Chiudi

Rispondi a: Amici immaginari ripresi in video.

#77021
Anonimo
Inattivo

Io penso siano tutti fake (ciò nonostante adoro il canale Horror Maniaci e mi fa piacere che lo guardi anche tu Nyma :) ) Se i bambini siano in grado di vedere più di noi non lo so perché in realtà non so neppure se “esista” qualcosa da vedere. Resto possibilista e mi piace molto quest’argomento.

Comunque io da piccola, per un periodo che non saprei quantificare, di notte vedevo due “amici” immaginari che mettevano su una specie di “spettacolino teatrale” per me. Ricordo che la cosa mi risultava divertentissima. In realtà non so se potrei definirli “amici immaginari”: non avevo dato loro un nome e non sembravano fatti “di carne ed ossa”; sembravano più come delle figure di carta di cui io vedevo solo la sagoma, di profilo. Non so se sognavo oppure se semplicemente immaginavo, fatto sta che io ero convinta fossero reali. Una volta mia madre mi chiese cosa sognavo la notte, poiché mi sentiva ridacchiare. Non credo che le sarà piaciuta la mia risposta; a mia sorella maggiore di sicuro no! :hahahaha:

Comunque leggendo questo post mi è tornato in mente un fatto sentito o letto non so più dove che sul momento mi diede i brividi. In breve, c’era questa bambina che aveva una amichetta immaginaria la quale le aveva raccontato di essere triste e di essere morta assassinata. la piccola ne parlava in continuazione, ossessivamente, così tanto che sua madre ritenne giusto cominciare ad “intervenire” per far staccare sua figlia da questo pensiero fisso. Un giorno, mentre stavano per uscire, sua madre le disse: “Dii a xxxxx (non ricordo il nome dell’amichetta immaginaria) che oggi non può venire con noi e che vi vedrete più tardi”. La bambina corse in camera e “riferì”. Dopo ciò, tornò da sua madre e le fece: “Mamma, xxxxx sta piangendo; pensa che tu non voglia portarla con noi perché lei è brutta!”. E sua madre: “E perché mai dovrei pensare che lei è brutta?!”. E la bimba: “Perché ha un buco in fronte”. :confused:
Naturalmente non so se sia vera questa storia ma a me fece venire la pelle d’oca.