Chiudi

10 anni e nessuna risposta.

  • Questo topic ha 23 risposte, 5 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 8 anni, 2 mesi fa da Anonimo.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 24 totali)
  • Autore
    Post
  • #21973
    Anonimo
    Inattivo

    Salve a tutti, mi chiamo Marco, 33 anni, sposato e padre di 2 bellissimi bambini.
    Sono iscritto da qualche giorno ma solo oggi sono riuscito a trovare la voglia di raccontare quel che mi successe anni fa.
    Ho vissuto 2 o 3 situazioni inspiegabili nell’arco della mia vita, ma questa mi ha lasciato il segno.

    Una sera con mio fratello ed un altro amico decidiamo di andare a bere qualcosa. Giorgio, l’amico albanese, ci porta in un pub nei pressi di Castelfiorentino molto rustico e ben organizzato. Ci accomodiamo in un tavolo all’esterno e cominciamo a chiacchierare. Non c’è tanta gente, ma Giorgio riesce ad individuare 2 ragazze sole che bevono ad un tavolo vicino al nostro. Si alza, va a chiedere loro se hanno voglia di bere insieme a noi. Le due ragazze acconsentono, anche perché lui è un bel ragazzo e ci sa fare. Ci spostiamo noi al loro tavolo. Dopo le dovute presentazioni, si chiacchiera del più e del meno, ma noto che la ragazza bionda, molto bella tra l’altro, mi parla sempre più insistentemente, ignorando gli altri, fissandomi dritto negli occhi. Il discorso, non so come, cade nel paranormale. Dopo tanto tempo non ricordo più il suo viso, ma gli occhi…chiari e felini. Mi ha stregato ed abbiamo monopolizzato il tavolo, tanto che gli atri si sono rotti.
    Ad un certo punto il suo tono cambia. Inizia a dirmi che sono speciale, che ho qualcosa di unico. Mi dice che io so di cosa si tratta, nonostante io insistessi per sapere di più .
    Andammo avanti per molto, ma ad un certo punto lei risultava stremata e provata da quella conversazione, attirando l’attenzione della sua amica che vedendola così stanca e sudata inizio’ a preoccuparsi. Continuava a ripetere ‘TU LO SAI’ come un disco rotto. A quel punto tutti ci alzammo per darle una mano, ma la sua amica la cinse allontanandoci tutti, si avvio’ per portarla via, infine si volto’ verso di me con degli occhi che non potrò mai dimenticare e mi disse ‘MA COSA CAZZO LE HAI FATTO? VATTENE VIA’
    E pian piano se ne andarono dal locale.

    Questa storia e’ totalmente vera credetemi, ed a tutt’oggi non so cosa dovrei sapere su me stesso. Magari non so leggermi. Ma sono certo che quella sera qualcuno abbia usato quella povera disgraZiata per parlare con me.

    Ditemi un po’ che ne pensate e se qualcuno avesse qualche consiglio, sarebbe molto gradito..

    Grazie ciao

    #57970
    Anonimo
    Inattivo

    Ciao Marco.benvenuto.

    Anche se sono passati ormai 10 anni da quell’incontro/esperienza,è possibile ipotizzare che la ragazza in questione fosse dotata di una facoltà di sensitiva ed abbia così percepito in te una forte energia…

    Il fatto che poi abbia cominciato a non sentirsi bene è dovuto alla non indifferente “fatica”psichica che comportano queste facoltà.

    Non ravvedo nel tuo scritto e nell’esperienza descritta,un’ipotesi di una possibile “possessione” da parte di qualche Entità ed escluderei a priori quindi questa improbabile ipotesi…

    Semplicemente quella ragazza ha intuito le tue possibili facoltà ancora assopite e quiescenti,ma tuttavia presenti in te.

    Ora bisogna vedere se tu sei propenso verso la “ricerca”del tuo mondo interiore,avendo intuito tu stesso la necessità di comprendere

    quel “qualcosa”che è in te…

    A questo proposito sicuramente avrai avuto delle esperienze interiori o vissuto particolari episodi di vita che esulano dalla normale percezione dei nostri 5 sensi.

    Il mio consiglio è di cominciare a riorientare la ricerca della conoscenza di stesso,cominciando dalle eventuali intuizioni che sicuramente nel corso degli anni sono affiorate alla tua mente.

    Facci sapere,se lo credi,in questo modo si potrà comprendere quello che 10 anni fa una perfetta sconosciuta,ma sensitiva,ha “sentito” riguardo la tua energia spirituale…

    #57971
    Anonimo
    Inattivo

    Leggo e mi viene la pelle d’oca. Che strano.
    Innanzitutto grazie della risposta.
    posso darti un esempio delle pochissime esperienze che ho vissuto. Magari aiuta.
    Poi non capisco realmente perchè adesso sento la necessità di sapere e non allora.
    Posso dirvi che, a sensazione, lego il mio interesse, alla situazione che tutti oggi viviamo in Italia.

    A volte mi sento responsabile……non so di cosa….ma mi viene da piangere mentre ne parlo….

    Cmq torniamo all’episodio:

    Una volta, con una mia ex, circa 12/13 anni fa, ci siamo appartati in una rientranza con l’auto nei pressi di una galleria con entrata in curva. Mentre eravamo sul più bello, ho cominciato a sentirmi molto strano, con vampate di calore, spaventando lei con le mie urla,
    “DOBBIAMO ANDARE VIA….SUBITO…” e così via.
    Sentivo il male nell’aria…era tangibile…avrei potuto toccarlo, credetemi….
    Avevo paura di un’aggressione, o qualcosa di peggio.

    Mentre ci stavamo ricomponendo, un’auto arriva all’imbocco della galleria, andava forte ed a terra l’asfalto era saponato , come si dice dalle mie parti quando pioviiggina.
    L’auto sbanda e sento stridere le ruote.

    Un botto fortissimo…dopo pochi secondi le urla….

    Siamo scesi a prestare soccorso.

    Per fortuna qualche taglio e lividi, ma tutti vivi.

    Appena è arrivata l’ambulanza siamo andati via…e lei mi guardava come fossi un alieno
    “MA COME FACEVI A SENTIRE QUELLO CHE STAVA PER SUCCEDERE?

    Io non le risposi. Piangevo e tremavo come una foglia. Non ne abbiamo parlato mai più.

    Forse percepisco il male?

    Scusa ma devo fermarmi, mi sento scosso.

    Grazie ciao.

    A presto

    #57975
    Anonimo
    Inattivo

    Benvenuto DiGregorio! :)
    Penso tu abbia un dono meraviglioso, ma comprendo che non sapendo come comportarsi o come spiegarlo può risultare un peso o persino qualcosa di sconvolgente. Mi unisco al consiglio di Alceste: riorienta la ricerca della conoscenza di te stesso… senza forzare (deve essere una cosa naturale) e con la convinzione che quello che sei può essere utile a te e soprattutto a coloro che ti sono vicini.

    #57976
    Anonimo
    Inattivo

    @Marco

    …Adesso senti la necessità di sapere e comprendere perchè è arrivato il momento ,anche per te,di incamminarti nuovamente su quell’invisibile “Sentiero”che tutti noi umani incarnati,con l’aiuto della nostra Anima calchiamo per acquisire Coscienza e Conoscenza;è un “risveglio” della parte Immortale celata noi che incessantemente cerca di stabilire un “contatto”con la nostra mente.

    No Marco,non percepisci il male,ma piuttosto hai anche tu facoltà di veggenza che affiorano alla mente inconsapevolmente,almeno per ora.
    Come scrive giustamente Nyma tutto questo può risultare sconvolgente,ma solo perchè non ne comprendi ancora i modi ed i perchè avviene tutto questo.

    Il motto Delfico<> racchiude una Verità ed un insegnamento sul vero e profondo significato della vita;sostanzialmente noi viviamo contemporaneamente la vita materiale con le sue gioie e dolori,affanni e preoccupazioni,responsabilità di mariti,mogli verso figli/e…Contemporaneamente però abbiamo in noi l’Immortalità dell’essenza Divina che preme alle porte della mente e sussurra alla nostra coscienza facendoci intravvedere e percepire il mondo sotto un altro aspetto,con altri occhi,liberi dai legami fisici,che ci confermano l’Immortalità e l’Eredità Divina.

    La mia non è una affermazione Religiosa o dogmatica,poichè questa consapevolezza va oltre le restrittive norme di qualunque Religione…

    Potremmo definirla una filosofia,anche se non esiste il termine appropriato.

    #57987
    Anonimo
    Inattivo

    come potrei addentrarmi nel mio IO e conoscermi?
    Esistono delle pratiche che consentono, gradualmente, di scavare oltre la crosta di realismo che ci consente di vivere la “VITA” senza percepire ciò che sta al di là di essa e soprattutto esiste un modo di prendere coscienza delle proprie capacità?

    Spero possiate aiutarmi, perchè sento che questo muro mi frena anche nelle mie potenzialità e vorrei tanto riuscire ad abbatterlo.

    Grazie, a presto

    #57972
    Anonimo
    Inattivo

    Quello che dice Alceste , benissimo , si può accelerare con la meditazione, anni di meditazione
    Poi ci sono i chiamati….

    #57989
    Anonimo
    Inattivo

    Chi sono i chiamati?

    #57988
    Anonimo
    Inattivo
    DiGregorio wrote:
    come potrei addentrarmi nel mio IO e conoscermi?
    Esistono delle pratiche che consentono, gradualmente, di scavare oltre la crosta di realismo che ci consente di vivere la “VITA” senza percepire ciò che sta al di là di essa e soprattutto esiste un modo di prendere coscienza delle proprie capacità?

    Spero possiate aiutarmi, perchè sento che questo muro mi frena anche nelle mie potenzialità e vorrei tanto riuscire ad abbatterlo.

    Grazie, a presto

    Ciao,io ho scoperto che quando sono rilassata,in pace con me stessa,attenta ai particolari di vita quotidiana..il tempo perde quasi consistenza,è più facile che avvenga qualche sorta di comunicazione tra dimensioni..insomma zittire la mente,quasi imponendo!

    #57990
    Anonimo
    Inattivo
    DEM wrote:
    Chi sono i chiamati?

    mahh…molti, più avanti di me, insistono che ci sono tra noi persone “privilegiate”, chiamati, eletti, come vogliamo definirli

    Io per ora sono ancora scettico su questa cosa, Dio da Padre non dovrebbe avere “chiamati” ma dovremmo partire tutti da 0 a 0

    #57991
    Anonimo
    Inattivo

    @lechateau

    …E’ una Consapevolezza,la tua, che condivido…

    #57992
    Anonimo
    Inattivo
    lechateau wrote:
    DEM wrote:
    Chi sono i chiamati?

    mahh…molti, più avanti di me, insistono che ci sono tra noi persone “privilegiate”, chiamati, eletti, come vogliamo definirli

    Io per ora sono ancora scettico su questa cosa, Dio da Padre non dovrebbe avere “chiamati” ma dovremmo partire tutti da 0 a 0

    Si! Non dovrebbero esserci…siamo tutti uguali,però spesso mi chiedo come mai alcune persone si soffermano per cercare se stessi ed altre sono sommerse dal materialismo sino a soffocarci dentro….forse qualcuno si” risveglia” prima degli altri per un motivo?

    #57993
    Anonimo
    Inattivo

    Molto pertinente la tua riflessione DEM !

    Molte sono le cause che inducono ad un”risveglio”.

    Per comprendere meglio questo avvenimento dovremmo considerare il percorso compiuto nelle precedenti incarnazioni ;

    ci si “incammina”nuovamente sul Sentiero riprendendo il passo interrotto nella precedente incarnazione.

    Ovviamente tutta la Conoscenza Spirituale acquisita non va persa con la morte fisica;con la morte fisica ed il dissolvimento dei neuroni si perdono le conoscenze prettamente caratteriali e culturali relative alla nostra dimensione terrestre;ma,al contrario la Conoscenza Spirituale acquisita in una esistenza dall’Anima rimane intatta poichè questa Conoscenza è frutto di un’esperienza di vita stabilita e voluta dallo Spirito al quale l’Anima,che è un suo frammento, una sua particella,ritorna per fondersi in Esso.

    Lo Spirito da quest’ultima incarnazione accresce ulteriormente la sua Conoscenza alla luce delle Leggi Divine.

    Quando lo Spirito decide di compiere un’ulteriore esperienza attraverso una sua particella,Anima,Atman,Ego,Se quella spinta Evolutiva e quella Conoscenza propria dello Spirito è presente dunque anche nella Sua particella incarnata…

    L’Anima anela a stabilire un “contatto”con la mente affinchè la mente diventi uno “strumento”utile al compimento dell’esperienza per la quale Essa si è incarnata;questo intento da parte dell’Anima è costante per tutta la nostra vita terrena.

    Ma,c’è un ma…Il nostro ego,la nostra personalità,il nostro identificarci esclusivamente con il nostro corpo ed i nostri istinti crea una barriera che impedisce questo “contatto”;

    succede però,il più delle volte,che un evento nella nostra vita ,come la morte di un nostro caro o una malattia,induca il nostro ego ad interiorizzarsi per ricercare un perchè o per trovare delle risposte;proprio in concomitanza di questo evento di interiorizzazione l’Anima ha l’occasione di esercitare la Sua influenza sulla mente:da questo momento l’uomo comincia a non identificarsi più esclusivamente con il proprio corpo fisico,ma a ricercare la sua vera Essenza poichè ode la “voce”dell’Anima che sommessamente parla alla sua coscienza.

    D quel momento l’uomo non è più lo stesso,comincia a percepire i fatti e gli avvenimenti del mondo terrestre il altro modo e finalmente rimette piede su quel Sentiero che l’Anima conosce molto bene…

    #57994
    Anonimo
    Inattivo

    Se posso, vorrei esprimere la mia riguardo a questo, ma anche riguardo a tutto ciò che similmente ci condiziona. Ogni essere, a mio avviso, e’ dotato di tutto quel che necessita per vivere e sopravvivere. Purtroppo la nostra storica necessità di dare spiegazioni a tutto, non riesce a spiegarci ancora oggi il perché di certe cose che per quanto strane, paradossali, o innaturali, comunque esistono. Allora dico che magari potrei pensare che il mondo che ci hanno creato intorno possa essere soltanto un metodo per tenerci lontani dall’unico elemento, ossia la vera vita, il contatto con la natura, che potrebbe permettere ad ognuno di noi di esternare senza alcuna difficoltà la propria spiritualità in piena simbiosi con gli elementi che ci circondano. Siamo il capolavoro e la vergogna di chiunque ci abbia creato, ma l’unico freno alla nostra grandezza spirituale e’ la nostra sete di potere e controllo.
    Potremmo essere tutti esseri speciali, e quindi nessuno lo sarebbe più.
    Magari come diceva qualcuno prima, in caso di malattie o perdite importanti tiriamo fuori la voglia di essere umani e riusciamo a fare cose uniche. Allora magari l’umanità ha bisogno di un colpo veramente duro per cominciare a vivere il proprio reale ruolo, ossia curare e magnificare ogni angolo ed ogni dono di questo meraviglioso pianeta.

    #58000
    Anonimo
    Inattivo

    Marco,quello che scrivi lo condivido anch’io.

    L’unico ostacolo consiste nell’eterno dualismo dell’essere umano !

    Da secoli la nostra specie si massacra con guerre fratricide e si continua ancora oggi…
    Non esiste.nella mente dei più,un’ìdea,un abbozzo di un mondo unito e quindi di una razza unita.
    Basta semplicemente considerare il fallimento,che si palesa,della Comunità Europea !

    Certamente io credo nell’evoluzione della razza umana,sopratutto a livello spirituale;

    Ritengo però che per questa realizzazione globale di uguaglianza e rispetto,prima che nasca questo geme,dovrà passare molto tempo…

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 24 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.