Chiudi

Rispondi a: In modo ricorrente sento un peso su di me in piena notte.

#66644
Anonimo
Inattivo

Ciao sono nuovo del forum e mi intrometto perché la questione mi tocca da vicino. Sono reduce da molti di questi episodi quindi capisco bene di cosa si parla. Sono “vittima” di questi fenomeni ormai da quando ho memoria, ma uno in particolare ha segnato il mio animo e che credo sia quello che oggi ha determinato il mio carattere e ha fatto si che fossi molto prevenuto verso il mondo del paranormale senza mai abbassare la guardia anche solo per un istante. Forse la mia non è la condizione ideale per vivere queste cose e la vita in generale, ma essendo io un tipo molto sensibile, e con le antenne puntate in modo innato verso altre frequenze, col tempo e con le esperienze dirette insorge un meccanismo di difesa spirituale e di rispetto verso queste cose ignote. Parlo del lontano 1987 che mi vede adolescente molto spigliato e con i piedi ben piantati per terra per la mia età, vivevo in un altro paese limitrofo a quello attuale, in una casa vecchia proprietà di una mia zia, ma eravamo li in modo provvisorio in attesa di spostarci nella mia attuale città. Ricordo che la casa era molto piccola e quindi per questioni di spazio io e mio fratello dormivamo in un letto a castello dove io occupavo il posto di sopra. Una mattina, credo verso l’ alba, fui destato in modo improvviso dal mio beato sonno…..non so cosa di preciso fu a svegliarmi, ancora oggi comunque quando mi accade non riesco a capire quale sia il meccanismo che di punto in bianco interrompe in modo brusco il sonno, insomma è una cosa che io oggi definisco come un allarme ultrasensoriale….in ogni modo fui svegliato di soprassalto ritrovandomi nella mia posizione abituale cioè di fianco sul lato sx, in quel caso davo le spalle al muro e la testa rivolta verso il vuoto del letto, ero in piena paralisi, potevo muovere solo gli occhi, cercai di urlare ma mi resi conto subito che era del tutto inutile, che la condizione in cui versavo non me lo avrebbe permesso nonostante le mia urla di terrore risuonavano forti e chiare nella mia mente…..abbassando lo sguardo sotto nella direzione dove dormiva mio fratello vidi comparire una ben distinta figura di un misto tra animale quadrupede e demone, cioè quella che spesso viene usata nelle immagini per raffigurare il maligno, ed il massimo terrore e impotenza lo avvertii quando questa creatura, alta non più di un metro, cercò più volte saltellando di ghermirmi con gli artigli. A quel punto lottai con tutte le mie forze per liberarmi da quello stato di torpore e con immane sforzo ci riuscì, nel contempo la figura svanì nel nulla.Ricordo bene, non appena riacquisito tutti i sensi, di essere letteralmente volato dal letto atterrando alcuni metri più avanti e corsi subito dai miei genitori che non potettero far altro che constatare il mio avanzato stato di terrore e di consolarmi dicendomi di aver fatto un brutttissimo sogno. Inutile dire che sono rimasto molto scioccato da questa esperienza, ma so anche che di sogno non si trattò, come non si tratta di questo anche quando tutt’oggi mi riaccade. Ora il fenomeno è più sporadico ma non meno terrificante come sempre, anche se un po mi ci sono abituato ogni volta è una brutta esperienza…..oggi ho più consapevolezza della cosa, al punto che spesso vengo svegliato addirittura una manciata di secondi prima che accada, e ogni volta lo percepisco come un braccio di ferro tra la mia volontà e quella dell’ entità (o chi sa cosa) che vuole, in un certo senso, averla vinta su di me. Ogni qualvolta si manifesta questa cosa ho la precisa sensazione, che poi è anche una costante, che l’ ambiente venga modificato, ossia percepisco come se in quel frangente che caratterizza la “lotta” il tempo si fermasse, come se il contesto si divincolasse dalle leggi fisiche e dello spazio tempo. Queste sono solo alcune delle mie esperienze e mi piacerebbe avere riscontri, e confronti, con chi come me ha una spiccata sensibilità verso queste cose e il paranormale.