DOSSIER

CASI ED EPISODI RIMASTI NEL MISTERO

La casa infestata

Nella casistica colma di interessanti episodi a carattere inspiegabile, i casi di poltergeist ricoprono sicuramente una parte corposa e tanto affascinante: oggetti che volano o si spostano, violenze su ignare vittime, rumori, spostamenti, suoni. Il tutto di origine invisibile.
Per tanto tempo, si è creduto che l'origine fosse riconducibile esclusivamente a spettri dispettosi (tra l'altro l'origine del termine ne riprende il significato) poi con l'avvento degli studi parapsicologici moderni c'è stato qualche risultato in merito al fatto che i poltergeist potrebbero scaturire da effetti psicocinetici inconsci di soggetti con situazioni mentali represse. Sostanzialmente nessuno ancora oggi ha potuto verificarne le cause nonostante il fenomeno abbia avuto numerosi casi in giro per il mondo con testimoni oculari non di parte.
Ma l'oggetto di questo articolo non è sul fenomeno in generale e non voglio rifilarvi l'ennesimo postulato su teorie dette e ridette.
Questa volta voglio presentarvi un caso di questa fenomenologia che rischiava di rimanere sbiadito dal tempo e che invece grazie alla Golem Edizioni abbiamo potuto ritrovare nelle librerie con il titolo La casa infestata. Il grande mistero di Amherst.

Appena entrato in possesso di una copia non mi sono fiondato a leggerlo, devo essere sincero. E' rimasto tra i miei libri sul paranormale per settimane. Poi una sera dello scorso inverno, mentre ero riuscito a ritagliarmi qualche momento lontano da questa tastiera, iniziai a leggerne l'introduzione e in pochi giorni lo terminai.

Quando inizio a leggere una storia che consapevolmente so essere inquietante, mi piace partire dalle informazioni relative al contesto storico, geografico, climatico.
Ci troviamo ad Amherst, Nuova Scozia, Canada, siamo nell'agosto del 1878 e in una piccola casa abitata da 5 persone si svolse uno dei casi più spaventosi di poltergeist conosciuto come il "Grande mistero di Amherst".

"Proviamo a trattenerla, così che questo demonio non possa farla andare in giro per il letto..."

Tutto ruota intorno alla giovane Esther Cox, ai suoi parenti e alla straordinaria figura di investigatore di Walter Hubbel che riassunse poi questa sua avventura nel libro sopra citato. Hubbel, attore ed appassionato materie occulte, avendo saputo di questa situazione e trovandosi nelle vicinanze decide di trascorrere ben sei settimane all'interno di questa casa nel mentre accadevano questi fatti inspiegabili così da portare ai nostri giorni un resoconto affidabile come solo un testimone oculare può fornire. Tra l'altro, tornando all'edizione pubblicata dalla Golem (La casa infestata. Il grande mistero di Amherst) vi è un allegato speciale pubblicato in un'edizione del 1916 con ben 16 testimonianze di chi assistette personalmente ai fenomeni inspiegabili, cittadini di Amherst che confermarono la veridicità dei fatti.

Unico punto fermo. I fatti si svolsero sempre quando era presente la giovane Esther Cox, tra l'altro, vittima frequente di vessazioni e violenze da parte di queste entità invisibili.

Durante la lettura vi ritroverete a leggere un vero e proprio diario di quei giorni, che parte dalla descrizione degli ambienti che compongono la casa e che vi porterà lì, al fianco di Walter Hubbel, tra incursioni notturne dell'entità invisibile, oggetti che volano schiantandosi su una parete in pieno giorno, tonfi, voci.
L'autore prima si dice propenso a credere ad una natura demoniaca dei fenomeni per poi qualche anno dopo, propendere per una infestazione vera e propria dovuta alle anime inquiete presenti in quella abitazione ed elaborando una sua personale teoria.
A mio parere, nel secondo capitolo si nasconde la vera natura di questi fenomeni, che apparirono e sparirono misteriosamente senza alcuna spiegazione ma che partirono successivamente ad un evento traumatico vissuto dalla protagonista.

Resta a mio parere un caso davvero affascinante che ha conquistato un posto speciale nei casi che preferisco e mi piacerebbe scambiare qualche chiacchiera con voi in merito.
Come sempre, buona lettura :)

 

ALLEGATI

Registrati per accedere agli allegati

Utilizziamo cookies per migliorare la tua navigazione. Cliccando su 'Chiudi' ne autorizzi l'uso.