Chiudi

Rispondi a: Anime in pena a Vercelli.

#61749
Anonimo
Inattivo

Come promesso porto novità da Vercelli. Novità che però temo infittiscano ancora di più il mistero anziché risolverlo.

Riepiloghiamo un attimo prima:
– abbiamo la storia di Danilo Arena che parla di una villa in cui è stato ma del quale non sa dare riferimenti se non che è “nei pressi della stazione”, villa della quale ha intervistato i proprietari che han raccontato storie di decessi, suicidi e quant’altro. Villa denominata Destefanis.
– a riguardo di “villa Destefanis” in internet non si trova nulla se non riferimenti all’articolo di Danilo o palesi copie di esso da parte di altri con modifiche per “rendere propria la storia”.
– Secondo il nostro utente angel esisterebbe una cantina “presso il centro di Vercelli” dove si dice accadono cose anomale, ma che non può essere certo la villa; ed un riferimento alla possibile villatrovato nel racconto di un ragazzo della zona in un casolare in periferia. Dunque comunque si tratta di una cosa diversa da quanto sostenuto da Danilo, ma di villa Destefanis può esisterne solo una, se esiste.

Ho chiesto a un mio contatto che abita proprio a Vercelli città se conosce qualcosa a riguardo di questa villa. Nonostante ci vive da sempre (e non ha 18 anni), non ha mai sentito parlare di questa villa. Si è comunque mosso per chiedere in giro e ha ricevuto prima due indicazioni scorrette (due vie nei pressi della stazione nelle quali però non risultano alcuna villa o abitazione dal passato interessante), poi invece ha ricevuto una terza indicazione che l’ha portato ad una palazzina nei pressi della stazione, ma non una villa (e non è a forma di C), ma del quale c’è davvero un passato da cronaca nera. I riferimenti all’omicidio accaduto in un appartamento di quella palazzina lo si può trovare in questi due articoli risalenti al 1954 e 1955
http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/mod,libera/action,viewer/Itemid,3/page,6/articleid,0054_01_1954_0209_0006_14439465/
http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/mod,libera/action,viewer/Itemid,3/page,6/articleid,0057_01_1955_0277_0006_14239687/
Parliamo quindi di un’altra storia diversa da ciò che è quella iniziale di Danilo: non si parla di colpi di pistola, di suicidi, ma di un omicidio tramite arma da taglio. Questo fatto di cronaca può essere l’origine della leggenda di “villa Destefanis” (leggenda raccolta poi da Danilo senza in realtà viverla in prima persona come scritto) oppure si sta parlando di due fatti distinti?

Quanto trovato non ferma la raccolta informazioni su questo “caso”. Il mio contatto si sta ancora muovendo, forse riesce a darmi di più. E ora che abbiamo una possibile ubicazione precisa (scritta negli articoli), ho un’altra carta da giocare.

Seguiranno novità.