IL FORUM

DISCUTIAMO DI PARANORMALE DAL 2001

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Viaggi nel tempo visti alla luce del paranormale.

Viaggi nel tempo visti alla luce del paranormale. 3 Giorni 6 Ore fa #1

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 567
  • Ringraziamenti ricevuti 108
  • Karma: 0
Forse è meno fantascientifico considerare i viaggi nel tempo paranormali che quelli supportati dalla scienza. Mi riferisco alla traslazione spazio-temporale ottenutisi volontariamente e non, in sedute medianiche o in forma spontanea: i famosi asporti e apporti, ovvero alla scomparsa di piante, oggetti, animali ecc. scomparsi da un luogo e ricomparsi in un ambiente diverso. Sono fatti strabilianti certamente, ancor più per chi non ha mai avuto interesse a considerare questi aspetti, entrando direttamente in... fabbrica.

E' questo un tipo di "teletrasporto" spazio temporale che ha interessato anche gli uomini, solitamente medium, ma anche veggenti, santi. Niente comunque a che vedere con Star Trek. Anche in questi casi la casistica abbonda. Naturalmente vanno tenuti in considerazione solo i fatti oggettivi, riportati in cronaca da testimoni attendibili. In altri termini di veri spostamenti spazio-temporali. Tra i tanti vorrei menzionare brevissimamente quello detto del "Petit Trianon", in riferimento a due turiste inglesi in visita a Versailles.

Queste si videro proiettate nel XVIII secolo. Le due donne descrissero in seguito fin nei minimi particolari il vestiario di alcuni personaggi che incontrarono nel Parco di Versailles, non solo, ma anche diversi particolari del luogo che successive indagini confermarono. Un caso in cui le ipotesi si ridussero a due. Si sarebbe trattato di una forma di allucinazione retrocognitiva (psicoscopia d'ambiente) favorita da un improvviso stato modificato della coscienza (le due turiste dissero di aver avvertito uno strano senso di oppressione e in contemporanea, videro il paesaggio intorno a loro che si "appiattiva"). La seconda interpretazione si dirige verso uno spostamento temporale provocato dall'attraversamento di un ipotetico varco dimensionale.

La parapsicologia ipotizza che tali eventi vengano a determinarsi a seguito di una forma di disgregazione e riaggregazione molecolare della materia. Una variante a tale ipotesi è quella che pone un'esistenza, oltre ai tre stati noti della materia solido-liquido e gassoso, anche di un quarto stato: quello "fluido". In questo stato le molecole di corpi fluidi sarebbero in grado di attraversare le molecole di corpi solidi mantenendo immutata la propria forma.
un saluto
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Viaggi nel tempo visti alla luce del paranormale. 1 Giorno 9 Ore fa #2

  • Nyma
  • Avatar di Nyma
  • Offline
  • Moderatore
  • Tempus Edax Rerum
  • Messaggi: 2195
  • Ringraziamenti ricevuti 385
  • Karma: 16
Per quanto interessante non sono d'accordo che sia meno fantascientifico considerare i viaggi nel tempo dal punto di vista paranormale che da quello scientifico.
Da una parte abbiamo teorie matematiche, che pure con i nostri mezzi non possono essere verificate in modo pratico, dall'altra cosa abbiamo? Delle testimonianze, dei racconti supportati da cosa? Forse da teorie pseudoscientifiche che, per usare un eufemismo, mi risulta siano un pochino sotto la teoria scientifica vera e propria.

Riguardo gli apporti, ho sempre pensato che si trattasse di teletrasporto non di viaggio nello spazio e nel tempo. Nel primo caso abbiamo la smaterializzazione di un oggetto presente in un altro luogo e conseguente rimaterializzazione in un luogo diverso, ma sempre all'interno della stessa linea temporale. Ho sempre letto che gli apporti si riferiscono a oggetti esistenti nel tempo presente. Se fosse un viaggio nello spazio e nel tempo, vorrebbe dire che gli apporti potrebbero includere oggetti non più esistenti che esistevano in un altro tempo ma oggi sono scomparsi... O addirittura oggetti non ancora esistenti ma che esisteranno nel futuro.
Eadem mutata resurgo
Dio è un cerchio il cui centro è ovunque e la cui circonferenza è da nessuna parte.
Ultima modifica: 1 Giorno 9 Ore fa da Nyma.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Viaggi nel tempo visti alla luce del paranormale. 1 Giorno 3 Ore fa #3

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 567
  • Ringraziamenti ricevuti 108
  • Karma: 0
Sono convinto (ma la mia opinione vale qualsiasi altra) che siano meno fantascientifici i viaggi nel temo (verrebbe da dire di luogo...) paranormali, apporto e asporti, che non quelli scientifici. Ogni "asporto" - "apporto", va comunque considerato come un viaggio nello spazio e nel tempo, ossia da un luogo ad un'altro in un breve lasso di tempo: ci fu pure un apporto di una piantina in fiore senza più il vaso, ma con la forma dello stesso, in più con alcuni vermi che si muovevano tra le radici esposte nella terra fresca. Tra gli aneddoti "storici" di viaggi nel tempo si può ancora citare l'esperimento Filadelfia, realizzato in un test finale (fu preceduto da "prove") il 28 ottobre 1943 alle ore 17,15 dalla Marina degli Stati Uniti mediante dei potentissimi generatori di campi elettromagnetici.

L'esperimento fu condotto a Filadelfia, tramite il cacciatorpediniere Eldrige, il quale divenne prima invisibile, poi si vide sprigionarsi un lampo blu accecante con l'effettiva scomparsa della nave che ricomparve in Virginia, nelle acque del porto di Norfolk, quindi a notevole distanza da dove era scomparsa. La sua presenza fu testimoniata solo per alcuni minuti, per poi scomparire ancora e poi riapparire di nuovo nel porto di partenza, a Filadelfia. L'esperimento "scientifico" (militare) ebbe dei risvolti tragici, molti marinai accusarono nausee violente, una parte dell'equipaggio scomparve per sempre senza mai più essere ritrovato, altri impazzirono, chi infine sopravvisse non fu più lo stesso, in più si trovarono in seguito 5 uomini fusi in un scompartimento della stessa nave.

E' notorio l'abile depistaggio che ne seguì condotto dalle autorità militari, ma questa è un'altra storia. A differenza di questo tipo di "viaggi" , comprensivi di risvolti tragici, per gli apporti paranormali, che io sappia, non si ebbero mai vittime.
Un saluto
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Viaggi nel tempo visti alla luce del paranormale. 13 Ore 44 Minuti fa #4

  • Anathema
  • Avatar di Anathema
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 559
  • Ringraziamenti ricevuti 137
  • Karma: 4
Kit, ma tu realmente credi a quello che dici?
Il teletrasporto di un cacciatorpediniere con tanto di equipaggio.

Hai praticamente raccontato una variazione sul tema di un racconto di Stephen King, che ti consiglio, intitolato "il viaggio" (li l'esperimento comincia con gli animali... Ma vabbè)
Come spesso succede Kit tu prendi notizie prive di qualunque forma di verifica, delle classiche leggende metropolitane e le diffondi come vere.

Il problema è che vere non sono... Sono storielle horror prive di qualunque fonte e tu, spacciandole per certe, dimostri sempre più che mancando prove reali, nel campo del paranormale gli esperti sono costretti a far navigare la fantasia... Facendo perdere credibilità a tutto.

Ed è un peccato, perchè poi quando si entra nella discussione dimostri anche di avere teorie interessanti... Ma chiaramente se si basano su delle storielle inventate non possono che essere teorie sballate.

PS: non risultano vittime per gli apporti, perchè non risulta ci sia mai stato un apporto dimostrato.
Ultima modifica: 7 Ore 18 Minuti fa da Nyma. Motivo: messaggio unito, aggiunto ps
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Il tuo post piace a : ParanormalStudio Emiliano, valle

Viaggi nel tempo visti alla luce del paranormale. 7 Ore 8 Minuti fa #5

  • Nyma
  • Avatar di Nyma
  • Offline
  • Moderatore
  • Tempus Edax Rerum
  • Messaggi: 2195
  • Ringraziamenti ricevuti 385
  • Karma: 16
KitCarson1971 ha scritto:
Ogni "asporto" - "apporto", va comunque considerato come un viaggio nello spazio e nel tempo, ossia da un luogo ad un'altro in un breve lasso di tempo.
Perdomani Kit, ma l'asporto-apporto non dovrebbe essere istantaneo? L'oggetto sparisce da un posto e ricompare nell'altro. Oppure l'oggetto svanisce, passa qualche minuto e ricompare dall'altra parte? Perché diversi articoli online definiscono il fenomeno come istantaneo... Poi se anche il "breve lasso di tempo" è una tua opinione personale allora ok. Ma il viaggio nel tempo è altra cosa.
Eadem mutata resurgo
Dio è un cerchio il cui centro è ovunque e la cui circonferenza è da nessuna parte.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Viaggi nel tempo visti alla luce del paranormale. 6 Ore 45 Minuti fa #6

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 567
  • Ringraziamenti ricevuti 108
  • Karma: 0
Nyma ha scritto:
KitCarson1971 ha scritto:
Ogni "asporto" - "apporto", va comunque considerato come un viaggio nello spazio e nel tempo, ossia da un luogo ad un'altro in un breve lasso di tempo.
Perdomani Kit, ma l'asporto-apporto non dovrebbe essere istantaneo? L'oggetto sparisce da un posto e ricompare nell'altro. Oppure l'oggetto svanisce, passa qualche minuto e ricompare dall'altra parte? Perché diversi articoli online definiscono il fenomeno come istantaneo... Poi se anche il "breve lasso di tempo" è una tua opinione personale allora ok. Ma il viaggio nel tempo è altra cosa.

Certo, il "breve lasso di tempo" è una mia considerazione soppesando una dissoluzione e una reintegrazione della struttura formale di ogni aggregato, di ogni cosa. Termino il mio parere sulla contestazione dell'amico Anathema, più che giusta se fosse scaturita da approfondimenti, vista ed esaminata a 360 gradi.
Si fa certamente prima a dire che tutto è falso e tutto è da rifare (alla Bartali...) senza prendersi la briga di verificare. Le smentite, le bufale, le "verità" nascoste lasceranno sempre strascichi su chi già propende incondizionatamente da par suo per una fazione. C'è chi trova sufficiente smentire il "Project Philadelphia" aumentando nel contempo peso e colesterolo mangiando del pop corn durante la proiezione di un film omonimo, come quello del 1984 (Philadelphia experiment diretto da S. Raffill), con una trama ancor più fantascientifica dell'originale. Va detto che alcune fonti sostengono che il progetto Filadelfia o Arcobaleno o Fenice, come poi fu rinominato, proseguì presso un'area militare adibita a stazione radar per la sorveglianza aerea, conosciuta col nome di Montauk e posta nello Stato di New York.

Non mi meraviglio comunque di più di chi si meraviglia di tutto, di chi trova bufale campane anche in Sardegna, tra il carasau... Gli esperimenti militari sono storicamente molteplici, paranormali inclusi, e non si tratta solo di letteratura da spiaggia, di cosa ci meravigliamo di grazia? Si creda o non si creda, nel corso della Seconda Guerra Mondiale, la Marina made in usa aveva l'obbiettivo di rendere invisibile ai nemici le sue navi mediante enormi generatori di campi magnetici, con il preciso intento di provocare un effetto di rifrazione della luce e delle onde radar intorno alle proprie navi con l'intento di renderle invisibili.

Questo esperimento non sarebbe mai venuto alla luce se non avesse avuto conseguenze impreviste di tale portata da risultare incredibili ai più. Chi rimase in vita affermò di aver ricordato solo in tempi relativamente recenti della loro partecipazione al progetto, a causa di anni di lavaggi del cervello per rimuovere tali memorie. Ripeto, è un dato di fatto e io non mi sono mai stupito di esperimenti militari più o meno nascosti o venuti parzialmente alla luce, fuori dalle regole e dalla grazia di Dio, prospettati da governi, maggioritari o meno, atti alla supremazia tecnologica e militare .
Un saluto
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Viaggi nel tempo visti alla luce del paranormale. 6 Ore 21 Minuti fa #7

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 567
  • Ringraziamenti ricevuti 108
  • Karma: 0
Questa è una ricerca di un amico di Massimo (ne ho già parlato) che espone quanto segue. La posto senza commenti, ma solo come curiosità, anche se include le due menti, forse più grandi di tutti i secoli: Tesla e Einstein . Con tutto il beneficio del dubbio che si può avere su questo esperimento.
_
_

"...Nel 1930 Nicola Tesla sperimentava con un gruppo la possibilità di muoversi nel continuo spazio tempo. Nello stesso periodo il Dott. John Hutchinson, decano dell'università di Chicago, e il Dott. Kurtenaur, fisico austriaco, decisero di iniziare studi sulla possibilità di raggiungere l’invisibilità attraverso l’uso dell’elettricità. In seguito il progetto fu trasferito a Princeton a cura del Dott. John Erich Von Neumann e di Albert Einstein, i quali riuscirono a rendere invisibili piccoli oggetti. Direttore del progetto di invisibilità, fino al 1942, fu Tesla, amico del presidente Franklin Roosevelt. La guerra alle porte spinse il governo a cedere ai militari che volevano gestire la tecnologia a loro modo. Tesla ed Einstein furono concordi nel concludere che se tale tecnologia fosse stata sviluppata non sarebbe stata a favore dell’umanità.

Nel 1940, usando il metodo di Tesla, fu usata una nave senza equipaggio, alimentata da un’altra collegata ad essa a mezzo di cavi in modo che se qualcosa andava male si poteva affondare la nave usata per la prova. Il problema delle mine magnetiche tedesche, che metteva in pericolo il trasporto alleato, spinse anche a condurre un progetto parallelo utilizzando generatori degausser.
Dopo gli esiti positivi del 1940, la marina decise di classificare e finanziare il progetto con fondi monetari illimitati. Nel mese di gennaio del 1942 fu consegnata a Tesla una nave e una squadra per una prova completa. Nel progetto erano coinvolti Von Neumann e il Dott. John Levinson, un altro matematico, noto per lo sviluppo delle cosiddette equazioni di tempo.

Tesla e Von Neumann non erano in accordo su alcuni procedimenti, in particolare il primo era convinto che avrebbero avuto seri problemi con le persone. Decise quindi di sabotare la prova nel tentativo d'arrestare il progetto, ma questo fu affidato a Von Neumann che, nel mese di marzo del 1942, decise di attuare alcuni cambiamenti nelle apparecchiature. Fu progettata una nave speciale, l’Eldridge, con tutta l’apparecchiatura necessaria già a bordo e un equipaggio di trentatré volontari.
Qualche fonte parla di un esperimento compiuto in precedenza, condotto dal governo, dove vennero usati animali domestici disposti in gabbie di metallo nella stiva dell’USS Eldridge. Ad esperimento concluso, dopo che la nave divenne invisibile, molti animali risultarono mancanti e altri ustionati.

Nonostante l’esito non proprio positivo l’esperimento fu ripetuto con un intero equipaggio. L’imbarcazione divenne otticamente invisibile. Le persone risultarono molto disorientate. A prova iniziata, per circa un minuto, il profilo della nave fu visibile nell'acqua, poi improvvisamente si manifesto un flash blu e l’imbarcazione sparì interamente. Nessuna comunicazione radio, nessun segnale per tre lunghe ore. Infine il ritorno. Uno degli alberi era rotto. Alcuni marinai parzialmente incastonati nella piattaforma d'acciaio, altri sbiadivano e riapparivano; alcuni mancavano e mai ritornarono.
Successivamente fu deciso di condurre una nuova prova senza equipaggio, usando un cavo fissato ad un'altra nave. Era la fine di ottobre del 1943, il cacciatorpediniere sparì per circa venti minuti. Quando riapparve molte apparecchiature erano sparite; mancavano due armadietti del trasmettitore ed un generatore. Il blocco con il generatore di riferimento di tempo zero intatto. A quel punto la Marina smantellò la nave e fermò il progetto..."

A quanto pare quindi sia Tesla che Einstein abbandonarono il progetto prima dello svolgimento "ufficiale" dell'ottobre '43... il che paradossalmente potrebbe gettare nuove ombre sulla scomparsa del Tesla proprio a inizio anno, ovvero dopo l'esperimento "ufficioso"... come al solito ne sappiamo poco e male...[:(]
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Viaggi nel tempo visti alla luce del paranormale. 9 Minuti fa #8

  • valle
  • Avatar di valle
  • Online
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1805
  • Ringraziamenti ricevuti 496
  • Karma: 30
Concordo con Anathema sul fatto che l'esperimento di Philadelphia sia una leggenda metropolitana, probabilmente nata da alcuni elementi reali, come la demagnetizzazione degli scafi navali, che poi ha portato ad assurdità come la sparizione di un intera nave e la sua ricomparsa in altro luogo con tanto di equipaggio. Fenomeni per cui mancano totalmente i presupposti anche teorici.

Vorrei inoltre aggiungere che ai militari si attribuiscono solitamente capacità e conoscenze sovrumane. I militari nascondono gli alieni nelle loro basi, forse nell'area 51; i militari possiedono tecnologie aliene; i militari sanno fare smaterializzare le navi e farle ricomparire altrove; i militari usavano i sensitivi per carpire i segreti nemici; i nazisti avevano inventato la macchina del tempo; e così via.
Insomma, quando si vuole attribuire l'esistenza di qualche super tecnologia o superpotere, ecco che subito la si attribuisce ai militare, probabilmente americani.

Che i miliari siano in possesso di armi e tecnologie è risaputo, e purtroppo abbiamo tutti presenti le terribili immagini delle esplosioni nucleari che hanno prodotto devastazione e morte. Sappiamo che esistono gli aerei "invisibili", in realtà invisibili ai radar, ma queste sono tecnologie scientificamente conosciute e spiegate, seppur inaccessibili ai più. Se qualcuno oggi volesse costruire un ordigno nucleare, le conoscenze per farlo ci sono. Il problema è che reperire i materiali e costruire gli impianti deputati alla realizzazione dell'ordigno sarebbe fuori dalla portata di chiunque, se non di un grande governo. Ma si sa come funziona e perché funziona.
Che si possa smaterializzare una nave con equipaggio e rimaterializzarla in un altro luogo non credo che sia un'affermazione scientificamente fondata.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.153 secondi

Utilizziamo cookies per migliorare la tua navigazione. Cliccando su 'Chiudi' ne autorizzi l'uso.