Chiudi

Rispondi a: Esperienza di meditazione profonda, Tùtakmon.

#66832
Anonimo
Inattivo

Come detto sopra, non c’è nulla che ci può permettere di capire se ciò che si vive con l’ipnosi regressiva sia verità o la pura costruzione della nostra mente. Oppure ancora, come sostengono alcuni, siano esperienza trasmesse tramite genetica (oltre ai tratti somatici), cosa che in un certo senso spiegherebbe l’istino (la mare dei merli insegna loro a volare, eppure poi sanno fare anche il nido, come?). Che sia il primo, il secondo o il terzo caso nessuno ce lo può certificare, quindi una volta che si ha in mano il risultato che fai? Credi a ciò che è più comodo? Sì è una valida soluzione se poi ti permette di vivere meglio, ma se cerchi la verità non è la strada.

Detto questo, io sarei molto curioso di fare una ipnosi regressiva, ma altrettanto restio. Non tanto per il “cosa ho visto?” che prenderei come sola una “opzione” e non credo mi cambierebbe la vita, quanto per il fatto che comunque il nostro cervello attua dei meccanismi difensivi di amnesia semplicemente parlando del nostro “recente passato”… in molti casi può aiutare a superare una paura che ci blocca, ma in altri può crearne di nuove. Vorrei ricordare molto di più del periodo asilo ed elementari e medie, anche cose banali dimenticate… ma se non sono state reputate importanti da essere ricordate per evolvere per come sono io ora, forse è meglio lasciarle dove sono