Chiudi

Rispondi a: Azzurro.

#58849
Anonimo
Inattivo

Si Dem, mi stai capendo. Guardare le mie robe richiede lo stesso grado di attenzione, sopratutto se non ci sono io ad introdurre alla visione,
Le variabili sono tante. Ci sono persone che nei tuoi stereogrammi non vedono un tubo, altri che giraffe e cagnolini li fanno emergere in pochi secondi.
E’ probabile che tu viva in un territorio molto urbanizzato, allora il cielo è sempre luminoso, o neanche ci pensi a guardarlo. Qui da me magari devi percorrere ettari ed ettari per incontrare qualcosa di elettrico, il cielo si mantiene più..naturale allo sguardo. In quel momento guardavo semplicemente se sarebbe stata una giornata di sole, come facevano mio padre, mio nonno e tutti i miei antenati. O come fa chiunque sia legato alla campagna, o alla navigazione.
Ad ogni modo mi hai dato conferma di una cosa. Riconosci la pluridimensionalità delle foto, ne cogli la profondità, quindi le entità più vicine e quelle più distanti.
Anche io ricado costantemente nel dubbio, e mi dico che è solo colpa della mia immaginazione. Ma ecco che subito si ripresentano, magari mentre guardo una foto..di alessia marcuzzi..o di paperino. Quasi volessero rimettermi in carreggiata.
** Nyma, se in una foto vedi cinque facce, e se queste cinque facce sono condivisibili..è stato il caso a creare cinque facce? Ma questo Caso di cognome fa Spielberg? : cop :