Chiudi

Rispondi a: Miracoli si e miracoli no..

#71188
Anonimo
Inattivo
Gemini wrote:
KitCarson1971 wrote:
Mettendo insieme le conversazioni di questo sacerdote con le altre indagini sul caso appurammo che: a 31 anni Maddalena aveva un peso di soli 29 kg, “divorato” da 21 anni di insopportabili sofferenze. Sofferenze profuse da: 1) Morbo di Pott (tbc ossea) dall’età di 13 anni. 2) Carie e calcificazioni in alcune vertebre dorsali. 3) Spondilite. 4) Ascesso ossifluente al gran trocantere destro con relativa lesione e riduzione (in pratica mancavano circa 5 cm d’osso). 5) Pelviannessite tubercolare. 6) Peritonite fibroplastica con versamenti. 7) Angina pectoris da coronatite. 8) Mesenterite tubercolare. 9) Pleurite sierofibrinosa. 10) Grave anemia perniciosa. 11) Colecistite con vomito di bile ricorrente. 12) Adenopatite ghiandolare.

Beh, in tutta onestà, credo proprio che il sopravvivere per 21 anni ( e non per uno solo al massimo) a tutto questo “bendidio” sia il vero miracolo…e non altro.

La risposta dell’amico Gemini scricchiola e GEME… Chissà cosa mai produrrà il prossimo eclatante “miracolo” che vado ad esporre:
Ho postato a suo tempo questo post in un altro posto, col permesso della corte lo re-imposto. Si discuteva allora di “miracoli” tanto conclamati quanto storici. Sembra che la fede abbia fatto rispuntare un arto amputato… una gamba. Mi riferisco a Miguel Juan Pellicer un contadino di 23 anni, e alla sera del 29 marzo 1640 mentre dormiva nel suo domicilio di Calanda (Bassa Aragona), al quale rispuntò improvvisamente la gamba destra che gli era stata amputata nell’ottobre del 1637 all’ospedale pubblico di Saragozza. Qui vuole la tradizione che sia venuta, non apparsa (sic) la Madonna nel 40 d.C. adorata da ogni saragozzese e ancor più dal nostro Miguel che la pregava continuamente. Risultò che la gamba era la stessa che era stata asportata e poi seppellita.

Il processo per l’accertamento riunì 9 giudici, NON prelati, scelti tra persone estranee alla gestione delle due basiliche allora esistenti in Saragozza. Furono ascoltati decine di testimoni, dal primario dell’ospedale dove fu operato alle decine di persone che l’avevano visto chiedere l’elemosina davanti alla Basilica del Pilar dove si raccoglieva in preghiera, ostentando il moncone della gamba. Il “Notaio Reale” sull’onda del “miracolo” giunse in città 3 giorni dopo raccogliendo svariate testimonianze , di chi aveva visto per anni Miguel senza una gamba lavorare faticosamente appoggiandosi alle stampelle. Gli stessi che poi constatarono che lo stesso individuo aveva due gambe.

Di assoluta preminenza la constatazione che la gamba comparsa era la stessa che dopo l’amputazione era stata sotterrata entro l’ospedale stesso. Per fortunata evenienza la gamba reimpiantata portava ancora i segni di un morso di cane e della asportazione di una cisti. Il ripristino della gamba fu completo, pur permanendo un segno circolare bluastro nel luogo del reimpianto. Quando i fatti furono definitivamente accertati dal collegio giudicante, Miguel fu chiamato a Madrid, dove il Re Filippo IV di Spagna si inchinò a baciare la gamba miracolata. A tutt’oggi è ancora consultabile il registro in cui il Notaio di un paese vicino il 2 aprile, a 3 giorni di distanza dall’evento “miracoloso”, registrò dettagliatamente le testimonianze e le constatazioni che pote’raccogliere sul luogo. La relazione fa ancora parte integrante di un grosso registro che riporta tutte le pratiche notarili che furono registrate nel 1640, rendendo impossibile quindi una immissione di un documento FALSO in tempi posteriori.

Non solo, nella Basilica della Virgin del Pilar c’è ancora gelosamente custodito ed esposto al pubblico un librone che contiene gli atti processuali e la sentenza datata 27 aprile 1641. Il quadro delle “prove” sembra completo, Anche se il mio amico Garlaschelli ha provato, se non a destabilizzare il fatto, almeno a ridurlo…Sembra che non ci sia riuscito, gli ho offerto lo stesso l’aperitivo… Si potrebbe cercare di smontare il tutto con il dar credito agli eventi storici dell’epoca, dalla guerra dei 30 anni, alla peste, all’indipendenza del Portogallo, ecc. Ma ci incammineremmo in strade buie e strette, tutt’altre storie a mio avviso, con altre tendenze e scopi. Di questo presunto -ripeto-presunto miracolo rimangono i documenti con centinaia di testimonianze, le più svariate, di persone che conoscevano il miracolato ma che spesso non si conoscevano tra loro, dando sempre testimonianze univoche. Che dire? Mi appello al grande Max che con il dono del discernimento conciso non dubito che a riguardo dia serie validi indicazioni.
Un saluto