Chiudi

Rispondi a: A chi piacciono i videogames horror?.

#47337
Anonimo
Inattivo

ViperVenom27 ha scritto:

Quote:
ciao…non avete nominato il gioco horror dell’anno 2011 xd…Dead space 2 ! è stile Resident evil 4-5….terza persona… e alterna fasi horror con action, ma è decisamente piu horror e c’è un atmosfera MOLTO MA MOLTO piu dark e spaventosa che in RE4-5…non per niente eletto gioco horror dell’anno….e anche Dead space 1 è stato un gioco horror degno di nota, secondo me il difetto dei vari Silent hill e RE è che hanno voluto ampliarsi ad un pubblico che piace l’action abbinato al survival horror ma la cosa sbagliata degli horror è appunto immeggerli nell’action. Un horror è privo di action, c’è solo da cagarsi addosso e al massimo tieni una pistola a 10 colpi , come i primi Silent hill, e Alone in the dark per ps1…quelli si che fanno paura, adesso con tutte le armi che mettono nei giochi che paura devi avere che tanto sei “protetto”. Si è persa la vera tradizione di gioco horror.

Concordo pienamente con la tua teoria dei giochi horror/action. Resident evil 5 per esempio, è irriconoscibile rispetto ai primi capitoli. Il mio primo gioco per consolle è stato proprio Resident evil 1, e mi ricordo che avevi le munizioni molto limitate, e se le finivi ti dovevi aprire la strada a colpi di coltello o in molti casi, dandotela a gambe!! Dovevi girare per tutta la casa x scoprire le ubicazioni dei vari segreti e chiavi per aprire porte ed altre serrature, e ogni volta che dovevi aprire una porta pensavi “speriamo bene!!”. La saga è andata avanti fino al 3 capitolo includendo anche Resident Evil Code Veronica X, per poi trasformarsi nel 4 capitolo, in quel genere di action-horror di cui parlavamo prima. Anche se a dire la verità, il 4 capitolo è veramente bello, si “sente” ancora la paura in certi casi ed è molto ampio e fluido. La stessa cosa non è MAI successa alla saga di Silent Hill. Sin dal primo capitolo, all’ultimo che uscirà a breve, è sempre rimasto SURVIVAL HORROR PURO. Poche munizioni, tante armi bianche, uno scenario avvolto da una agghiacciante storia, nonchè da una fitta “nebbia” che a malapena riesci a correre perchè non vedi a un metro. L’originalissima torcia elettrica che permette di vedere al buio e la radio che emette strane frequenze quando si è in prossimità di creature, rendono questo gioco a mio parere, il gioco più pauroso di sempre. Tanti miei amici non riescono a giocarci perchè dicono sia troppo “malato” come gioco, e li capisco. X farla breve non è la solita passeggiatina serale XD.