Chiudi

Rispondi a: Catalizzatore medianico o porta medianica, la mia esperienza..

#63162
Anonimo
Inattivo

Cercherò di rispondere in maniera ordinata e sintetica alle varie argomentazioni:

[ol]
[li]Militari / corpi di polizia nazionali che si sono avvalsi di medium/sensitivi: partendo dall’idea che i militari tenterebbero di sfruttare qualunque cosa che permetta loro di avere un vantaggio sul nemico, dalla tecnologia alla pseudoscienza, il fatto che ci abbiano provato non significa che ne abbiano tratto realmente dei vantaggi. Intanto non sappiamo molto su quei presunti esperimenti, ma se anche li avessero condotti, è possibilissimo che siano stati dei tentativi che non abbiano portato a nulla. E la tecnologia, satelliti spia, intelligence, ecc, rimangono al giorno d’oggi gli strumenti più utili, altrimenti non esisterebbero nemmeno se fosse più facile interpellare un sensitivo e risparmiare milioni di dollari sul lancio di un satellite in orbita terrestre.[/li]
[li]Presidenti che hanno consultato medium. Anni fa si vociferava che Clinton avesse Rosemary Altea al proprio servizio come medium personale. Premesso che ho visto Altea in “azione” in TV e mi sono fatto l’opinione che sia una grandissima bugiarda e furbacchiona, con l’unica dote di aver imparato dei giochetti da “mentalista” per fare dire alle persone stesse delle cose che lei finge di indovinare, ed il resto è puro teatro, tornando a Clinton: se anche fosse vero (non confermato) che abbia consultato Altea o altri medium, Clinton come persona, e forse anche come Presidente, era libero di fare praticamente tutto. Chi gli avrebbe impedito di rivolgersi ad una medium? Se anche avesse voluto cercare consulti per la sua attività di Presidente, qualcuno l’avrebbe mai fermato?
Inoltre, se Rosemary Altea l’avesso preso allegramente per i fondelli, che cosa cambierebbe? Nulla, noi avremmo comunque una voce sul fatto che il Presidente si sia avvalso di una medium. Anzi, la notizia accrescerebbe la percezione di prestigio della “medium”. [/li]
[li]Che esistano delle logge massoniche in grado di allungare il proprio braccio su tutto, compresa l’urbanistica, e magari facendo creare, chessò io, dei parchi cittadini a forma di pentagono o altre assurdità simboliche, che significato ha questo? Per me ha il solo significato che quel gruppo detiene un certo potere, come lo detiene anche un’associazione mafiosa. Non significa mica che la loro simbologia, e la diffusione di tale simbologia, abbia a che fare con poteri sovrannaturali in grado di agire sul piano fisico. Se un potere c’è, si tratta di potere politico, economico, giudiziario, ecc., non di potere paranormale. [/li]
[li]Sono assolutamente certo che l’informazione ufficiale non ci racconti tutte le cose come stanno, ma questo non ha nulla a che fare con il paranormale.[/li]
[li] Se una persona fosse in grado di dimostrare facoltà paranormali, non avrebbe bisogno di un articolo su “Science”, per vedere riconosciute le proprie facoltà. Potrebbe incominciare dal basso, anche da molto basso, come facendo notizia di sé, attirando l’attenzione di giornalisti, facendo comparse in trasmissioni da salotto, lanciando delle sfide al CICAP e richiedendo d’essere sottoposto a prove rigorose. Alla fine qualcuno dovrebbe necessariamente ammettere che non ci sono spiegazioni per il fenomeno, ed ammettere la possibilità della spiegazione paranormale.[/li]
[li]Avete fatto caso che quando si cercano prove del paranormale, si vanno sempre a pescare personaggi ormai non più esaminabili, spesso nemmeno più in vita, come Gustavo Rol, Padre Pio, o personaggi non più in attività e che rifiutano o hanno rifiutato anche in passato di sottoporsi a controlli, come Marcello Bacci?[/li]

L’impressione che scaturisce da tutto ciò è che il paranormale è come un bel sogno (o brutto sogno) che si dilegua quando si aprono bene gli occhi.
[/ol]