Chiudi

Rispondi a: Cosa mi succede?.

#49754
Anonimo
Inattivo

Ciao Sara! E ciao a tutti voi! Sono entrato oggi in questo forum, e come prima cosa, sono andato subito a vedere le conversazioni su argomenti che conosco bene! Così posso imparare qualcosa o insegnare in base alla mia esperienza!

Ci tengo subito a dire che mi è piaciuta molto la risposta di Hackboy… Molto logica e razionale! è proprio questo che manca in questo mondo… Un approccio scientifico, concreto e all’occorrenza scettico! Sono d’accordo con lui per il fatto di fare attenzione alla suggestione, e che esistono molte coincidenze accadute per caso! Oppure la semplice mente inconscia che analizza delle cose basandosi su elementi logici, senza che noi ce ne accorgiamo!

Tuttavia ha scritto molto bene anche il fatto che dopo due tre casi, bisogna andare a studiare il fatto in maniera più profonda! Allora comincio a scrivere per cercare di darti una spiegazione esauriente che risponda alle tue domande…
Questa risposta è l’opzione alternativa alla spiegazione di Hackboy, ovvero dove le cose che accadono troppo frequentemente, non possono essere più considerate coincidenze:

Comincio con una premessa necessaria, poi arrivo al punto:

Prima di tutto, il fatto che ti accada ogni giorno, è veramente stupefacente! Anche coloro che hanno sul serio queste sensazioni, è difficile che le manifestino così frequentemente! Allora…
La nostra mente è potente… Si dice che noi utilizziamo solo un 10 o un 20% delle nostre capacità totali, tuttavia bisogna accettare il fatto che il cervello umano è un pezzo di carne, soggetto alle leggi di gravità, e del tempo, e che una volta morti, marcisce e scompare… Scusa la frase schietta, ma è così! Quindi oltre un certo limite, non può andare! E allora come spiegheremmo certe cose strane che accadono come la tua? Semplice… C’è qualcos’altro dentro di noi!

Da sempre, tutte le popolazioni, antiche e moderne del mondo, hanno delle credenze religiose che vanno oltre il confine della vita… Ogni uno ha il suo Dio diverso, ogni uno l’aldilà che più immagina, ma tutti abbiamo una credenza in comune… L’ ANIMA

Anima o Spirito, è l’essenza che ci rappresenta davvero… E questa, anche se tutti i popoli la interpretano in maniera differente, è una verità che non possiamo non accettare! Lo spirito è quella parte di noi che sopravvive dopo la morte del nostro corpo e della nostra mente, ed è quella parte che non è soggetta ne al tempo, ne allo spazio… E con questa frase, potrei dire di averti già risposto, ma voglio essere più dettagliato.. Oggi giorno nessuno lo è, per questo che il paranormale non è considerato una scienza!

L’anima risiede dentro la nostra mente fin dalla nascita (o forse anche prima di uscire dal grembo materno, questo sinceramente non lo so :P ) fino alla nostra morte. è come un pilota di un’automobile: entra dentro la macchina per poterla controllare… però allo stesso tempo ne è prigioniero! Si identifica talmente tanto con la nostra mente, che crede di essere il cervello stesso! Quindi si confonde con la nostra natura fisica e psichica. Ma chi diviene consapevole di questa realtà, e vuole comprendere quale sia la sua vera essenza, cerca (tramite la meditazione o metodi simili) di liberare lo spirito da questa prigione, e quindi di poter percepire la propria vera natura…

In pratica quando viviamo, noi siamo per metà esseri umani (nel nostro caso) e per metà delle anime che hanno deciso (i motivi potrebbero essere molti, ma per ora, non mi ci soffermo) di avere una permanenza qui nel piano terreno sfruttando l’essere vivente come mezzo di “locomozione”.

Tornando al discorso di prima… Quando una persona medita, è come se dentro di se aprisse un varco, una voragine… Nella filosofia indiana si chiama “terzo occhio”, che gli permette di accedere a tutte le sensazioni e i poteri dell spirito… In base a quanto questo varco sia aperto, le percezioni possono essere più o meno frequenti!

Il varco non è sempre chiuso nelle persone che non scelgono di meditare… Ci sono persone che nascono con questa voragine più o meno aperta, a seconda della loro mente (senza che loro lo vogliano o facciano qualcosa per farlo accadere)… O persone che in un dato momento della propria vita, passano un avvenimento particolare che fa aprire involontariamente questo “occhio” simbolico…

Ora vengo al dunque…

Tu probabilmente ora hai questo varco molto aperto rispetto alla media delle persone, e la tua mente accede spontaneamente alle percezioni dello spirito! L’anima può vedere oltre la linea normale del tempo e dello spazio … E PERCIO’ RIESCI A PREVEDERE QUELLO CHE SUCCEDERA’

A questo punto, ti propongo di provare a fare anche degli esercizi di chiaroveggenza nel momento presente… Ad esempio, prendere un mazzo di carte, e indovinare la carta girata, oppure provare a percepire (sempre concentrandoti e staccandoti con la tua essenza dal tuo corpo) un luogo lontano da te, e capire cosa sta succedendo senza essere presente li fisicamente! Per fare queste cose, non c’è bisogno di una meditazione profonda con una trance elevata, basta una piccola parte di te che si stacchi dal tuo corpo e vada a “perlustrare” l’ambiente intorno a te… Devi solamente concentrarti sulla sue essenza, e una volta che ti sei identificata in lei, ti espandi su tutto l’ambiente circostante, e ti concentri su quello che senti…

All’inizio non ci riuscirai, ma la percezione di questo genere si basa principalmente su 3 fattori:
1) mente vuota da pensieri
2)interesse profondo della tua anima all’esperimento che stai per compiere (ti deve andare veramente di farlo, e ti devi convincere di saperlo fare)
3) comprensione della tua mente dei segnali che il tuo spirito gli trasferisce (a questo dovresti essere molto capace, dato che riesci bene a interpretare le sensazioni riguardo il futuro)

Io sono una persona come te che ha avuto esperienze simili alle tue (non così frequenti, ma abbastanza per non essere catalogate coincidenze), solamente che io non ci sono nato… Ho cercato di svilupparle tramite la meditazione e il sapere che ho appreso dalle arti marziali… Solo che per persone come me, rimanere in quello stato è difficile… Occorre una meditazione frequente!

Man mano che lo facevo in passato, mi sentivo scombussolato, perchè mi sembrava di allontanarmi dalla natura umana… quindi smettevo, e il “varco” mi si richiudeva… Ma tu hai una bella fortuna… Ce l’hai permanentemente aperto senza che tu faccia alcun sforzo! Sfruttala questa cosa… Fai anche quegli esperimenti che ti ho consigliato, e poi fammi sapere come è andata ;) Sono curioso! Ciao a presto, e scusate del luuungo poema :)