Chiudi

Ancora sulla Reincarnazione….

  • Questo topic ha 12 risposte, 3 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 9 anni fa da Anonimo.
Stai visualizzando 13 post - dal 1 a 13 (di 13 totali)
  • Autore
    Post
  • #21631
    Anonimo
    Inattivo

    La concezione del ritorno ciclico sulla terra ( o su altri pianeti ) chiamata comunemente “reincarnazione”,completa il principio dell’immortalità e lo trascende,dandoci un concetto più esatto del processo che non può svolgersi in una sola vita terrena.
    Presso antichi popoli vi era la credenza della “trasmigrazione”delle Anime;anche Platone,Pindaro,Archimede accettarono questa filosofia…

    La dottrina della reincarnazione la troviamo in tutte le Religioni,sia nell’aspetto Esoterico che essoterico:

    Induismo : <
    Così come uno si cambia i suoi abiti vecchi sostituendoli con altri nuovi,così anche l’abitante del corpo ,dopo aver abbandonato la sua vecchia casa mortale,va ad abitare in un’altra nuova e pronta per riceverlo…>> (Bagavad Gita II,22 )

    Ebraica : <> ( De Bello Judaico,II,8 )

    Cristiana ( Non Cattolica ) : “Ma io vi dico che Elia è già venuto ed essi non lo hanno riconosciuto.Anzi hanno fatto a Lui tutto ciò che hanno voluto”; allora i discepoli intesero che Egli aveva parlato loro di Giovanni Battista. ( Matteo,XVI,13,14 )

    Islamica :<< Dio genera gli esseri e li rimanda indietro molte volte,fino a che ritornano a Lui.>>

    Per la Religione Cristiana è da considerare anche il significato della risposta data dal Maestro Gesù a Nicodemo che gli chiedeva se il nato cieco avesse peccato lui o i suoi genitori.Questa domanda implica che la credenza nella reincarnazione esisteva già ai tempi della predicazione del Maestro.
    Fu il 2° Concilio di Costantinopoli del 553 che,riprendendo le decisioni del Sinodo del 531,vietò ( ! ) la credenza nella rinascita.

    Secondo la concezione Cattolica ,dopo la morte,l’Anima entrerebbe in uno dei tre stadi :inferno,purgatorio,paradiso,per essere punita o premiata,in relazione alla sua condotta tenuta in vita.

    In contrasto con questa concezione di Fede.la Dottrina Occulta afferma invece che ognuno si crea il proprio inferno,purgatorio o paradiso,ognuno cioè si crea la propria Coscienza che,dopo la morte,.porta l’Anima al livello che le consente la sua ideale auto-analisi,da dove poi avanzerà mediante un intimo lavorìo di autorimorso e perfezionamento spirituale.
    A pensarci bene,questi stadi dell’inferno e del purgatorio,non potrebbero esseri eterni,perchè una causa “finita e momentanea”
    non può produrre effetti “infiniti”…

    L’elevatezza della Coscienza di ogni singolo,indica un piano ed una meta raggiunta per arrivare alla perfezione,il che non potrebbe realizzarsi in un’unica esistenza,anche se lunga…
    Per questo si può “vedere”,nella pluralità delle vite terrene di un’Anima la condizione necessaria per la sua Evoluzione.

    Il Principio Divino,che risiede in ogni individuo,si reincarna molte volte ( in razze,nazioni,professioni,condizioni sociali e sesso diversi )prendendo “dimora”in corpi che permettono di prendere coscienza di se stesso e di giustificare anche che l’essere è stato creato ad immagine e somiglianza di Dio,cioè formato di un’Anima eterna che usa per Evolversi in corpi distruttibili…

    Nascere.morire e rinascere,costituiscono il ciclo della costruzione delle nostre Coscienze,attraverso il tempo e lo spazio;la reincarnazione è il mezzo con cui la Grande Legge ( vedi Karma ) porge a noi l’occasione di poter correggere ( non pagare ! ) gli errori commessi nelle esistenze precedenti e ristabilire così l’equilibrio nelle condizioni ,riprendendo l’esperienza dal punto in cui l’avevamo lasciate nella precedente vita.

    Morte e rinascita non sono che due punti di fasi successive del nostro continuo rinnovamento;ad ogni successivo ritorno sulla terra si riprende l’esperienza,la si approfondisce e si concretizza più intimamente l’espressione della Divinità latente in via di sviluppo…

    #56243
    Anonimo
    Inattivo

    alceste, due domande , la prima è se siamo noi o Dio a decidere per il ritorno in vita dopo la morte, la seconda è se non trovi assolutamente iniquo e orribile la conseguenza di chi crede nella reincarnazione (e karma) che ogni tragedia è causa del nostro male in vite precedenti.
    Con quale coraggio si può pensare che un bambino che nasce malato o comunque muore presto per tragedie varie sia conseguenza di sue colpe in vite precedenti.
    La reincarnazione è collegata al karma, se ho capito bene, dunque ogni tragedia che ci risulti orribile è causata dalla legge di retribuzione. Io lo trovo brutto assai…

    #56256
    Anonimo
    Inattivo

    @lechateau

    Noi,come persone,come uomini,non decidiamo nulla;chi decide di reincarnarsi è lo Spirito,e per far questo una sua particella,che generalmente definiamo Anima,o Atma,o Ego,permea un feto durante la gestazione.
    Questo perchè il corpo umano non riuscirebbe mai a contenere l’infinita energia dello Spirito.

    Ma ti chiedo di non trarre conclusioni troppo affrettate sull’argomento della reincarnazione…
    Infatti l’argomento in questione è molto complesso,e implica praticamente tutto il processo Evolutivo dell’Anima e di conseguenza anche dello Spirito;è necessario approfondire a fondo questo tema,e ci vuole tanto tempo.

    Di pari passo l’altrettanto tema del Karma,interpretato erroneamente come “punizione”.
    Non esistono colpe,ma errori a cui porre rimedio.
    Colui che nasce privo della vista o che affronta una vita difficile,nelle più sfavorevoli disavventure umane è perchè la sua Anima ha scelto di fare quelle determinate esperienze. Quindi non sono un”castigo”.

    Come scrivevo prima,bisogna procedere molto lentamente nella comprensione di questi temi,che non si possono esaurire con un trafiletto o un libro;bisogna ,anche in questo caso dedicare tempo per la comprensione e lo studio di questi importanti avvenimenti.

    Vedi,a me capita invece di sentirmi porre la domanda,sempre la stessa,da parte di ammalati o di madri che perdono il loro figlio o per incidente,o per malattia:<>.

    In realtà Dio non c’entra nulla .E’ una realtà che si impara solo attraverso la sofferenza,perchè quando soffriamo comprendiamo la nostra pochezza, la fragilità e impotenza del nostro corpo,e nella sofferenza troviamo noi stessi,troviamo quel Dio che ci hanno sempre insegnato essere “in alto”lontano,sconosciuto…Ma che in realtà è dentro di noi !

    Dunque,cercare sempre di approfondire gli avvenimenti e le filosofie,le credenze e le pseudo-verità è l’unico modo per poter,se non comprendere,almeno intuire…

    #56257
    Anonimo
    Inattivo

    ti ringrazio, e hai ragione, l’argomento è delicato. La mia mente rifiuta ancora l’idea dell’uomo disgraziato che si autoflagella o che trova la disgrazia come castigo
    Sul karma la blavatsky dice che le colpe si pagano, non c’è possibilità di scampare perchè l’equilibrio dell’universo bisogna restaurarlo….tu dici una cosa diversa.

    Sul valore della sofferenza come purificazione immagina come un cattolico ti capisce, Gesù a vari mistici a cui è apparso gli ha sempre detto, stai avendo malattie mortificazioni sofferenze perchè voglio aiutarti…

    #56262
    Anonimo
    Inattivo

    @lechateau

    Il concetto della Reincarnazione non si basa su una vita di “disgrazie e autocastighi”,ma piuttosto di esperienze di vita che portano all’Evoluzione Interiore.

    Ah ! La Blavatsky…Le prime “nozioni”le apprese dall’Esoterismo;fondò la Società Teosofica mescolando insieme antiche tradizioni e filosofie della cultura Indiana e Tibetana e,da spirito indipendente,le adattò al “suo”modo di percepire la Conoscenza.

    Ma,negli ultimi anni di vita, ritornò alla Scuola Esoterica…

    Per questo quel che scrivo non concorda con quello che afferma Helena Blavatsky.

    #56244
    Anonimo
    Inattivo

    alceste, anche se non è il topic adatto, ma un pò sì, che ne pensi delle tesi di steiner sull’età solari, lunari, gli uomini che si dividevano all’inizio in provenienti da vari pianeti e poi trovarono il corpo fisico qui sulla terra ?

    La mia sensazione in generale sul post mortem è che di là ci sia davvero una vita, senza sofferenze senza problemi senza ansie etc etc ma la immagino triste….ma secondo te questi esseri spirituali che volano come angeli in questa eterna dimensione che noi non possiamo vedere adesso (ma là andremo) che fanno ?

    La domanda è banale…ma ci riguarda tutti perchè ci dovremo trascorrere tutta l’eternità (anche se non ci saranno orologi) , ma che sfizio ci può essere a vivere senza le cose terrene ?

    Capisco che uno che nasce in un paese povero e soffre tutta la vita non è una bella cosa ma nella vita eterna , senza le nostre passioni e piaceri terreni, deve essere triste…. :S

    #56263
    Anonimo
    Inattivo

    @lechateau

    Conosco le teorie di Steiner…Rispetto le sue teorie,dettate da un’intuizione e sviluppate poi dalla sua mente;per il modo di “sentire rimane un’affascinante teoria alla quale non vi saranno,per ora ,mai conferme;forse Steiner ha “visto” un lato della Verità e per alcuni è considerato un’illuminato.

    Sono più propenso a credere che esseri alieni al nostro pianeta abbiano modificato il DNA della nostra specie umana aggiugendo un cromosoma volgarmente chiamato <>,un piccolo frammento che portato la nostra specie ad evolversi rispetto alle altre specie animali di questo pianeta,che per alcune vi è una “somiglianza” con noi del 90% ma,manca quel piccolo ma importantissimo elemento nel loro DNA.!
    Tutto questo è visto come aiuto alla nostra specie,perchè più preposta,non un’esperimento di clonazione…
    Ma rimarremo ancora nel campo delle ipotesi,affascinanti se vogliamo,visto che la teoria di Darwin sta perdendo credito;eppure anch’egli elaborò il tutto partendo da un’intuizione.

    Noi umani concepiamo una forma di vita in un’altra dimensione,solo in base alla ancora limitata capacità del nostro cervello;
    Ci identifichiamo con le cose che ci circondano,viviamo e interagiamo con queste cose che ci danno la parvenza di” vivere”.
    Ma basta focalizzarsi sui sentimenti per comprendere che esiste un’altro modo,ben diverso e profondo di concepire e sentire la vita.

    Nell’altra dimensione vi è la Luce,dalla quale proveniamo e questa alimenta la nostra particella Divina;
    A volte,già qui sulla terra abbiamo delle fugaci esperienze con la Luce,e dopo queste esperienze vediamo e comprendiamo il mondo con altri modi di vedere.
    Quello che “rovina”tutto è sempre la nostra mente che non riesce ad andare oltre i 5 sensi materiali,non li può neanche concepire;ed a questo punto quando la mente non comprende,nega e rifiuta.

    Ecco l’importanza della scoperta del nostro vero Se,della nostra vera Essenza,immortale perchè non composta di materia.

    #56245
    Anonimo
    Inattivo

    La reincarnazione e’ l’ esatto opposto della resurrezione come il diavolo e’ l’esatto opposto di Dio,chi crede nella reincarnazione non puo’ credere nella resurrezione, chi crede nella reincarnazione nega il sacrificio di cristo, ragazzi ve le ho passate tutte ma questa e’ palese che sia cosi’ non posso bermela dai. Cmq vi lascio continuare

    #56306
    Anonimo
    Inattivo

    @BenSteealth

    <>

    Grazie per la concessione illuminata …!

    SE non te “la bevi” lascia bere almeno gli altri ,considerando la libertà di pensiero altrui,o ti si sembra assurdo come ideale di apertura mentale intelligente ?

    #56246
    Anonimo
    Inattivo

    ben dice una cosa incontestabile, se partiamo dal dogma che abbiamo una sola vita fisica e una sola vita eterna.

    Ma non si può escludere nulla a questo mondo, bisogna aprirsi al dubbio.

    Per esempio, Rol affermava di avere mille anni, mò o era un mitomane o era serio. Chi conosce la vita di rol sa che era maledettamente serio.

    #56319
    Anonimo
    Inattivo

    Rispetto i dogmi,gli uomini che li hanno inventati,e coloro che li seguono…

    Dici bene,senza dubbi non costruisce nulla ,perchè non si comprende;questo vale sopratutto per chi ha una fede…

    Ho conosciuto Rol,sono stato qualche volta a casa sua per …ragionare.Abitava a qualche isolato da casa mia,qui a Torino.

    #56247
    Anonimo
    Inattivo

    No la liberta’ di pensiero la rispetto non mi sembra assurda ma infatti hai ragione alceste amico mio,ti chiedo scusa perche’ anche se non mi capita quasi mai non ho utilizzato le parole giuste,non avrei dovuto utilizzare il termine bermela; e’ solo che mi sembra un po’ grossa ecco tutto,voi siete liberissimi di pensarla cosi’ vabbene potete continuare a bervela…..scherzo :biggrin: cmq le scuse sono sincere. Cmq il discorso della concessione illuminata mi ha fatto sorridere era bellina :) ……..certo che me le spari sempre secche alceste anche se cmq questa volta hai ragione utilizzero’ un linguaggio piu’ appropriato la prossima volta promesso.

    #56320
    Anonimo
    Inattivo
    alceste wrote:
    Rispetto i dogmi,gli uomini che li hanno inventati,e coloro che li seguono…

    Dici bene,senza dubbi non costruisce nulla ,perchè non si comprende;questo vale sopratutto per chi ha una fede…

    Ho conosciuto Rol,sono stato qualche volta a casa sua per …ragionare.Abitava a qualche isolato da casa mia,qui a Torino.

    sono affascinato dalla figura di Rol, soprattutto per ciò che diceva, davvero saggio

    Quando vuoi parliamone, da Rol c’è molto da imparare

Stai visualizzando 13 post - dal 1 a 13 (di 13 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.