Chiudi

Coscienza collettiva e ricordi di vite precedenti.

  • Questo topic ha 10 risposte, 4 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 8 anni, 2 mesi fa da Anonimo.
Stai visualizzando 11 post - dal 1 a 11 (di 11 totali)
  • Autore
    Post
  • #21876
    Anonimo
    Inattivo

    Sento in tv e leggo in rete di testimonianze di vite precedenti rievocate tramite l’ipnosi regressiva. Questa cosa dopo un po’ mi ha lasciato delle perplessità: il fatto di ricordare è una cosa legata alla materia cerebrale che in fin dei conti è materia organica, e dopo la morte della materia organica resta gran poco. Com’è possibile che una persona possa recuperare dei ricordi, tramite processi neurofisiologici, se i neuroni della precedente vita sono andati persi?
    Non so se sono riuscita a spiegare bene il mio ragionamento… fatemi sapere, in caso negativo provo a riformulare.
    Per quanto l’ipotesi delle vite precedenti mi affascini (oltre che a darmi un certa speranza), non mi sembra che la teoria si concili del tutto con la scienza.

    La coscienza collettiva (informazioni inconsce che tutte le persone condividono e che derivano dalle esperienze vissute dai propri antenati) potrebbe essere una spiegazione dei ricordi di vite precedenti.

    Voi che ne pensate? Mi farebbe piacere sentire altre opnioni al riguardo. 😉
    :study:

    #57465
    Anonimo
    Inattivo

    Infatti…C’è la “moda” dell’ipnosi regressiva per risalire alle precedenti incarnazioni;inoltre c’è l’altra “moda”dell’astrologia Karmica…

    Si tratta di buffonate.

    Tutto frutto di un’abissale ignoranza ( nel senso di mancanza di Conoscenza ) !

    L’ego mortale si dissolve con il corpo fisico,la materia cerebrale,si sa,è la prima a decomporsi insieme agli altri organi molli.Non rimane nulla del cervello.

    L’ipnosi regressiva è nata come “strumento”d’indagine in ambito psichiatrico per riuscire a comprendere eventuali traumi mai rimossi dal subconscio:vi sono infatti traumi dell’età infantile che,per esempio,portano un soggetto al mutismo,o generano il germe di patologie che si sviluppano con la crescita;molti “complessi” e fobie dipendono da traumi infantili…

    Un bravo analista o un’ipnotista riescono persino ad arrivare al periodo fetale;ma più in la è fisiologicamente impossibile,fantascientifico.

    In Esoterismo,può succedere invece di ricordare qualche evento di una precedente incarnazione,sono rari casi,ma questo serve solo per un fine evolutivo,o per meglio comprendere un particolare Karma della vita che si sta vivendo,poichè il Karma è sempre frutto di azioni di una vita precedente…Nella vita di oggi, per esempio,creiamo già il Karma che dovremo affrontare nella prossima esistenza.

    Ho divagato…

    I ricordi delle vite precedenti esistono solo nello Spirito,sotto forma di Atomi Permanenti ( che non hanno nulla a che fare con gli atomi della fisica ! ).

    Poi ,sento testimonianze di vite principesche,agiate,famose…Mai uno che mi dica;sai,ero proprio un poveraccio,un ladro,un’assassino… Queste ultime sono le vite che più hanno segnato lo Spirito;Egli da quelle esperienze ha tratto insegnamenti significativi per la Sua Conoscenza ed Evoluzione.Ma questo è un’altro discorso…

    #57468
    Anonimo
    Inattivo

    Alceste, ti ringrazio per la risposta. Mi risulta un po’ difficile capire il concetto di Spirito sotto forma di Atomi Permanenti. Probabilmente non sono ancora pronta… :wowo!!:

    In realtà io sto leggendo un libro in cui sono riportate numerose testimonianze di cosiddetti “ricordi di vite precedenti”, e praticamente quasi tutti i soggetti hanno “ricordato” di aver vissuto vite normali, nessun personaggio ricco e famoso, anzi più di qualcuno si è rivisto come un poveraccio vestito di stracci che veniva brutalmente ucciso in guerra o durante varie persecuzioni o catastrofi naturali. Certe persone parlavano in lingue antiche mai studiate e spiegavano abitudini di vita di popoli vissuti anche a.C, con una precisione impressionante.
    Alcune persone hanno “ricordato” anche senza entrare nello stato di ipnosi. Tra le varie esperienze che ho letto mi ha colpito molto quella di una bimba di 4 anni. La madre aveva acquistato delle monete antiche e tra queste ce n’era una che aveva un forma inusuale, la bimba l’aveva subito presa in mano e aveva detto di riconoscerla e di averne avute delle altre in passato. Non poteva di certo trattarsi di un ricordo di quella vita.
    Ok, invece di scomodare l’ipotesi della vita precedente, si potrebbe pensare ad un caso di psicometria…

    Ora mi è venuta in mente un’altra possibile spiegazione sempre legata alla teoria della coscienza collettiva, che vede la coscienza di tutti gli esseri umani collegata (come in una sorta di matrix). In questo caso, il presunto ricordo di una vita precedente non sarebbe altro che l’effetto della sintonizzazione delle onde cerebrali di una persona con una sorta di rete globale invisibile in cui sono custoditi i ricordi della gente del passato. Ma mi rendo conto che si tratta di un’ipotesi parecchio fantascientifica.

    #57466
    Anonimo
    Inattivo

    il fatto che non ricordiamo nulla delle precedenti esistenze è a nostra protezione….perchè impazziremmo, non tutti potrebbero convivere con l’idea di aver vissuto da donna, da uomo, da cane etc etc

    Chi ha organizzato e architettato la vita ha pensato a questo, e lo ha impedito. Ma escludo che derivi da una decomposizione del cervello, piuttosto il fenomeno avviene nel momento in cui l’anima lascia lo Spirito e decide di reincarnarsi, in quel momento lascia tutto il passato. Gli è servito per capire gli errori commessi e come vivere, che esperienze fare per evolversi ma poi dimentica tutto.

    Secondo me la cancellazione della vita passata avviene su un piano diverso dal nostro, un piano spirituale

    #57472
    Anonimo
    Inattivo

    E’ utile anche citare i “bambini prodigio” e il più conosciuto tra questi,Mozart.

    Ma anche il minatore francese Augustin Lesage,nel 1870, che,non sapendo leggere ,scrivere e disegnare, dipingere,eseguiva temi che rappresentavano scene dell’antico Egitto,con esatte raffigurazioni dei simboli delle divinità di quel popolo…
    E’ annoverato tra i pittori medianici,ma resta il fatto che eseguiva tele di grandi dimensioni con sicurezza e conoscenze degne di uno studioso di Egittologia.

    Jan Stevenson,anni fa scrisse un libro;<>,nel quale sono riportati “ricordi”di precedenti incarnazioni,su soggetti di qualunque Credo o Religione…

    #57473
    Anonimo
    Inattivo

    Si è vero…se dovessimo “ricordare”tutte le secolari esistenze ,il nostro cervello andrebbe in tilt,non potrebbe reggere…

    #57474
    Anonimo
    Inattivo

    Nel libro che sto leggendo, invece, si dice che proprio rivivendo i ricordi delle vite precedenti le persone affette da disturbi fisici e mentali, trovano in breve tempo la serenità e guariscono quasi completamente. Infatti, molte persone sono ricorse all’ipnosi regressiva proprio per guarire da certi malesseri e pare che abbia funzionato.
    Per esempio: una donna diceva di essere affetta da un dolore cronico alla schiena e di aver paura dell’altezza, gli antidolorifici gli facevano poco o niente, così si è rivolta ad un esperto. Durante l’ipnosi regressiva ha rivissuto il momento della sua morte in una vita precedente. Si vedeva come un soldato in cima ad una torre con i polsi legati. Ad un certo punto qualcuno gli conficcò una lancia sulla schiena e cadde dalla torre. Alla fine della seduta era ridotta uno straccio, ma nel giro di qualche giorno i dolori le erano notevolmente diminuiti e sembrava stare sempre meglio.
    (A questo punto è meglio che apro una discussione con il link del libro >QUi<, così se qualcuno è curioso può leggere personalmente). :wink: Il fatto che certe persone, anche senza ipnosi, ricordino di vite che non sono le loro, lo trovo molto intrigante. Non me la sento di dire che sia tutto un scherzo della mente, tipo i illusioni e sogni. No, secondo me c’è qualcos’altro, forse un’altra dimensione, che noi per mancanza di strumenti non siamo in grado di vedere… Forse i ricordi di altre vite non sono i ricordi propri di quelle persone che li rivivono, ma i ricordi di altre persone comunque realmente esistite. Peccato non ci sia ancora nessuna prova.

    #57475
    Anonimo
    Inattivo

    Nel libro che sto leggendo, invece, si dice che proprio rivivendo i ricordi delle vite precedenti le persone affette da disturbi fisici e mentali, trovano in breve tempo la serenità e guariscono quasi completamente. Infatti, molte persone sono ricorse all’ipnosi regressiva proprio per guarire da certi malesseri e pare che abbia funzionato.
    Per esempio: una donna diceva di essere affetta da un dolore cronico alla schiena e di aver paura dell’altezza, gli antidolorifici gli facevano poco o niente, così si è rivolta ad un esperto. Durante l’ipnosi regressiva ha rivissuto il momento della sua morte in una vita precedente. Si vedeva come un soldato in cima ad una torre con i polsi legati. Ad un certo punto qualcuno gli conficcò una lancia sulla schiena e cadde dalla torre. Alla fine della seduta era ridotta uno straccio, ma nel giro di qualche giorno i dolori le erano notevolmente diminuiti e sembrava stare sempre meglio.

    (A questo punto è meglio che apro una discussione con il link del libro >QUI<, così se qualcuno è curioso può leggere personalmente). :wink: Il fatto che certe persone, anche senza ipnosi, ricordino di vite che non sono le loro, lo trovo molto intrigante. Non me la sento di dire che sia tutto un scherzo della mente, tipo i illusioni e sogni. No, secondo me c’è qualcos’altro, forse un’altra dimensione, che noi per mancanza di strumenti non siamo in grado di vedere… Forse i ricordi di altre vite non sono i ricordi propri di quelle persone che li rivivono, ma i ricordi di altre persone comunque realmente esistite. Peccato non ci sia ancora nessuna prova.

    #57482
    Anonimo
    Inattivo

    Sul concetto di coscienza collettiva mi sa tanto di new age e profezia di celestino, seriamente ti consiglio di leggere guida alla decima illuminazione di james redfield , quello della profezia di celestino

    #57484
    Anonimo
    Inattivo

    Io provo a vedere le mie vite precedenti coi sogni, prima di addormentarmi mi concentro riguardo ciò che voglio. Spesso ho sognato situazioni diverse di cui la mia mente sembrava abbastanza sicura appartenessero a vite realmente vissute da me, tuttavia penso che non fossero altro che normalissimi sogni, solo un po’ più “vividi”

    #57833
    Anonimo
    Inattivo

    senza alcun dubbio…suggestioni che ci creiamo da soli

    Concordo con alceste, è impossibile ricordare vite precedenti, tranne rari casi, per esempio aprii una discussione sul bambino americano che ricordava di aver vissuto da pilota , ed era effettivamente un pilota morto 40 anni prima…..

    Ma in generale noi viviamo senza poter ricordare nulla, impazziremmo, la Sapienza iniziale ha programmato ed architettato tutto per bene. E’ Lui che ogni tanto lascia la traccia….come può essere anche un Rol, un Padre Pio, sotto altri piani, per esempio per la bilocazione.Rol e Padre Pio stavano a due parti contemporaneamente, io e voi non possiamo farlo, perchè? Stessa cosa delle vite precedenti , solo raramente Dio consente il ricordo che affiori

Stai visualizzando 11 post - dal 1 a 11 (di 11 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.