IL FORUM

DISCUTIAMO DI PARANORMALE DAL 2001

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: 130 bambini scomparsi nel nulla

130 bambini scomparsi nel nulla 1 Anno 5 Mesi fa #1

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Offline
  • Utente bloccato
  • Messaggi: 786
  • Ringraziamenti ricevuti 148
  • Karma: -1
Leggenda, fantasia o realtà? A chi visita la cittadina di Hameln (Halmen in tedesco, per noi Hamelin) in Germania, sorgerà qualche dubbio a relegare la storia del Pifferaio (era in realtà un flauto) Magico nella leggenda quando sembra che certi riscontri portino da tutt'altra parte. Nella cittadina esistono due edifici del 16° sec. che mostrano delle lapidi che ricordano il rapimento di 130 bambini, spariti nel nulla il 26 giugno 1284 seguendo il "pifferaio" come sonnambuli. Il fatto viene rievocato ogni anno lungo una strada (la Bungenstrasse che, secondo la leggenda, fu la via che percorsero i bambini prima di giungere sulla vicina montagnola Koppelberg, dove appunto "sparirono"). Su questa montagna inoltre furono erette due grandi croci per indicare il punto esatto dove i bambini furono visti per l'ultima volta.

I documenti storici fanno riferimento a questa tragedia, solo nel 1450. Il pifferaio magico si riscontra invece nel 1500. Documenti successivi, del 1600, fanno risalire la data della scomparsa dei 130 bambini al 22 luglio 1376. Anche se questa discordanza di data possa insinuare dubbi sui fatti, va rilevato che nonostante questo le due date sono state tramandate per secoli, sempre le stesse. Non che la leggenda del pifferaio magico sia unica, Esistono racconti simili, oltre che in Europa, anche nel Medio Oriente, ma a differenza di tutte queste altre, la leggenda di Hameln ci fornisce date ben precise, anche se possono di primo acchito sembrare contraddittorie.
Un saluto
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

130 bambini scomparsi nel nulla 1 Anno 5 Mesi fa #2

  • ParanormalStudio Emiliano
  • Avatar di ParanormalStudio Emiliano
  • Offline
  • Moderatore
  • Messaggi: 2431
  • Ringraziamenti ricevuti 532
  • Karma: 20
Date ben precise, ma discordi... quindi molto poco precise.

Concordo però che già il solo fatto che in una storia venga posta una data, mi fa pensare che non sia campata del tutto in aria (sebbene chissà cosa è realmente successo). Il fatto che la data è "cambiata" nel tempo può essere dovuto al fatto che un accadimento simile si è poi ripetuto nella seconda data o meglio, accadimento che qualcuno ha voluto accostare, facendo poi nascere a posteriori confusione sulle due date essendo fusesi le due storie differenti.
Paranormal Studio è un progetto Hunters 12 in collaborazione dal 2015 con Paranormale.com.

Il nostro sito:www.hunters12.com/paranormal
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

130 bambini scomparsi nel nulla 1 Anno 5 Mesi fa #3

  • dany
  • Avatar di dany
  • Offline
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 302
  • Ringraziamenti ricevuti 47
  • Karma: 0
Ciao, proprio recentemente, su questo argomento, mi è capitato di guardare un breve video dove vengono fatte alcune ipotesi interessanti

Ve lo linko qui, se può essere di vostro interesse
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

130 bambini scomparsi nel nulla 1 Anno 5 Mesi fa #4

  • KitCarson1971
  • Avatar di KitCarson1971
  • Offline
  • Utente bloccato
  • Messaggi: 786
  • Ringraziamenti ricevuti 148
  • Karma: -1
In effetti il video pone l'accento su alcuni fatti storici. La prima data (il 1284) può benissimo riferirsi alla "Crociata dei fanciulli" che radunò in Francia, provenienti da Germania, Olanda, Belgio e Italia, un grande numero di bambini e ragazzi (un 30.000) sotto la guida di giovani "profeti", e che quasi certamente raccolse seguaci anche ad Hameln. Moltissimi di questi morirono lungo il viaggio in Terrasanta e nessuno fece più ritorno. Un'altra teoria, che il video non riporta, si ricollega, come data, scoppiata per una contesa locale nel 1260, per la quale morirono molti giovani. Come per il precedente, questi avvenimenti del XIII° sec. trovano forse eco nelle prime versioni del racconto.

Tempisticamente fuori luogo risulterebbe la Morte Nera, la peste bubbonica che decimò la popolazione europea dal 1345 al 1370, anche se trova attinenza al racconto con l'infestazione dei topi, trasmessa loro dalle pulci, le stesse che poi passavano sulle persone. Forse le riminiscenze di questo flagello, della peste, potrebbero però spiegare solo la data successiva (il 1376) attribuita alla comparsa del pifferaio magico che si ritrova in alcuni documenti del 1500.

Il folklore potrebbe aver avuto la meglio sulla realtà dei fatti. In questo senso potrebbe essere inserita un'altra malattia, il Ballo di San Vito (o còrea), per il quale nel Medioevo strani cortei di giovani percorrevano le campagne. Si credeva che il suono di un flauto avesse il potere di calmare gli spasmi muscolari che provocavano dei movimenti incontrollati a questi malati.
Un saluto
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.