Chiudi

Rispondi a: Candela che si accende da sola e altri fenomeni….

#77340
Anonimo
Inattivo

Kit, come ha già scritto qualcuno, perché non evitiamo di fare sfociare ogni messaggio in una discussione sui “massimi sistemi”?
Si sa che la pensi diversamente da me, ma non è che possiamo trasformare ogni aneddoto proposto da qualcuno in una guerra tra scettici e non scettici, anche perché quelle discussioni sul carattere generale delle ricerche sul paranormale ci sono già, si finisce per appesantire la singola discussione se li tiriamo fuori ogni volta.
Nel caso specifico, mi sono limitato a dire che una batteria può esplodere e ne è piena la cronaca di batterie di telefonini esplosi, talvolta anche ferendo il possessore. Dico telefono, ma qualunque batteria agli ioni di litio, che sono le più diffuse oggi, può deformarsi e la sua alterazione può arrivare fino all’esplosione vera e propria. Nonostante le più moderne siano più sicure.
Se noti non ho detto nulla sulla candela perché non saprei che cosa dire, visto che una candela “spenta da ore” normalmente non può riaccendersi da sola. Non soltanto dopo ore, ma nemmeno un secondo dopo essersi spenta. La candela si spegne e da quel momento non ha più calore sufficiente per riaccendersi, a meno che non vi si avvicini una fiamma, e in quel caso i fumi infammabili possono dare un “ritorno di fiamma”. Ma se la si lascia abbandonata a se stessa non si riaccenderà mai.
Non è che io prenda un pezzo della discussione per estenderne le conseguenze a tutta la situazione che sta vivendo la persona. Se la candela che si accende, e magari anche la batteria esplosa, fossero parte di un insieme di eventi che ricadono nel paranormale, allora anche la mia spiegazione “normale” non sarà quella giusta. Ma io preferisco arrivarci sempre analizzando i singoli elementi, in quanto potrei avere cento episodi “strani” nessuno dei quali è veramente inspiegabile.
Allora non è che cento episodi strani facciano un caso paranormale.
Quello della candela, raccontato così com’è, sarebbe effettivamente un caso “paranormale”.