IL FORUM

DISCUTIAMO DI PARANORMALE DAL 2001

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 3 Giorni fa #1

  • SyNafey
  • Avatar di SyNafey
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 36
  • Ringraziamenti ricevuti 5
  • Karma: 0
Ciao a tutti!
Spero sia la sezione giusta per l'argomento del tread, in caso contrario chiedo scusa e provvedero' a cancellarlo e ripubblicarlo nella giusta sede :)

Vorrei chiedere la vostra opione su una paio di fatti "curiosi" che sono soliti accadermi fin da quando ho memoria e non sono mai stata in grado di spiegarmi:

1) Ogni qual volta parlo con qualcuno (talvolta anche solo leggere tali argomenti) di paranormale, inizio a lacrimare a tremare in modo del tutto involontario. Non ho sensazioni negative, tranne l'imbarazzo ovviamente, ma per qualche strana ragione iniziano a fuorisciure lacrime in modo copioso ed ho un leggero tremito, come se stessi tremando dal freddo.

2) La seconda forse e' un po' OT, ma ci provo ugualmente: molto spesso, quando chiudo gli occhi oppure quando c'e' completamente buoio, muovendo il bulbo oculare, per una frazione di secondo appare un immagine nella mia mente: due enormi occhi gialli che ho sempre identificato di gatto, ma che potrebbero essere anche di un gufo o uccello notturno. Non so bene spiegarmi, ma e' come se quell'immagine fosse proiettata direttamente nella mia retina. Mi accade da quando sono bambina ed era veramente frequente fino all'adolescenza. Man mano la frequenza e' andata diradandosi ed adesso capita di rado. Non credo sia un immagine che abbia vito da piccola dal "vivo", non ho mai avuto animali da bambina. Ho pensato che magari potessi averla vista in televiose o stampata, ma comunque non mi spiego perche' sia rimasta impressa in modo cosi' incisivo nella mia mente. Sopratutto, la sua apparizione non e' legata ad eventi scatenanti o ricorenti, ne' legata ad emozioni o sensazioni. Da bambina per me era una cosa del tutto normale, come respirare, per capirci.

Spero di non avervi tediato, che l'argomento non sia OT o mal collocato e attendo con curiosita' i vostri feedback!
I must not fear. Fear is the mind-killer. Fear is the little-death that brings total obliteration. I will face my fear.
I will permit it to pass over me and through me. And when it has gone past I will turn the inner eye to see its path.
Where the fear has gone there will be nothing. Only I will remain.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 3 Giorni fa #2

  • Anathema
  • Avatar di Anathema
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 539
  • Ringraziamenti ricevuti 129
  • Karma: 4
Cara SyNafey ovviamente qui diagnosi per via telematica non si fanno... Ma così, ad occhio, visto quello che descrivi, penso si tratti solo di una tua grande emotività... Ed è una cosa assolutamente normale.
Un discorso simile vale anche per gli occhi che vedi, che potrebbero essere semplicemente frutto di autosuggestione... Al netto ovviamente del fatto che i tuoi di occhi stiano bene (e questo te lo può dire solo un oculista).
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Il tuo post piace a : ParanormalStudio Emiliano

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 2 Giorni fa #3

  • Gemini
  • Avatar di Gemini
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1130
  • Ringraziamenti ricevuti 178
  • Karma: 3
Ciao SiNafey, concordo pienamente con Anathema, le tue sono reazioni dovute ad una emotività che non riesci a controllare ovviamente... probabilmente sei anche una persona molto empatica il che non è un male ma una virtù. Per quanto riguarda le immagini che vedi ad occhi chiusi le spiegazioni potrebbero essere molteplici, e spaziano dalla semplice fantasia, il che riconduce ad eventi infantili magari rimossi, a quella dei fosfeni*, per poi finire in disturbi ( e spero di no) veri e propri dei bulbi oculari.
πνεύματος
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 2 Giorni fa #4

  • valle
  • Avatar di valle
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1734
  • Ringraziamenti ricevuti 485
  • Karma: 30
Ciao SyNafey,

la prima reazione di fronte al soprannaturale, o al racconto del soprannaturale/paranormale è abbastanza diffusa. Anch'io, da ragazzino, avevo una sorta di brivido e pelle d'oca di fronte a certi racconti e anche una leggera lacrimazione, che non era nè paura né vera e propria commozione. Ma tra le due era più vicina alla sensazione di commozione.
Ho anche un'amico che versa lacrime quando si raccontano storie di questo genere.
Credo che abbia a che fare con una naturale reazione di fronte a tutto ciò che ci mette in contatto con il lato spirituale di noi stessi.
Con il tempo è passato, adesso non mi succede più (quarant'anni superati) però provo ancora il fascino di certi argomenti.

Sulla questione della visione dei due occhi gialli, davvero non saprei... C'è chi vede dei visi, quando chiude gli occhi, ma sono immagini in movimento, non "impresse" nella retina come descrivi tu.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 2 Giorni fa #5

  • the_believer
  • Avatar di the_believer
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 534
  • Ringraziamenti ricevuti 120
  • Karma: 3
Il primo caso mi capita a volte nel discorrere di persone famose la cui vita mi ha in qualche modo segnato o impressionato, magari anche per le circostanze drammatiche. Anche discorrendo di eventi particolarmente tragici o drammatici mi può capitare la stessa reazione... penso pertanto che una forte sensibilità da parte mia e un certo coinvolgimento emotivo, anche se "a distanza", siano la causa.
"La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza". George Orwell, 1984
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 1 Giorno fa #6

  • SyNafey
  • Avatar di SyNafey
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 36
  • Ringraziamenti ricevuti 5
  • Karma: 0
Grazie a tutti, per le risposte!
Cerco ti rispondere in modo generico un po' a tutti:
Per quanto riguarda il caso della lacrimazione, non e' accompagnata a nessuna emozione, quindi non e' da imputarsi ad una commozione o risposta emoiva; e' piu' come una sorta di riflesso pavloviano, per interderci, ed e' alquanto seccante a dire il vero. Ero curiosa di capire se fossi l'unica o altri avessero reazioni simili e a quanto pare non sono la sola :)

sull'argomento visioni, invece, chiarisco subito di non aver problemi agli occhi. L'ipotesi piu' plausibile, per me e come ha suggerito qualcuno, resta quella di un ricordo impresso nell'inconscio. La cosa mi che lascia perplessa pero' e' il fatto che si tratta indubbiamente di ricordo profondamente impresso da riproporsi cosi frequentemente per tutto il corso della mia vita, ma che non sia legato a nessun trauma o emozione e non ci sia nessun elemento che ne inneschi la comparsa.

Ovviamente non ho condiviso con voi questi episodi sperando di ricevere "diagnosi" o le risposte definitive, ma credo che ricevere pareri da diversi punti di vista sia un ottimo spunto di riflessione per meglio capire se stessi ed indagare nel proprio io.

Ringrazio ancora per I feedback ricevuti, ci meditero' su!
I must not fear. Fear is the mind-killer. Fear is the little-death that brings total obliteration. I will face my fear.
I will permit it to pass over me and through me. And when it has gone past I will turn the inner eye to see its path.
Where the fear has gone there will be nothing. Only I will remain.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 14 Ore fa #7

  • the_believer
  • Avatar di the_believer
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 534
  • Ringraziamenti ricevuti 120
  • Karma: 3
Nel mio caso sono cosciente però del fatto che gli argomenti che mi causano queste reazioni sono argomenti che conosco da tempo e che mi hanno "toccato" profondamente. Nel tuo invece, se come sembra non ti interessi di paranormale, e se da un punto di vista intellettuale l'argomento ti lascia totalmente indifferente, la questione potrebbe anche essere diversa... potrebbe essere una sorta di reazione allergica dovuta alla noia o al fastidio, o qualcosa di simile, quindi non coinvolgimento emotivo ma desiderio di cambiare argomento appena possibile.
"La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza". George Orwell, 1984
Ultima modifica: 4 Mesi 14 Ore fa da the_believer.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 1 Ora fa #8

  • SyNafey
  • Avatar di SyNafey
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 36
  • Ringraziamenti ricevuti 5
  • Karma: 0
the_believer ha scritto:
Nel mio caso sono cosciente però del fatto che gli argomenti che mi causano queste reazioni sono argomenti che conosco da tempo e che mi hanno "toccato" profondamente. Nel tuo invece, se come sembra non ti interessi di paranormale, e se da un punto di vista intellettuale l'argomento ti lascia totalmente indifferente, la questione potrebbe anche essere diversa... potrebbe essere una sorta di reazione allergica dovuta alla noia o al fastidio, o qualcosa di simile, quindi non coinvolgimento emotivo ma desiderio di cambiare argomento appena possibile.

Scusami The Believer, credo di esserni espressa male: ovvio che l'ergomento mi interessi e pure molto, altrimenti non sarei qua! Non ci sono coinvolgimenti emotivi oltre a questo pero', nessun ricordo od esperienza particolare che mi tocchi. Non credo che solo un forte interesse sia sufficiente per giustificare la lacrimazione, altrimeniti accadrebbe anche quanto parlo o gioco a videogiochi, giochi di ruolo, MMORPG, arte, fumetti, etc etc... :)

E' interessante scoprire se sia un fenomeno solo mio o condiviso, cosi' che sappia meglio come lavorarci su: e' un po' di tempo che mi frulla nella testa di provare a scoprire la causa di entrambi i fenomeni con l'ipnosi (magari ci sono cose rimosse) e piu' inidizi o spunti su cui rifletterci ho meglio e'
I must not fear. Fear is the mind-killer. Fear is the little-death that brings total obliteration. I will face my fear.
I will permit it to pass over me and through me. And when it has gone past I will turn the inner eye to see its path.
Where the fear has gone there will be nothing. Only I will remain.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 1 Ora fa #9

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 512
  • Ringraziamenti ricevuti 104
  • Karma: 0
Io non escludo la sensibilità individuale, che non significa essere più sensibili di altri, no, assolutamente. Pensi di sottoporti ad ipnosi per saperne di più? Non è detto che sia possibile, nel senso di verità acquisibili tramite tale mezzo.... ma entro in argomento...

Sy, la sensibilità individuale la fa da padrona, nemmeno io ci vedo attinenze paranormali, ma un comportamento umano. Anche solo (si fa per dire...) l'influsso del tempo può portare squilibri nel comportamento individuale. Ognuno è un mondo a sè, biologi, sociologi e medici studiano questi "strani" comportamenti. Per esempio si può affermare con certezza che vi è chi sale con l'ascensore ai piani alti di un grattacielo andando fisicamente incontro a una rapidissima caduta di pressione dell'aria di circa 30 mm di mercurio: una variazione di tale entità viene prodotta solamente da un bel ciclone, ma non in un tempo altrettanto breve. Eppure, la gita in ascensore non provoca malessere e ansietà, al contrario di quanto avviene spesso al semplice avvicinarsi di una grossa perturbazione.

Cara Sy, con questo non credo e non affermo che tu possa essere più sensibile, più introversa/estroversa, o piùtimida/disinibita, schiva/preoccupata, ecc, di altri, no, il concetto che voglio esprimere è che una infinintesimale variante/variabile, tra un individuo e l'altro è in grado di fare la differenza nel comportamento, ognuno ha una strutturazione chimico-fisica, mai uguale ad un'altra. Uno scaricatore di porto davanti ud un fatto, magari per tutti insignificante, può commuoversi e piangere più di una casalinga provata dalle faccende domestiche...

I "paradossi" comportamentali delle persone sono sempre dovuti ad una sensibilità individuale. La nostra strutturazione fisica è un laboratorio molecolare complesso che investe ogni organismo dal più semplice al più complicato, dal RNA al DNA... Non mi stupisco di chi si ritrae in preghiera, di chi rapina banche, di chi diventa vegano o di chi cammina a piedi nudi sull'erba (fa solo bene...). Cara Sy, non allarmarti dunque, nè tanto meno pensare chissà che. La nostra è una "normalità" assai strana, ma siamo fatti così. Possiamo si stupirci, ma solo fino ad un certo punto.
Un salutone-one-one :ronfronf:
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Il tuo post piace a : SyNafey

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 4 Mesi 1 Ora fa #10

  • Anathema
  • Avatar di Anathema
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 539
  • Ringraziamenti ricevuti 129
  • Karma: 4
Guarda la lacrimazione è assolutamente normale.
Quando ero più giovane (soprattutto nel periodo adolescenziale o prima per capirci) anche io, quasi ogni volta che parlavo di paranormale, lacrimavo.
Non mi chiedere quale sia il motivo, anche in assenza di un particolare coinvolgimento emotivo (che comunque c'era, trattandosi di un argomento che mi interessa).
E so di non essere l'unico, per quello ti dico che si tratta di una reazione assolutamente normale.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Il tuo post piace a : SyNafey

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 3 Mesi 4 Settimane fa #11

  • valle
  • Avatar di valle
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1734
  • Ringraziamenti ricevuti 485
  • Karma: 30
Guarda SyNafey,

il fatto che tu non ti senta particolarmente coinvolta a livello emotivo mentre hai queste reazioni fisiologiche non significa necessariamente che non lo sia.

Spesso il nostro corpo "parla" prima della nostra testa.

Può capitare di piangere per qualcosa ancora prima di aver capito bene che cosa. Può capitare di andare incontro a disturbi fisici legati a problemi emotivi, per esempio, prima di aver messo a fuoco il problema stesso.
Questo perché i contenuti della nostra interiorità non sono sempre manifesti, anzi una larghissima parte di essi è non manifesta. In psicologia si chiama "inconscio", ma anche senza tirare in ballo le scienze, il fatto è che noi non siamo sempre così consapevoli di noi stessi come crediamo.

Può capitare di provare i brividi, di avere la pelle d'oca, di lacrimare, di tremare, di avere il mal di pancia di fronte a certe cose anche senza capire bene il perché.
Questo però non significa che siano reazioni esclusivamente fisiche, come l'allergia a qualcosa, ed il fatto di non sentirsi particolarmente emozionati non significa che la cosa non ci stia turbando. Semplicemente non siamo ben "connessi" con quella parte di noi che sta provando l'emozione. Per autoprotezione, per difesa, certi contenuti non ci arrivano direttamente.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Il tuo post piace a : Aleph, SyNafey

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 3 Mesi 4 Settimane fa #12

  • Aleph
  • Avatar di Aleph
  • Offline
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 101
  • Ringraziamenti ricevuti 29
  • Karma: 1
Quoto Valle e sì, capita anche a me!
"La realtà esiste nella mente umana e non altrove".
- George Orwell
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Il tuo post piace a : SyNafey

Fatti curiosi che non mi sono mai spiegata 3 Mesi 1 Settimana fa #13

  • SyNafey
  • Avatar di SyNafey
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 36
  • Ringraziamenti ricevuti 5
  • Karma: 0
Mi avevte dato risposte e spunti di riflessione molto interessanti, che saranno utili alla mia ricerca interiore e al lavoro su me stessa.

@Kit non e' la prima volta che uso l'ipnosi e mi e' stata molto utile per risolvere traumi e credenze limitanti. So molto bene che non e' uno strumento per raggiungere la Verita' assoluta, ma solo un modo per indagare sul proprio inconscio. Nulla di eclatante, come ci fanno credere nei film :)
I must not fear. Fear is the mind-killer. Fear is the little-death that brings total obliteration. I will face my fear.
I will permit it to pass over me and through me. And when it has gone past I will turn the inner eye to see its path.
Where the fear has gone there will be nothing. Only I will remain.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.947 secondi

Utilizziamo cookies per migliorare la tua navigazione. Cliccando su 'Chiudi' ne autorizzi l'uso.