come quella abbastanza spesso. Sicuramente tanta suggestione, fascinazione e gli effetti delle tipiche estati al mare da ragazzini in vacanza… ma quel tabellone (tavola ouija) eccome se ha parlato e fatto parlare…!
    Adesso non credo lo rifarei.

    #62198
    Anonimo
    Inattivo

    Sempre posto che possano esistere gli spiriti, mi viene da farti pensare ad un insetto, ai suoi sensi, che sia una mosca o chessò … una mantide religiosa …
    Quello che vedono, quello che sentono, le velocità a cui sbattono le ali, librano e volano.
    Ma non solo, penso che anche noi, in caso esistano (dico in caso perché dalla psichiatria ad altre tesi si dice possano essere allucinazioni/illusioni) anche gli umani li possono, come dicevi tu in maniera minore, percepire.
    Se Dante Alighieri non era totalmente pazzo, gabbato da un alieno o chessò che altro penso possa darti un esempio di qualcuno che “un’occhiata nell’Aldilà” in vita gliel’ha data … (la Storia quello vuole … )
    Infine, penso che animali come i cani o i gatti, o forse addirittura tutti gli esseri viventi sulla Terra, capiscano il linguaggio degli umani, altresì penso che sia possibile vi sia un qualche linguaggio “universale” del pianeta, del quale gli umani sono fra i meno che lo comprendono.
    Spero la mia risposta ti abbia fatto esprimere un: :)

    #62281
    Anonimo
    Inattivo

    E’ indiscusso il fatto che gli animali (o la maggior parte di essi) abbiano capacità sensoriali più elevate delle nostre; magari alcuni possono vederci meno ma sentirci di più ecc. In generale però sono in tutto e per tutto migliori di noi sotto quell’aspetto. Quindi non possiamo escludere che essi possano percepire cose che noi ignoriamo.

    Detto questo bisogna anche valutare attentamente il perché un cane ad esempio fissa il muro dove non c’è nulla, magari anche ringhiando. Sappiamo tutti che il cane ha un udito ed un olfatto molto più sviluppato del nostro, quindi il suo strano comportamento potrebbe ad esempio essere solo il risultato dell’ascoltare o annusare un qualcosa che viene da quella direzione, ma oltre la parete che noi ci limitiamo a vedere: un odore che viene dalla strada, un rumore in lontananza che noi non sentiamo, e quant’altro. Quindi prima di pensare al fantasma, rendiamoci conto che ci sono molte spiegazioni concrete al quale noi, per i nostri sensi, non possiamo arrivare.

    #62284
    Anonimo
    Inattivo

    Io ho una gatta, e sin da quando era cucciola sono rimasto affascinato dal suo fissare, o seguire con lo sguardo, dei punti invisibili nella stanza.
    Devo aggiungere, per onestà, che in alcuni casi sono riuscito a capire che cosa fissava, e in uno di questi sono dovuto salire in piedi su una sedia per raggiungere il soffitto (pensate che razza di scena) per poi accorgermi che c’era un minuscolo “pelucchio”/filo di polvere/ragnatela, non so con esattezza, che oscillava rapidamente, spinto da uno spiffero che passava dal cassone in legno della tapparella. Una persona con una vista un po’ debole non l’avrebbe visto nemmeno salendo in piedi sulla sedia.

    Inoltre sono assolutamente d’accordo con l’ipotesi di Aleph, sulla possibilità degli animali di percepire altri elementi, non paranormali, ma legati alla tensione ed alle emozioni che aleggiano nell’ambiente e che essi potrebbero percepire grazie a messaggi biometrici come la temperatura corporea, il respiro, la sudorazione, il modo di muoversi, ecc, delle persone in quel momento protagoniste della scena.

    Vi racconto un episodio di cui sono stato testimone che riguarda un cane ed un agente delle forze dell’ordine: anni fa lavoravo come educatore in una comunità di tossicodipendenti. Come è normale che sia, in una comunità girano un sacco di persone notte e giorno. Alcuni pazienti venivano dimessi, altri nuovi entravano, ma la comunità a pieno regime ospitava sempre una ventina di pazienti più il personale dell’équipe.
    Avevamo due cani: un pastore tedesco ed un ibrido di lupa. Ovviamente i cani erano abituati al via vai di persone ed anche quando entrava qualcuno di nuovo, non avevano reazioni aggressive o di nervosismo.
    Un giorno, però, entrò in comunità, un carabiniere che doveva notificare un atto giudiziario ad un ospite. Il carabiniere entrò in divisa con tanto di berretto, pistola, manganello. Bene, appena il pastore tedesco lo vide in cima alla scala, cominciò a ringhiare minaccioso, puntandolo e mettendogli paura.
    Ricordo che scherzammo anche sul fatto che un cane “tossico” ovviamente non amava le forze dell’rdine :) :) :)
    In realtà credo che la spiegazione del comportamento del cane stia nell’aver notato qualcosa di insolito nella persona che entrava. La divisa, le armi, anche se il cane non sapeva che cosa fossero (credo, ma un cane può anche riconoscere un’arma se addestrato) devono averlo messo in allarme.

    Molti animali hanno quindi la capacità di capire quando qualcosa è “fuori posto. Avete mai sentito storie di gatti che sembrano anche predire se qualcuno è in punto di morte, come quel gatto della casa di riposo che aveva fatto notizia al tg perché andava a trovare gli anziani che stavano per morire?
    E’ possibile, anche se non si sa con certezza, che il gatto riuscisse a sentire dei messaggi biometrici che annunciavano l’improvviso peggiorare delle condizioni dei degenti. Ci sono cani che si sono dimostrati addirittura in grado di sentire l’odore nelle urine dei pazienti con cancro alla prostata.

    Quindi ci sono tante possibilità di spiegazione, anche senza il ricorso al paranormale.

    #62199
    Anonimo
    Inattivo

    sì hanno sensi molto più sviluppati, ma qui si parla di un’altra cosa….i gatti per esempio, e mi limito ai gatti, percepiscono entità disincarnate

    Perchè è un mistero ma sono certo che abbiano questa facoltà. Bisognerebbe indagare sull’evoluzione della vita….magari anche noi milioni di anni fa percepivamo le entità disincarnate e oggi non più

    #62200
    Anonimo
    Inattivo

    E tu come fai a sapere che i gatti percepiscono le entità disincarnate?

    Inviato dal mio SM-G900F utilizzando Tapatalk

    #62289
    Anonimo
    Inattivo
    valle wrote:
    E tu come fai a sapere che i gatti percepiscono le entità disincarnate?

    Inviato dal mio SM-G900F utilizzando Tapatalk

    lo so, lo sento , ma non ho prove e se le avessi non le porterei mai 😉

    Su queste cose si agisce di intuito e di voci interiori, chi vuole ci crede , chi vuole dissente. Ma non esistono prove, anzi non devono esistere prove….questo vale in generale per tutto ciò che chiamiamo paranormale

    #62201
    Anonimo
    Inattivo

    Allora su che cosa ci si confronta? Se non hai le prove, non le hai. Se invece le avessi, non le porteresti mai. Non ti sembra che in questo modo l’intero forum sia inutile?

    Inviato dal mio SM-G900F utilizzando Tapatalk

    #62202
    Anonimo
    Inattivo

    le prove per certe cose non esistono !!!

    E non ci saranno mai, e chi ha le prove non le porta….mi dispiace ma è così

    #62296
    Anonimo
    Inattivo

    E come fai a sapere che le prove, su questi argomenti, non ci saranno mai?

    Vedi, potrei continuare così all’infinito. Non mi trovi d’accordo perché quando si fa un’affermazione bisogna fondare l’affermazione su qualcosa di più dei vari “lo sento, lo so, lo credo”. Perché sui vari “lo so” si sono costruiti e si continuano a costruire enormi castelli in aria.
    E’ assolutamente legittimo farsi delle opinioni, e Paranormal Studio diceva in qualche post indietro che non è neanche obbligatorio chiarire o fare precedere ogni intervento o frase da un “secondo me”, “nella mia opinione” perché è implicito che ognuno parli secondo la propria opinione.

    Il punto è che qualcuno ogni tanto sembra anche dimenticarsi che esiste la possibilità che ciò che “si sente” o ciò di cui si è “convinti” possa essere inesistente, se non nella propria testa. Io sono arrivato a mettere in discussione tutto, anche i fondamenti dell’intera religione cristiana nella quale sono cresciuto, non perché la ritenga impossibile, ma perché essere convinti non significa nulla o comunque non abbastanza. Se parlassi con cento persone diverse, potrei incontrare cento convinzioni diverse sulla realtà. Anche le assurdità di Corrado Malanga sulla possessione aliena come spiegazione alternativa alla possessione diabolica e l’ipnosi per scacciare gli alieni dal corpo dell’abdotto possono essere legittime in un mondo in cui tutto è possibile. Allora perché le definisco assurdità, potrebbe giustamente domandarmi qualcuno. Mi correggo: non posso essere certo che siano assurdità, ma non ho elementi sufficienti per ritenerle vere e nemmeno altamente probabili, aldilà delle cose che racconta Malanga, il quale arriva addirittura a descrivere i vari tipi di alieno, dagli umanoidi ai lucertoloni orribili e giganteschi.

    Che il paranormale non possa e non potrà mai essere in qualche modo analizzato su base empirica, anche questo non è necessariamente vero. Un tempo non si conoscevano tante cose ed era impossibile anche misurarle o rilevarle. Le onde radio, per esempio, i vari tipi di radiazione elettromagnetica non visibile all’occhio umano e non percepibili direttamente; il mondo biologico microscopico; la struttura atomica, ecc; ma molte cose sono state e possono essere “dedotte” con metodo scientifico e condivisibile anche prima d’essere accertate. I buchi neri sono un esempio. La presenza di pianeti che passano davanti a stelle lontane, usando metodi indiretti. La grossa differenza è che i metodi in questi casi sono spiegati, esplicitati, ripetibili e valutabili dalla collettività.

    Se ci si chiude nel proprio “lo so perché ne sono convinto”… allora Enzo può anche chiudere questo forum. Secondo me :)

    #62203
    Anonimo
    Inattivo

    insisto, le prove non ci saranno mai. Nella storia dell’uomo ci sono milioni di fenomeni paranormali , di misteri, ma tutti senza prove. Perchè ?

    Perchè non c’è bisogno di prove, innanzitutto. E poi a mio modestissimo parere, chi sta su un piano superiore e ci contatta , o lascia segni, buoni o cattivi, non può lasciare una prova , per un disegno preciso

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 31 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.