Chiudi

Rispondi a: Il diavolo è il diavolo o… è l’uomo?.

#74381
Anonimo
Inattivo
Gemini wrote:
Ma guardi carissimo Kit, io il demonio l’ ho cercato in ogni dove, in ogni meandro dimensionale…l’ ho richiamato, evocato, e…sfidato, ho addirittura vestito i panni della persona pia – eh ma l’ è proprio un bravo e retto ragazzo sto ragazzaccio di Gemini- ma di illo non vi è traccia. E se un dio buono c’ è sa se l’ ho cercato. Un se trova mica sto benedetto devil…neanche nella metropolitana affollata, neanche nelle piú sfrenate fantasie. Eh, ma lei caro aulico Kit è una vecchia volpe argentata…e immagino l’ abbia cercato anche lei…l’ ha per caso incontrato un giorno?

Vecchia volpe argentata? Bella, escludi però vecchia.
Se l’ho incontrato? L’ho incontrato si, ma di certo non per una mia voluta curiosità. Non l’ho mai cercato.
Meglio tornare seri caro Gemini. Qualunque entità negativa non andrebbe mai evocata, se non si è in possesso di elementi di contrasto, è già successo e in alcuni casi è finita male. Molto male, ti prego di fidarti di quanto sto dicendo. Non sempre tali atteggiamenti aprono porte che interessano immediatamente la persona che prova a lanciare il guanto di sfida, ma anche (più subdolamente) l’ambiente in cui vive, famigliari compresi o, almeno, il più debole in “tenuta psichica”. Quindi caro amico, davvero, non evocare ciò che poi non si riesce a controllare. L’infestazione è ancor oggi un fenomeno poco studiato, contrariamente al Poltergeist, che ha cultori illustri.

La differenza tra i due fenomeni, come è noto, consiste nel fatto che il Poltergeist è collegato ad una persona, in genere un adolescente dell’uno o dell’altro sesso. L’infestazione invece è legata ad un luogo tramite (a volte…) una persona che come il Doktor Gemini sfida l’inconoscibile…
Non che messer satanassen c’entri sempre, anzi, quasi mai, perchè l’infestazione viene anche prodotta dalle capacità extrasensoriali di alcuni soggetti. Si tratterebbe di “impronte psichiche” (di assenti o presenti) che si ricollegherebbero alla cosidetta psicoscopia d’ambiente. Poi si dovrebbe aprire un capitolo sugli interagenti e attinenti “gusci vuoti”, tutt’altro che pacifici. Magari lo faremo in seguito.
Stiamo dunque sempre in campana caro Gemini, non facciamola suonare per niente, ancor più se si ignorano le “schermature” atte ad attutirne i suoni…
Un saluto