Chiudi

Rispondi a: la cattiveria è umana?.

#58079
Anonimo
Inattivo

Penso che la cattiveria nasca dall’impossibilità di vivere pienamente se stessi, imbambolati da dinamiche sociali e da egoismi indotti. La sessualità è la fucina di tutto questo.
Nel nostro argomento parliamo obbligatoriamente di stati di coscienza, da vivi e da defunti. Ma l’uomo cosciente del suo male, è ancora colpevole?
E che succederebbe col nostro lavoro, se tutti avessero ancora l’arbitrio di comportarsi in modo giusto o sbagliato?