Chiudi

Rispondi a: Tavola Ouija da soli….

#72648
Anonimo
Inattivo
dany wrote:
Se sono stata scurrile o offensiva adoperando il termine “cazzate” chiedo scusa, non era nelle mie intenzioni.

Sui tarocchi non torno, la mia opinione l’ho già detta e, come giustamente fa notare Emiliano, non è questo il tema del topic.

@ Stefano
Che i morti possano essere chiamati/disturbati a comando per venire a giocare con bicchierini e gocce d’olio, per farci da oracoli e per rispondere alle nostre domande cretine è sintomatico di un’arroganza tutta umana. Ammesso che un “contatto” possa essere possibile, secondo me può avvenire solo spontaneamente e per ragioni profonde e spirituali.

E sempre li la questione: dove sta esattamente la divisione tra la vita e la morte? Chi ha stabilito la cosa? Lo scienziato che si basa sull’encefalogramma piatto… Quello che si basa sulla fisica …mentre la fisica quantistica sovvertirebbe tutte le regole…. Perchè si tende sempre quando si parla di vita/morte a dividere le cose in luoghi differenti, tempi differenti…. ecc… Perchè nessuno pensa che la vita e la morte sia nel medesimo luogo e nel medesimo tempo solo che quello che che cambia è semplicemnte lo STATO in cui uno si trova… Chi può garantirmi che a corpo morto la coscienza cessa di esistere??? Chi??? Perchè allora uno dovrebbe pensare di andare a disturbare un qualcuno che invece comunque già c’è….???? Infatti il tutto nasce dal fatto che in post precedenti chiedevo… ma la tavola serve veramente? Oppure come credo io uno può comunicare a prescindere…. Dalla tavola e da tutto…