IL FORUM

DISCUTIAMO DI PARANORMALE DAL 2001


Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: esperienza personale

esperienza personale 1 Settimana 6 Giorni fa #1

  • dany
  • Avatar di dany
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 48
  • Ringraziamenti ricevuti 6
  • Karma: 0
Ciao a tutti,
ho scoperto questo forum e mi sono appena iscritta perché desidero condividere una mia esperienza e possibilmente sapere cosa ne pensate. Si tratta di una situazione da me vissuta all'età di 26 anni, quando convivevo col mio ragazzo, e attuale marito, in una casa in affitto in un quartiere periferico della mia città.
Una sera ero da sola in casa in quanto lui era fuori per lavoro e sarebbe tornato l'indomani. Dopo aver cenato, decisi di andare a guardare un po' di TV, non in camera da letto, bensì in una stanza che avevamo adibito ad un po' di tutto: computer, tv, panca per la palestra ecc. :wink: Premetto che ero tranquilla e rilassata, intenta a guardare un programma televisivo. Ad un certo punto, sentii chiaramente nell'armadio che era alle mie spalle il rumore delle grucce, che “tintinnavano” come se stessero sbattendo una contro l’altra. Preciso che l’armadio, che era chiuso in quel momento, era vuoto e non utilizzato né da me né dal mio compagno; aggiungo che tutte le finestre della casa in quel momento erano chiuse. Dopo aver abbassato il volume della tv, mi alzai, accesi la luce e guardai per controllare se non ci fosse qualche animale, anche se la cosa mi pareva improbabile, essendo la casa al 2 piano e, ripeto, tutte le finestre chiuse. La gatta che stava dormendo placidamente accanto a me, si era ridestata e guardava anche lei in direzione di quel mobile. Quando aprii il piccolo armadio, non trovai un bel nulla. Provando una certa inquietudine (ero sicurissima di aver sentito quei rumori), decisi di lasciare la luce accesa e mi rimisi a guardare la tv a volume più basso, così, un po’ sul “chi va là”.
Trascorsi pochi minuti, quando già mi ero immersa nuovamente nella visione del programma e già non pensavo più all’accaduto, sentii distintamente dei passi provenire dal corridoio, strascicati, come di ciabatte, avvicinarsi, fino ad arrivare a passarmi affianco. Immediatamente la sensazione fu di non essere più sola in quella stanza. Ma la cosa più terrificante fu la seguente: il rumore dei passi, che si “diressero” verso la finestra, terminò con il rumore distintissimo fatto da un disco di ghisa da ben 10 chili, da me lasciato a terra, nella stanza, quel pomeriggio stesso, dopo aver fatto ginnastica, sul pavimento ai piedi della finestra. Ripeto che il peso era di 10 chili ed era appoggiato a terra di piatto (era smontato dal bilanciere, che si trovava altrove). Il rumore fu come se qualcuno ci salisse sopra col piede, calpestandolo più volte (ve lo dico con sicurezza perché il giorno successivo feci delle prove). Credetemi, non l’ho immaginato e la prova è che la gatta che in quei momenti era vicino a me, prima si mise dritta sulle 4 zampine, poi scese a terra e, con pelo e coda arruffatissimi, si avvicinò al peso, annusandolo e sporgendo la testa verso di esso, tutta eccitata, senza tuttavia avvicinarsi a sufficienza per arrivare a “toccarlo” col nasino. Tutto si svolse in pochissimi secondi ma a quel punto mi spaventai tantissimo, e così, in un'altra manciata di secondi, mentre me ne stavo lì immobile, terrorizzata e incredula, pensai di chiamare il mio ragazzo. Subito mi venne in mente che non potevo usare il cellulare dal momento che non lo avevo ricaricato ma che potevo usare il tel di casa, funzionante tramite un modem collegato ad una multipresa a sua volta collegata alla presa elettrica. Ma neppure feci in tempo a formulare questo pensiero che… scattò il contatore della luce e non solo restai al buio, ma addio telefonata. A questo punto ero preda proprio di un terrore puro, mai provato prima! Col cuore a mille, scesi di scatto dal divano letto e scalza come stavo scappai per il corridoio, raggiunsi un po’ a tentoni la mia camera che era in fondo e mi buttai nel letto con la testa sotto le coperte. E un’altra cosa molto strana accadde a questo punto: e cioè…. che mi addormentai, di colpo!... Premetto che oltre a non essere tardi (saranno state le 22.30/23,00 massimo) io ero davvero terrorizzata e quindi non riesco proprio a spiegarmi come abbia potuto fare ad addormentarmi con tutta quell’adrenalina in corpo! L’unica spiegazione che mi so dare è che forse sono svenuta dalla paura…
Il mattino seguente, dopo il suono della sveglia (dormii ininterrottamente fino al mattino), per prima cosa andai a controllare il contatore, che effettivamente era scattato (strano, dal momento che la sera prima di acceso avevo solo la tv ed una luce in camera, quindi non capisco cosa abbia fatto scattare il salvavita). Ma quello che più mi lasciò di stucco fu quando nell’uscire per recarmi al lavoro, davanti al portone del mio palazzo, trovai un manifesto funebre: vi era il nome del padrone di casa, morto proprio il giorno prima. Si trattava di un anziano Generale che per molti anni aveva vissuto in quella casa che amava molto e che si era sempre rifiutato di vendere (questo mi fu raccontato dal figlio). I funerali si sarebbero tenuti proprio nella piccola chiesa vicinissima al mio palazzo. Nel vedere il manifesto rimasi ancora più turbata e mi venne la pelle d’oca in tutto il corpo, perfino in testa.
Inutile dirvi che quel giorno, nonostante tutto sempre alla ricerca di spiegazioni più razionali, chiesi ad altre persone (senza raccontare niente) e controllai anche sui notiziari se la sera prima ci fosse stata una qualche attività sismica o un evento insolito. Nessuno sapeva nulla di nessun terremoto e i notiziari non ne parlarono.
Non raccontai a nessuno, ad esclusione del mio ragazzo, quanto accaduto. Lui è una persona estremamente razionale ma mi credette subito perché sa e sapeva bene che non sono la tipa da mettermi a raccontare storie, né impressionabile; una spiegazione però neppure lui riuscì a suggerirmela. Fatto sta che io penso che qualcosa di anomalo sia successa quella sera, anche se non so cosa. Devo dire che all’epoca credevo poco nel paranormale ma ultimamente, avendo perso mia madre lo scorso anno, cosa che mi sta facendo soffrire enormemente, ripenso spesso a quella sera. Se davvero qualcosa è accaduto, potrebbe aprire una speranza che non tutto finisca dopo la morte fisica e che qualcosa dei nostri cari continui ad esistere, in qualche modo e in qualche forma. Voi che ne pensate? Aggiungo che non è l’unico fatto che mi è capitato, anche se è stato il più rilevante sicuramente.
Grazie infinite per avermi letto fin qui, scusate la lunghezza del messaggio e, per favore, fatemi sapere che ne pensate.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 6 Giorni fa #2

  • valle
  • Avatar di valle
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1226
  • Ringraziamenti ricevuti 335
  • Karma: 26
Ciao Dany,

il tuo racconto mi ha creato sensazioni e idee contrastanti, te le espongo nell'ordine in cui mi sono venute:

- il gatto ha sentito lo stesso rumore proveniente dall'armadio, quindi non hai preso fischi per fiaschi, ma restava possibile l'ipotesi della vibrazione dell'intero edificio, come hai pensato anche tu (scossa sismica, treno, tir nei paraggi e così via).
- I passi che si avvicinano dal corridoio fino a te e poi alla finestra: ho pensato che potessero essere passi che provenivano dal piano inferiore, o superiore, e che per propagazione attraverso le mura davano l'impressione di essere nella tua stessa stanza. Possibile, ma meno probabile.
Quando però hai citato il disco in ghisa sotto la finestra che ha fatto rumore, l'idea l'ho quasi scartata perché un disco di quel genere vibra per scosse ben superiori a quella di qualcuno che cammini al piano di sotto. E poi hai detto che era messo di piatto sul pavimento, quindi in posizione stabile.

- La tua fuga e addormentamento: qui ho pensato che il tutto potesse essere stato frutto di allucinazione ipnagogica, e che la stessa reazione del gatto fosse anch'essa parte dell'allucinazione, oppure che la prima parte del racconto fosse reale, e la seconda allucinata. Ma non torna però il fatto che al mattino hai trovato l'interrutore staccato.

Il tutto è molto strano e difficile da spiegare.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 6 Giorni fa #3

  • Gemini
  • Avatar di Gemini
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 472
  • Ringraziamenti ricevuti 64
  • Karma: 1
Salve Dany, ci sono alcune cose che non ho ben capito...a saltare è stato il salvavita, il contatore, o entrambi? Posso immaginare benissimo in che situazione tu ti sia trovata ed il terrore, però non ti sei preoccupata, per esempio, della roba in frigo dato la mancanza di corrente? Hai detto che la mattina è suonata la sveglia, sarà banale la domanda, ma di quale tipo di sveglia stiamo parlando? Ho anche io degli attrezzi in casa, anzi diciamo che ho una palestra intera :cool: , tutti i miei pesi sono gommati ai bordi...ho provato a camminare su un 10kg messo di piatto a terra, come hai spiegato tu, ti garantisco che è completamente solidale al suolo in quella posizione, magari i tuoi pesi saranno diversi dai miei, ma non cè modo di farlo emettere rumori se non alzandolo da un lato e lasciarlo poi cadere. Scusa la mia diffidenza, ma quando in un' esposizione di un fatto ci sono elementi che non mi convincono lo dico con molta franchezza.
πνεύματος
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 6 Giorni fa #4

  • valle
  • Avatar di valle
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1226
  • Ringraziamenti ricevuti 335
  • Karma: 26
In effetti quel punto del rumore del disco non l'ho capito nemmeno io. A meno che non stiamo parlando di un disco che dal centro alla circonferenza abbia una sorta di spessore, per cui anche piatto a terra non stia completamente adeso al pavimento ma stia un po' in bilico e mettendoci un piede sopra si inclini verso il bordo.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 6 Giorni fa #5

  • Gemini
  • Avatar di Gemini
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 472
  • Ringraziamenti ricevuti 64
  • Karma: 1
Valle, la quasi totalità dei pesi di questo genere sono del medesimo spessore dalla ciorconferenza fino al fulcro, ossia il foro di innesto, questo per facilitarne l' accoppiamento con altri e non richiedere troppo spazio sul bilanciere.


Questa immagine è nascosta per gli ospiti.
Effettua il login o registrati per vederlo.


Questi sono quelli più diffusi in commercio ed i medesimi che ho io.

Questo messaggio ha un'immagine allegata.
Accedi o registrati per visualizzarla.

πνεύματος
Ultima modifica: 1 Settimana 6 Giorni fa da Gemini.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 6 Giorni fa #6

  • valle
  • Avatar di valle
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1226
  • Ringraziamenti ricevuti 335
  • Karma: 26
Sì, infatti sto tentando di pensare come sia possibile che un disco faccia rumore, ma trovo la cosa molto strana. Anche volendo pestarlo sul bordo, non si avrebbe abbastanza forza per farlo alzare di lato... comunque, aspettiamo Dany per sapere come intende questo rumore.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #7

  • dany
  • Avatar di dany
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 48
  • Ringraziamenti ricevuti 6
  • Karma: 0
Ciao Valle, innanzitutto grazie di avermi risposto!
Ecco le mie considerazioni:
- È vero che restava possibile l’ipotesi di una causa esterna per i rumori nell’armadio, anche se io mi chiedo come mai, a quel punto, ciò si fosse limitato solo alle grucce e non anche ad altre cose in casa, per es. i vetri che avrebbero potuto vibrare o altri oggetti presenti sulla scrivania e nella camera che avrebbero potuto muoversi un po’, oppure anche ad es. il lampadario...
- Il rumore dei passi era assolutamente nitido, proprio come se ci fosse qualcuno proprio lì, nel mio corridoio prima e di fianco a me subito dopo; passi al piano di sotto o al piano di sopra dubito che avrei potuto sentirli così vicini e così chiaramente...
- il disco di ghisa non ha “vibrato”, bensì ha emesso dei rumori come se qualcuno lo stesse “calpestando”; un “calpestio” irregolare: cioè prima due volte, poi una brevissima pausa e poi una terza volta;
- mi sento di escludere totalmente l’ipotesi dell’allucinazione: il mio stato d'animo era tranquillo, non uso e non usavo droghe di nessun genere, non prendo e non prendevo farmaci, non avevo bevuto assolutamente nulla e non ho mai sofferto di allucinazioni né prima né dopo questo fatto; inoltre sono sicurissima che ero sveglia, assolutamente sveglissima. E’ vero che nel post di ieri ho detto che questa non è stata l’unica esperienza strana che ho avuto in vita mia ma ad altre cose accadute erano presenti anche altri “testimoni”.
- Il mattino successivo, tra l’altro, oltre ad aver trovato il contatore staccato, ho anche trovato i miei sandali lì, vicino al divano letto, lì dove li avevo lasciati quando sono scappata via scalza come stavo; inoltre appena ho riattivato la corrente, la luce nella stanza in cui tutto si è svolto si è accesa ovviamente, in quanto l'interruttore era stato da me lasciato su “on” nella "fuga".
Credimi, a distanza di anni sono ancora perplessa anch’io e ho provato a darmi le stesse spiegazioni, ma non ne sono affatto convinta...
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #8

  • dany
  • Avatar di dany
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 48
  • Ringraziamenti ricevuti 6
  • Karma: 0
Salve Gemini e grazie di avermi risposto; non ti devi scusare per le tue perplessità: anche io sono perplessa e inoltre il fatto che mi chiedi ulteriori dettagli per me vuol dire che ti interessi di capire bene prima di darmi un parere.
Ad ogni modo, ti confesso che mi è venuto da sorridere quando ho letto la tua domanda, perché ti assicuro che in quel momento di terrore non mi è passato nemmeno per l’anticamera del cervello di preoccuparmi della roba in frigo :hahahaha: ; se mi fosse rimasto un briciolo di coraggio, tutt’al più avrei pensato a prendere la gatta e a portarla via con me nella mia fuga... ma non l'ho fatto :scratch:
Quanto alla sveglia, io avevo ed ho ancora l’abitudine di usare un vecchio cellulare come sveglia; il quel frangente, ne avevo uno vecchio tutto sgangherato che in pratica usavo solo per la sveglia :hahahaha:
Il peso di ghisa lo possiedo e lo uso ancora, ti posto una foto.
Grazie di tutto e, se ti va, fammi sapere cosa ne pensi..

Questo messaggio ha un'immagine allegata.
Accedi o registrati per visualizzarla.

L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #9

  • dany
  • Avatar di dany
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 48
  • Ringraziamenti ricevuti 6
  • Karma: 0
Ciao Valle,
ho postato la foto del peso di ghisa (è esattamente “lui”); oggi come allora, noto che non è perfettamente aderente al suolo e che se ci poggio il piede sopra facendo peso (io peso una cinquantina di chili), si inclina verso il bordo producendo il rumore di cui vi ho parlato. Se ti va, dai un’occhiata e fammi sapere che ne pensi
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #10

  • valle
  • Avatar di valle
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1226
  • Ringraziamenti ricevuti 335
  • Karma: 26
Ciao Dany,

tengo a precisare che quando parlo di allucinazione ipnagogica intendo appunto "ipnagogica", cioè un tipo di allucinazione che si può avere in quella fase in cui ci si sta per addormentare, ma non si dorme ancora del tutto. Così come l'allucinazione ipnopompica è quella che si può avere subito dopo il risveglio (ma non ancora svegli del tutto). Ecco, giusto per farti capire che non è il tipo di allucinazione di cui soffrono gli schizofrenici oppure coloro che si trovano sotto l'effetto di droghe allucinogene come l'LSD. Quindi avere un'allucinazione di questo tipo è possibile per chiunque, senza essere malati o drogati.

Per quanto riguarda il peso sì, è proprio quello che intendevo con la mia idea, non è perfettamente piatto e quindi può inclinarsi di lato.

Di tutta la faccenda ciò che mi lascia perplesso è proprio quell'improvviso addormentamento, che tu ipotizzi possa essere stato svenimento, tuttavia l'idea di uno svenimento in quel frangente non è così probabile come si potrebbe pensare. E' vero che uno spavento, uno shock, possono anche provocare svenimento, ma nella maggior parte dei casi ciò avviene dopo il cessato pericolo e non durante. Questo perché la reazione di tipo adrenalinico, quella del "attacca o fuggi", per intenderci, attiva tutto l'organismo in modo potente: aumenta il battito cardiaco, la respirazione, aumenta la pressione, e così via... proprio per prepararti ad un'emergenza. Dubito che in una condizione tale ci si possa mettere a letto e addormentarsi in un minuto.
Ed è questo che mi fa pensare alla possibilità che tu abbia vissuto un evento allucinatorio, magari anche accompagnato da alcuni elementi veri, come il blackout, che ti sia alzata davvero e sia andata a letto, ma senza svegliarti completamente.
Non saprei, questa è una spiegazione, che non convince del tutto neanche me per le caratteristiche generali della situazione, ma è tutto ciò che mi viene in mente.

Oltre, naturalmente, al fatto che tu sia stata davvero visitata da qualche tipo di entità.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #11

  • Gemini
  • Avatar di Gemini
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 472
  • Ringraziamenti ricevuti 64
  • Karma: 1
Bene Dany, non devi ringraziare, ammetto che un pochino meticoloso lo sono, ma dato il fatto che quello di cui si parla qui non è roba di tutti i giorni, e un po' di particolari in più non guastano. Allora mi viene strano pensare che in una situazione come quella in cui ti sei trovata, uno possa andare a ficcarsi sotto le coperte anziché aprire la porta principale e sfuggire, per così dire, ad un' imminente minaccia avvertita...coperte che poi si trovano in una stanza del medesimo luogo dove stanno avvenendo cose inusuali e inquietanti. Io, per esempio, di istinto sarei fuggito fuori al pianerottolo ed acceso la luce delle scale, e dopo aver ripreso il controllo della emotività avrei riattaccato il contatore...non so, in queste circostanze, fino a che punto possano essere diversi gli istinti conservatori delle persone. Ecco il motivo per il quale ti ho domandato perché nn ti sei preoccupata della roba in frigo, insomma di ripristinare la situazione, ma non solo, credo tu non ti sia preoccupata neanche di tutto il resto. Con questo non voglio assolutamente dire che sei qui a raccontare frottole, ma solo che non riesco a capire certi comportamenti che alcune persone assumono di fronte a cose che non fanno parte dell' ordinario vivere quotidiano. Per quanto riguarda il peso, beh posso dirti che anche io ne ho alcuni così ma li ho dismessi, ed anche se non è del tipo gommato risulta di spessore omogeneo in tutta la forma...quindi eventuali instabilità possono essere attribuite al tipo di pavimento, a patto che quest' ultimo sia lo stesso di quando è successo il tutto, altrimenti non riesco a capire come si sia potuto sbilanciare.
πνεύματος
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #12

  • Gemini
  • Avatar di Gemini
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 472
  • Ringraziamenti ricevuti 64
  • Karma: 1
@Valle

Ti invito a guardare bene il peso...lascia perdere i solchi a scalare, il bordo del foro è del medesimo spessore di quello estremo della circonferenza...per capirci meglio servirebbe una foto fatta di taglio....
πνεύματος
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #13

  • dany
  • Avatar di dany
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 48
  • Ringraziamenti ricevuti 6
  • Karma: 0
Ben tornato/a valle, sì avevo capito cosa intendevi per allucinazione ipnagogica ma devo dirti che io sono assolutamente certa che da quando l'esperienza è iniziata a quando è finita io ero più che sveglia, sveglissima; è vero come è vero che lo sono adesso che sto scrivendo e come lo sei tu che stai leggendo!!! stavo guardando con interesse un programma televisivo e non stavo neppure stesa completamente; comunque io capisco che sia strana la faccenda dell'addormentamento improvviso, lo è anche per me ma io ricordo perfettamente quei pochi secondi che lo hanno preceduto, il cuore che batteva nel petto ed il terrore. Comunque rispetto la tua opinione naturalmente, domani cercherò di fare la foto di taglio. Grazie
Ultima modifica: 1 Settimana 4 Giorni fa da Nyma. Motivo: cmq=comunque
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #14

  • dany
  • Avatar di dany
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 48
  • Ringraziamenti ricevuti 6
  • Karma: 0
Ciao gemini, volevo solo precisarti che: non mi sono andata tranquillamente a coricare sotto le coperte come se nulla fosse accaduto... sono andata a rifugiarmici... Sono scappata semplicemente e, come avevo scritto nel mio primo post, la mia stanza da letto non è quella dove è avvenuto il fatto, ma un'altra camera. Comunque, per poter fuggire sul pianerottolo avrei dovuto:

1) recuperare le chiavi di casa nel buio (chissà dov'erano, non sono un gran che ordinata)
2) riuscire poi ad infilarle nella toppa e rigirare più volte per aprire la porta (do' sempre tutte le girate e poi tolgo le chiavi da dietro); il tutto dando le spalle alla "stanza del terrore"
3) calcola inoltre che non ero del tutto vestita... ;
Ad ogni modo, io non lo so se in quel momento ho fatto tutti questi ragionamenti, ma probabilmente, una volta raggiunto il letto, se non mi fossi addormentata così di colpo, certo avrei pensato al da farsi per uscire da quella situazione
Il fatto assoluto è che non è che io mi sia andata a mettere a letto come se nulla fosse successo... sono andata a nascondermi come primo istinto... poi il fatto che mi sono addormentata, l'ho detto: non lo so come sia potuto accadere
cmq capisco che tutta la faccenda sia strana, rispetto le tue opinioni naturalmente... non so cosa pensare neppure io; quanto al peso di ghisa, forse potrei provare a fare un video poggiando il piede sul peso e cercando di "riprodurvi" il rumore che ha fatto...
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #15

  • valle
  • Avatar di valle
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1226
  • Ringraziamenti ricevuti 335
  • Karma: 26
D'accordo, Gemini e Dany,
la questione del disco a questo punto non so nemmeno quanto sia importante. Voglio dire, capire se il peso possa oscillare davvero oppure no, in un quadro totalmente incomprensibile come questo, non fa molta differenza.
Ci sono svariati eventi che potrebbero essere reali oppure no, a partire dagli appendi abiti che tintinnano nell'armadio, passando per i passi invisibili, fino al peso calpestato. Se il peso potesse o non potesse fare rumore a questo punto non cambia molto.
Concordo con Gemini, ed è il punto su cui sto "battendo" anch'io, che la reazione del nascondersi è comprensibile ma fino ad un certo punto. Magari Gemini sarebbe scappato sul pianerottolo, io forse avrei fatto la stessa cosa, ma Dany ha avuto una reazione un po' infantile (senza offesa) del rifugiarsi sotto le coperte. In quel momento così si è sentita di fare.
Resta il fatto che l'improvvisa perdita di conoscenza o addormentamento istantaneo è qualcosa di veramente strano.

A questo punto se ne potrebbero pensare di tutti i colori, giusto per dirne qualcuna:

- intossicazione: contaminazione ambientale da qualche tipo di gas, sostanza, tossina nel cibo, farmaci
- allucinazione
- sogno
- suggestione scatenata da qualche elemento reale di partenza
- malore fisico e psichico
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #16

  • Gemini
  • Avatar di Gemini
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 472
  • Ringraziamenti ricevuti 64
  • Karma: 1
Forse sbaglio io a partire da certi presupposti che forse non tutti potranno osservare, per esempio non esiste che io chiuda la porta di casa togliendo le chiavi dalla serratura...non posso sapere cosa succederà durante la notte, un terremoto, un' incendio, o qualsiasi altra calamità alla quale potrei avere difficoltà di sfuggire solo cercando le chiavi: a volte alcuni secondi possono fare tanta differenza. Ma questo potrebbe trattarsi semplicemente di un' abitudine e non ci batto sopra più di tanto. Quello che contesto in toto non è il peso, i passi o il gatto che annusa, ma proprio il metodo escapologico non mi convince...restare isolati, chiusi dentro e completamente senza energia elettrica per poter almeno chiamare qualcuno, in una situazione ormai fuori controllo, ed andarsi a ficcare nel letto con quale tipo di speranza e soprattutto coraggio? se c' era qualcosa la avrebbe raggiunta anche li...il terrore a questo punto lo genera l' intero luogo e non solo quella stanza dove è avvenuto il fenomeno...o sbaglio? Sarebbe come esplorare un castello infestato ed all' accadimento di qualche fenomeno, per paura, andrei a rifugiarmi in qualche segreta...ormai il luogo ha generato il panico in me e me ne allontano prontamente e totalmente. Insomma, quello che voglio dire è che nel racconto ci sta tutto, peso compreso, ma quello di veramente anomalo è la reazione della persona che ha subito l' esperienza.
πνεύματος
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 5 Giorni fa #17

  • Śiva
  • Avatar di Śiva
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 11
  • Karma: 0
sera a tutti ragazzi..
a mio parere bisognerebbe anche mettersi nei panni di una donna.. al buio svestita, impaurita, senza chiavi a portata di mano(sicuramente nemmeno c'ha pensato durante la fuga)il suo istinto se ho capito bene era nascondersi non scappare, e delle volte in situazioni di pericolo nascondersi è la cosa più giusta da fare..
certo che sotto le coperte è alquanto strano come giustamente avete fatto notare..ma ripeto,nei panni di una donna, impaurita ed al buio ,ci può stare a mio parere.
comunque volevo chiedere ma il gatto poi che fine ha fatto ? il giorno dopo, dove si trovava?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 4 Giorni fa #18

  • Gemini
  • Avatar di Gemini
  • Offline
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 472
  • Ringraziamenti ricevuti 64
  • Karma: 1
@Siva
Certo che uno prova ad immedesimarsi, donna o uomo che sia, ma sicuramente questo non è uno di quei casi in cui l' istinto può suggerirti di nasconderti, infatti non stiamo parlando di occultarsi al tiro dei cecchini, bensì di una situazione creatasi che ha del paranormale, di incomprensibile e che incombe, quindi da chi o che cosa nascondersi? Se il tuo nemico non è una persona fisica, non puoi vederlo e quindi cercare di capire quali sono le sue intenzioni e le sue prossime mosse, come fai a non pensare all' istante che possa aspettarti proprio nel posto dove hai deciso di nasconderti? Hai presente certi film horror? ecco lo scenario è quello.
πνεύματος
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 4 Giorni fa #19

  • valle
  • Avatar di valle
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1226
  • Ringraziamenti ricevuti 335
  • Karma: 26
Infatti in questo forum ci sono state svariate discussioni riguardanti apparizioni notturne che hanno sollevato la medesima obiezione. Il racconto, solitamente, si svolge un po' così: ho visto una figura di tali fattezze, mi sono girato dall'altra parte e poi al mattino l'ho raccontato a mia sorella, mia madre, ecc...
Di fronte a questi racconti, la cosa che colpisce puntualmente è la reazione anomala. Chiunque sia presente a se stesso, di fronte all'apparizione di un'entità, o qualunque altro essere che non sia "di casa", si spaventa, è preda del panico, non si gira dall'altra parte nel letto.

Qui siamo di fronte ad un comportamento che non è indifferente, ma a modo suo è comunque anomalo. Il panico pare che si sia stato, ma la reazione non è molto comprensibile...addormentarsi di botto. A meno che non si sia davvero trattato di svenimento.
C'è sempre una spiegazione... basta sapere dove cercarla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

esperienza personale 1 Settimana 4 Giorni fa #20

  • dany
  • Avatar di dany
  • Offline
  • New Boarder
  • Messaggi: 48
  • Ringraziamenti ricevuti 6
  • Karma: 0
Ok, Valle e Gemini,
come vi ho detto io rispetto le opinioni di tutti, sono venuta qui proprio per ascoltarle, ma ad ogni modo si fa presto a dire “io avrei fatto questo, io avrei fatto quello” e giudicare una reazione altrui “infantile”; difatti, una cosa è sentire raccontare un’esperienza da un’altra persona e ragionarci su col senno di poi e una cosa molto diversa è viverla in prima persona, quando meno te l’aspetti.
Valle: comunque una allucinazione, come dici tu, può durare pochi secondi, del tipo “dormivo, mi sono girata, ho visto qualcosa che subito dopo è sparita ecc.”…. ma non può essere così articolata e vivida secondo me; escludo anche l’intossicazione e il malore fisico/psichico. E comunque io non ho visto niente, ho solo sentito, per fortuna.
Gemini: io sapevo che non si lascia mai la chiave dietro la porta, inserita nella serratura, in quanto un ipotetico malintenzionato farebbe presto ad infilare uno dei suoi aggeggini del mestiere attraverso la serratura, “afferrarla” e girarla riuscendo così ad aprire; a terremoti ed incendi, forse sarò sprovveduta ma di solito non ci penso!
Io, ripeto, accetto ogni tipo di considerazione, ma il ragionamento che mi fai secondo me non ci sta proprio: mica avevo programmato io o potuto prevedere in qualche modo di restare in quella situazione? Io non mi trovavo “in esplorazione in un castello infestato”, preparata e pronta alla reazione, bensì a casa mia ed io di solito a casa mia mi sento al sicuro. Certo non sarei andata ad immaginare il verificarsi di eventi simili; questi hanno provocato una reazione che forse può anche sembrare anomala, ma è stato un istinto immediato quello di allontanarmi dalla camera prima di tutto; sul momento, io tanti ragionamenti (del tipo che una “qualche cosa mi avrebbe poi raggiunta ecc”, come dici tu Gemini), non li ho fatti (e voglio vedere chi sarebbe stato così fermo e freddo da farli prima di scappare!); fino a quando non è andata via la luce magari sì, stavo pensando di chiamare il mio ragazzo, ma al blackout … voglio vedere voi, colti nell’intimità e nel relax di casa vostra da cose del genere, il tutto nel giro di pochi secondi (passi, movimento del peso e black out si sono susseguiti molto rapidamente), senza più poter vedere cosa accade intorno a voi! Poi ovvio che una volta raggiunta l’altra camera l’istinto è stato di saltare sul letto e coprirsi, col cuore in gola e naturalmente con tutti i sensi “in ascolto”; non lo so poi come sia stato possibile perdere i sensi.
Comunque una domanda vorrei farvela: anche se avessi mantenuto maggiore calma e lucidità, difronte a ciò che era accaduto come sarebbe stato possibile pensare ad una qualche forma di difesa?? Ero sola, al buio e nel panico. Poi ripeto, se non avessi perso i sensi in pochi secondi, avrei pensato al da farsi per uscire da casa. Ma non ne ho avuto il tempo.
Comunque ok, io vi ringrazio per l’ascolto e per avermi dato la possibilità di condividere. Certo ho apprezzato (anche se non mi hanno convinta) molto di più le varie ipotesi fatte nel tentativo di aiutarmi a dare una spiegazione ai fenomeni che ho descritto (allucinazione ipnagogica, sogno ecc ecc.), anziché le così tante obiezioni sulla mia reazione di fuga; infatti mi è sembrato che più che ricevere dei pareri, qui mi sia dovuta per lo più giustificare. La sensazione è stata che, più che fare ipotesi, l'impegno sia stato profuso per trovare "appigli" atti a "dimostrare" che io stia mentendo. Non capisco poi a che scopo. Resta inteso che rispetto le vostre opinioni, ma questa osservazione mi è sembrata doveroso farla e mi riferisco soprattutto a Gemini.
Ultima modifica: 1 Settimana 4 Giorni fa da Nyma. Motivo: cmq=comunque x=per
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.835 secondi

Utilizziamo cookies per migliorare la tua navigazione. Cliccando su 'Chiudi' ne autorizzi l'uso.