Chiudi

Rispondi a: Sull’esorcismo.

#54851
Anonimo
Inattivo

@ cratos,
cerchiamo di trovare la morale in questo insegnamento: Il prete, l’esorcista (o presunto tale), dice di allontanare il demonio.

Quando ci prova con questa ragazza, non ci riesce (e chissà quanti fallimenti di cui non ne parlano!!!), e perché non ci riesce?

Semplicemente perché lui sta “scacciando?!?” il demonio, che è una invenzione della chiesa per sottomettere i fedeli terrorizzandoli (dalle mie parti si chiama terrorismo!). Ma siccome il demonio, essendo una invenzione, non esiste, ecco spiegato il motivo di tale fallimento (e di chissà quanti altri, altro che 50.000 esorcismi!)

In realtà, chi possedeva la ragazza (così come per gli altri posseduti) era un’entità in vena di rivalsa per la sua trista esistenza, ma i motivi delle possessioni possono essere infiniti, e sono bastate poche parole piene d’amore per convincerla a lasciare in pace la poveretta.

Tutti quei paroloni, quelle invettive, quelle minacce… li fanno solo ridere; eppure, non dovrebbe essere proprio la chiesa ad insegnarci a pregare?

In una casa dove si prega, con il cuore, dove si prega per porgere aiuto alle entità sofferenti, molto difficilmente accadono di queste cose.

Non immaginate neppure, quante, di queste povere entità , intervengono nelle nostre riunioni; il più delle volte all’inizio, provavano a fare dispetti, a vaticinare, a provare a spaventare i presenti; il tutto per la loro assoluta mancanza di umiltà, per l’incapacità di chiedere aiuto… è stato sufficiente inquadrare quale fosse il reale problema, e tutto questo non è mai più successo.

Ora vengono a chiedere preghiere, per loro e per le altre entità nelle loro stesse condizioni, e vi assicuro, non esiste gioia più grande del riuscire ad accompagnarle alla Luce.
:) :) :)