Chiudi

Rispondi a: Fantasma in casa….

#61617
Anonimo
Inattivo

La mia non era una diagnosi anche perché nessuno qui dentro sarebbe in grado di fare alcuna diagnosi in ambito paranormale. E non solo qui dentro, ma restiamo nei nostri territori. La mia è una possibile spiegazione in ambito razionale, se rileggi le mie parole non ho mai usato “è” nell’esplicare le mie tesi quanto “può essere” (al contrario di qualcun altro). Mi fa felice che Ally legge correttamente l’italiano e ha capito bene le mie parole: di fatti non sembra proprio che le abbia trovate offensive nemmeno tra le righe, il che mi aggrada perché per una discussione intelligente è basilare saper ascoltare ed accettare tutte le ipotesi, anche quelle che “meno fiche”.

Detto questo e tornando ad Ally, a prescindere dalle POSSIBILI spiegazioni razionali, puoi certamente provare a venirne a capo. Prima di affidarti a qualcuno che è una cosa molto delicata perché sarebbe difficile identificare approfittatori da persone in buona fede, e a loro volta persone che in buona fede ti portano fuori dal tracciato da quelle che in buona fede possono davvero essere le persone giuste, potresti provare ad “allenarti” nel ricordo dei sogni e cercare indizi verificabili. Spesso i sogni svaniscono pochi istanti dopo svegli, potresti tenere sul comodino a portato di mano foglio e penna così che appena ti svegli scrivi immediatamente ciò che hai sognato: ripercorrerlo all’istante aiuta il ricordo (seppur sempre effimero). Non è escluso che coricarsi con un’adeguata “preparazione” psicologica aiuti anche, per quanto possibile, a gestire il proprio sogno durante la notte ed ad aver maggior controllo. Dopodiché ricerca, prova a verificare se tra i dati che estrapoli dai sogni riesci a trovare qualcosa di concreto (e non solo affine).

Solo se davvero non c’è modo di cavare un ragno dal buco potresti pensare di rivolgerti a qualcuno, ma come dico sempre si possono percorrere tutte le strade della scoperta del paranormale SE non ci si scorda mai anche l’ipotesi razionale. Non lasciare mai quell’ancora, o potresti percorrere una strada rischiosa per te stessa.