IL FORUM

DISCUTIAMO DI PARANORMALE DAL 2001

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Deja vu- Ricordi di aver già visto e vissuto

Deja vu- Ricordi di aver già visto e vissuto 2 Mesi 4 Giorni fa #1

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Online
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 641
  • Ringraziamenti ricevuti 115
  • Karma: 0
Il fenomeno della paramnesia: para=vicino e mnèsis=ricordo (per inglesi e francesi already seen e dèjà vu) vorrebbe significare un ricordo marginale inespresso, mal compiuto, un ricordo che rimane a lato. Se ne parla poco, ma è un fenomeno molto comune, nel campo del paranormale è una pianticella molto sviluppata... Le varie persone lo notano quando vedono per la prima volta un dato ambiente e hanno la netta impressione di ricordarsi di esserci già stati e di aver vissuto esperienze contingenti nello stesso luogo.

Pare che nella stragrande maggioranza dei casi, si tratterebbe di ricordi accantonati da tempo, ma che riaffiorerebbero solo peer affinità con quello che si vede in quel momento. Come illustrazioni visive latenti. Esistono però dei casi che lasciano perplessi, difficili da soluzionare. Casi come quando il soggetto non ha solamente la sensazione di essere già stato in un certo luogo, ma arriva a descrivere componenti dello stesso luogo senza averlo mai visto ma che ricorda ugualmente. In altre occasioni si ha ricordi di un ambiente visto per la prima volta, al quale si uniscono ricordi di fatti e personaggi dei quali il soggetto non conosceva assolutamente nulla, ma che nel contempo risultano esatti. Ovviamente i tentativi di spiegazione sono molteplici, anche se non definitivi.
Un saluto
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Deja vu- Ricordi di aver già visto e vissuto 2 Mesi 4 Giorni fa #2

  • valle
  • Avatar di valle
  • Online
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1927
  • Ringraziamenti ricevuti 532
  • Karma: 30
Nel mio caso, i déjà-vu si verificavano più spesso da adolescente, ma di solito erano legati alla "situazione", ma soprattutto ad uno scambio di battute tra persone, più che riferiti al luogo. Qualcuno diceva qualcosa, mentre faceva qualcosa, e qualun altro rispondeva un'altra cosa e.... tac... scattava il déjà-vu: "ho già vissuto questa scena!"

Tuttavia mi sono anche dato la spiegazione, non necessariamente vera, ma plausibile, che persone che si frequentano molto, come i compagni di classe a quei tempi, oppure gli amici, spesso si trovano effettivamente in situazioni simili. Il modo di parlare di ciascuno di noi, la gestualità e le situazioni possono essere quasi identiche in momenti diversi nel tempo.

Penso al caso dei compagni di classe: è chiaro che se io mi trovo al mio solito banco, KitCarson nel banco davanti ed Emiliano in quello accanto e ad un certo punto Emiliano dice "Vorrei fare un indagine il prossimo fine settimana", KitCarson si gira dal suo banco e dice "Ma che la fai a fare, che tanto non credi mai a niente?", magari la suddetta scena si sarà verificata più o meno simile altre volte :hahahaha:
Ed ecco che scatta il déjà-vu.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Deja vu- Ricordi di aver già visto e vissuto 2 Mesi 4 Giorni fa #3

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Online
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 641
  • Ringraziamenti ricevuti 115
  • Karma: 0
Ciao doctor Valle. Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino... Hai fatto andare in trance la tua gatta. La mia è una mezza battuta, perchè si sa di animali medium, che vanno in trance e trasmettono messaggi fuori dalla loro portata intellettiva.

La questione soma-anima-spirito rimane sempre aperta, perchè non è ancora stata prodotta una prova che convinca tutti in modo significativo, anche se da sempre viene rappresentata da tutti i popoli, antichi e moderni, per noi di solito viene dipinta (e fotografata?) come un globo di luce che lascia il corpo del morente. Esistono rappresentazioni sceniche dell'antico Egitto dove viene vista come un uccello dalla testa d'uomo.

Ustedes caro doctor Valle, ama fare spesso riferimento come "appoggio" alla scienza, spesso con giusta ragione, nei riguardi dell'anima, il grande Jung, che non accettò mai nulla per fede, e si accostò con un approccio razionale al concetto dell'anima = sopravvivenza tramite i fenomeni parapsicologici, infatti ebbe a scrivere: - "Con la morte del corpo possiamo affermare con sufficiente certezza che una coscienza individuale è giunta al termine: ma che sia interrotta con ciò anche la continuità del processo psichico, rimane dubbio; giacchè oggi non ci sentiamo di sostenere con altrettanta sicurezza, che la psiche sia prigioniera del cervello. Occorre che la psicologia finisca di digerire certi fatti parapsicologici: ciò che essa non ha neppure cominciato a fare." -

Non so tu Valle, ma io questa scienza che lascia l'uscio aperto all'inconoscibile , mi sento in dovere di sostenerla.
Un saluto
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Deja vu- Ricordi di aver già visto e vissuto 2 Mesi 4 Giorni fa #4

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Online
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 641
  • Ringraziamenti ricevuti 115
  • Karma: 0
Sto perdendo l'anima...Questa era la risposta che andava dellà... Chiedo scudo. Provo a recuperare.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Deja vu- Ricordi di aver già visto e vissuto 2 Mesi 4 Giorni fa #5

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Online
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 641
  • Ringraziamenti ricevuti 115
  • Karma: 0
KitCarson1971 ha scritto:
Sto perdendo l'anima...Questa era la risposta che andava dellà... Chiedo scudo. Provo a recuperare.

Ciao Valle. Forse stavolta imbrocco l'attinenza del post pre-posto...

Non so se il trafiletto dei banchi di scuola che hai inserito abbia attinenza con il deja vu, ma la battuta finale vale il prezzo del biglietto... In ogni caso andrebbe distinta l'impressione del solo ricordo dal fatto di riconoscere ambienti, fatti e persone mai conosciute e neanche avvicinate dal soggetto. Un conto è spiegare con la teoria psicologica del riaffioramento di stati d'animo, e un conto è il "riconoscere" ambienti e situazioni, il che vorrebbe dire e determinare vere e proprie manifestazioni paranormali di chiaroveggenza da ambiente, che poi sarebbe una ricostruzione nel suo insieme di un luogo mai visto prima e, in più anche i fatti che si sarebbero svolti in detta località.
Un saluto
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Deja vu- Ricordi di aver già visto e vissuto 2 Mesi 4 Giorni fa #6

  • valle
  • Avatar di valle
  • Online
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1927
  • Ringraziamenti ricevuti 532
  • Karma: 30
KitCarson1971 ha scritto:
KitCarson1971 ha scritto:
... la battuta finale vale il prezzo del biglietto...
:hahahaha: :hahahaha: :hahahaha:
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Deja vu- Ricordi di aver già visto e vissuto 2 Mesi 1 Giorno fa #7

  • vanoli
  • Avatar di vanoli
  • Offline
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 226
  • Ringraziamenti ricevuti 16
  • Karma: 0
dai kit, " sapere un sogno premonitore a memoria " ess crea un dejavu e come ho detto a memoria significa tutto come un mondo d'attori.
altrettanto spaventoso, cosi emozionante , ma anche cruciale.
la memoria insegna che non cè età per il suo svolgimento.
tutti ognicosa è memorizzato ancora prima di nascere, quindi chi capta la memoria e la sa a memoria ben per lui.
cosa succede è come leggere un codice o disegnare un disegno preciso con il margine di errore cosi piccolo o pari allo zero assoluto.

non finisce qui, l'entità del dejavu, non s'avvale di una vita e del seguito, ma anche della o dalle vite precedenti, un qualcosa che fa parte di te e tutto il complesso.
tale fenomeno non va solo avanti , ma torna pure indietro.

il discorso vale anche per fare un sogno remonitore, l'effetto inverso della premonizione, ma il rivivere un frammento gia vissuto.
questo meccanismo nel suo complesso è naturale.
secondo te kit un alieno in che verso del tempo può ragionare?
in paradiso si cade come dei bambini, ma questo non è un buon segno di fede difronte a tutti i fratelli
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.115 secondi