Chiudi

Rispondi a: Rilevatore onde elettromagnetiche.

#42904
Anonimo
Inattivo

@Caligin: non freintendere, non me la prendo con te.

Il mio era uno sfogo generalizzato, atto a provocare una specie di presa di coscienza sullo stato dell’arte della ricerca nel campo del paranormale. Diamo un taglio alle banalizzazioni e cerchiamo di filtrare tutte le boiate che vengono diffuse e propinate; cerchiamo di usare, ognuno in proprio, le nostre capacità e le nostre conoscenze per analizzare un determinato evento e cercare di capire di cosa si sta parlando. Allo stesso modo, utiliziamo le stesse conoscenze per mettere in discussione le tesi fornite da pseudo-guru dell’esoterico e da mercanti dell’occulto a buon mercato.

La maggior parte dei forum italiani a tema, sono vere, passatemi l’espressione, forge di cazzate, in cui tutto (e ribadisco tutto), verte sull’apparizione della nonna in sogno (che poi dico, sempre la nonna? Altri parenti non c’è ne sono???) o sul 2012 (che ormai se la gioca in un testa a testa con il 2036 di John Titor).

Basta.

Trattiamo queste informazioni con il dovuto scetticismo; chissà che non ne venga fuori qualcosa di buono……. magari poco, ma buono…


@Enzo
: allora, a conti fatti se ne sa poco. Secondo me, questa smania di attrezzarsi di un misuratore emf deriva dalla strumentazione dei Ghostbusters (e non è una battuta…).
Può servire?
Si, secondo me si
Come può servire?
Beh, i campi elettromagnetici sono una costante della nostra vita. Sono presenti dovunque, nelle nostre case e in natura. Potrebbe essere utile, durante un rilevamento, registrare le variazioni dell’intensità (eventualmente la frequenza) del campo e a posteriori cercare di capire se queste variazioni sono dovute a un qualcosa di “normale” o meno.
Una variazione indicherà per forza qualcosa di strano? Può essere comunque significativa?
No, direi proprio di no. Ripeto, l’elettromagnetismo è normalmente presente in natura e i motivi che possono portare a una variazione possono essere tanti.