Chiudi

Rispondi a: cosa pensate che succede dopo la morte?.

#65829
Anonimo
Inattivo

@rebon

Per il Buddismo la morte è una trasformazione di energia. Il buddismo ci insegna che con la morte la vita non scompare ma si trasforma in qualcosa di più profondo e consapevole. Dopo la morte per i buddisti quindi l’uomo continua ad esistere fino a quando non si manifesteranno di nuovo le condizioni per una nuova reincarnazione nel mondo della materia.

Questo succede a tutti gli esseri viventi, a miliardi di persone, di animali, di organismi unicellulari che esistono sono esistiti e esisteranno su questo pianeta e sulle miliardi di galassie dei miliardi di universi.
Il divenire è una realtà in cui nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma come ci insegna la chimica.

Dopo la morte il buddhismo crede in una reincarnazione ciclica nelle diverse specie di esistenza secondo la propria legge personale del “Karma”, parola traducibile con “obbligo” o “compito”, ma che in realtà rappresenta l’essenza prima di causa/effetto di ogni anima. L’obbiettivo esistenziale è azzerare il Karma, se non ci si riesce in questa vita ci si rincarna seguendo le leggi del livello di Karma più appropriate a quel tipo di anima. Anche per il buddhismo esiste un inferno ed un paradiso (molti inferni e molti piani paradisiaci). Se l’uomo è stato particolarmente cattivo, dopo la morte fisica, l’attendono pene infernali di lunga o media durata, mentre le buone azioni in vita sono premiate con la dimora in un mondo divino. Tuttavia il piacevole soggiorno nei piani divini non è per l’eternità, la liberazione finale dalle sofferenze e dalle passioni è garantita solo dal raggiungimento della completa illuminazione chiamata Nirvana.

Per il Buddhismo la vita di ogni essere vivente quindi è eterna, perché eterna è l’anima che fa vivere tutti i corpi fisici legati alla materia. La stessa anima inoltre fa parte dell’intero universo che esiste eternamente e come tale anche essa ha le stesse caratteristiche esistenziali. Sulla base di questa ragione nascita e morte sono in realtà momenti del processo di rinnovamento universale che fanno parte di un ciclo naturale ininterrotto.

Ovviamente il Buddhismo non è una Religione ne un Credo ma una Filosofia.
Ovviamente c’è chi è d’accordo e chi non è d’accordo;non siamo tutti Evoluti Interiormente allo stesso modo…
La tollerranza però contempla anche il rispetto delle idee contrarie.

L’importante è riflettere,il credere è solo fanatismo.