Chiudi

Rispondi a: Strana presenza nella mia stanza ?.

#73831
Anonimo
Inattivo

Mi sembra che l’amico Giovanni abbia messo il dito nella piaga o, meglio, sui quadri… Le parole di Giovanni sia pure in maniera succinta descrivono gli effetti del “Poltergeist”. Sarà bene, credo, riportare (almeno per chi non conoscesse l’argomento, e Giovanni mi sembra uno di questi) la definizione del termine Poltergeist, per inquadrare il fenomeno nella sua giusta dimensione. Va sempre tenuto presente che il Poltergeist è un tipo di fenomenologia “misteriosa” che si manifesta con vari aspetti: oggetti che si muovono autonomamente senza che nessuno li tocchi, che cadono a terra e che s’infrangono spostandosi spontaneamente. Sparizione e apparizione di oggetti. Lampade, fornelli, apparecchi radio e Tv che si accendono e si spengono senza che nessuno ne tocchi i comandi. Rumori d’ogni tipo (raramente anche voci) che si avvertono nell’aria, nei muri e nei mobili (i rumori, in particolare, vengono chiamati raps). Piogge di sassi ecc.

Il termine lo conoscono un pò tutti, in tedesco Potltergeist significa “spirito chiassoso”, questo perchè in passato questi fenomeni inspiegabili venivano attribuiti ad interventi di “spiriti burloni” (barunti, di bassa luce, secondo la terminologia spiritica). Questo fu dovuto al fatto che la particolare caratteristica del fenomeno è data dal fatto che esso sembra prodursi in maniera intelligente, cioè come se una mente mysteryosa lo guidasse e, pertanto fu inquadrato all’inizio tra i fenomeni medianici.

Il Poltergeist, contrariamente a quanto in un primo tempo potrebbe sembrare, non è legato all’ambiente in cui si manifesta (in altri tempi era stato considerato anche un aspetto del fenomeno d’infestazione), ma si produce quando vi è la presenza di una determinata persona, allontanata la quale, il fenomeno scompare, per riprodursi magari, nel nuovo ambiente dove la persona si è trasferita. Questo fatto ha portato ad una più profonda e meno fideistica indagine della fenomenologia ed è stato rilevato, con prove e verifiche precise, che i fatti si producono sotto stimoli psichici, perlopiù inconsci, di soggetti (in genere giovanissimi, e la nipote dell’amico Giovanni vi entra di buon diritto…) che si trovano in stato di frustrazione o sotto l’effetto di inibizioni psichiche e psicosomatiche o comunque o comunque in stato di coscienza anche leggermente alterata o in stati dell’essere instabili. Se Giovanni riesce a far mente locale, rapportando la sua nipotina a quanto detto sopra, potrebbe andare alla radice dell’arcano e del volo… dei quadri.

Colgo l’occasione per auguri sinceri a tutti di un anno sereno o, almeno il meno difficile possibile. Da parte mia, come ogni fine anno, mi sto sorbendo gli schiamazzi di figli e figli di un parente, meno male che tra un pò qualche calice di pinottino fresco spero mi faccia fuorviare, in senso alcolico… Scherzo? Mah, non so…